Allergia alimentare: segni, sintomi, cause, pericoli e cure


L’allergia alimentare è una reazione del sistema immunitario che si verifica subito dopo aver mangiato un determinato cibo. Anche una piccola quantità di cibo può causare una allergia alimentare è può innescare segni e sintomi come problemi digestivi, orticaria o gonfiore delle vie aeree. In alcune persone, una allergia alimentare può provocare sintomi gravi o addirittura una reazione pericolosa per la vita conosciuta come anafilassi.

Link sponsorizzati

L’allergia alimentare colpisce circa il 6-8 per cento dei bambini sotto i 5 anni, e circa 3 a 4 per cento degli adulti. E’ facile confondere una allergia alimentare, con una reazione molto più comune conosciuta come intolleranza alimentare. L’intolleranza alimentare è una condizione meno grave che non coinvolge il sistema immunitario.

Sintomi

Per alcune persone, una reazione allergica ad un determinato alimento può essere scomoda, ma non grave. Per gli altri, una reazione allergica alimentare può essere spaventosa e anche pericolosa per la vita. Sintomi di allergia alimentare si sviluppano solitamente in pochi minuti o due ore dopo aver mangiato l’alimento incriminato. Le allergie alimentari possono verificarsi anche la prima volta che si mangia un alimento.

I più comuni sintomi di allergia alimentare sono:

  • Formicolio o prurito in bocca
  • Orticaria, prurito o eczema
  • Gonfiore delle labbra, viso, lingua e gola, o altre parti del corpo
  • Dispnea, congestione nasale o problemi respiratori
  • Dolore addominale, diarrea, nausea o vomito
  • Vertigini, stordimento o svenimento

Anafilassi

In alcune persone, una allergia alimentare può scatenare una grave reazione allergica chiamata anafilassi. Ciò può causare un serio pericolo per la vita i sintomi sono:

  • Costrizione e  serraggio delle vie aeree
  • Una gola gonfia o la sensazione di un nodo in gola che rende difficile respirare
  • Shock, con un grave calo della pressione sanguigna
  • Vertigini o perdita di coscienza

Il trattamento di emergenza è fondamentale per l’anafilassi. Non trattata, può causare coma o il decesso

allergia al cibo1.gif

Allergia alimentare indotta

Alcune persone hanno una reazione allergica ad un alimento indotta dall’esercizio fisico. Mangiare certi cibi può farti sentire prurito e vertigini durante l’allenamento. Nei casi più gravi, può causare reazioni come orticaria o anafilassi. Non mangiare per un paio d’ore prima di allenarsi o e di evitare alcuni cibi può aiutare a prevenire questo problema.

Sindrome allergica da polline

In molte persone che hanno la febbre da fieno, frutta e verdura fresca, alcuni frutti a guscio e le spezie possono innescare una reazione allergica che provoca formicolio o prurito. Questo è un esempio di cross-reattività. Le proteine ​​della frutta e della verdura possono causare la reazione perché sono simili a quelle che causano allergia ad alcuni tipi di pollini. Per esempio, se si è allergici all’ambrosia, si può anche avere una razione allergica ai meloni, se si è allergici al polline di betulla, si può anche avere una reazione allergica alle mele.

Vedere un medico o un allergologo se si hanno sintomi di allergia alimentare poco dopo aver mangiato. Se possibile, consultare il medico quando la reazione allergica si sta verificando. Questo aiuterà il medico a fare una diagnosi.

Occorre l’intervento medico se si sviluppano segni o sintomi di anafilassi, come ad esempio:

  • Costrizione delle vie aeree che rende difficile respirare
  • Shock
  • Vertigini o capogiri

Cause

Quando si ha un allergia alimentare, il sistema immunitario identifica erroneamente un alimento specifico o una sostanza nel cibo come qualcosa di dannoso. Il sistema immunitario scatena le cellule a rilasciare gli anticorpi noti come immunoglobuline E (IgE), per neutralizzare la sostanza colpevole. La prossima volta che si mangia anche la più piccola quantità di quel cibo, gli anticorpi IgE iniziano a rilasciare una sostanza chimica chiamata istamina, così come altre sostanze chimiche, nel flusso sanguigno.

Queste sostanze chimiche causano una serie di segni e sintomi di allergia. Essi sono responsabili di reazioni allergiche che includono naso gocciolante, prurito agli occhi, gola secca, eruzioni cutanee, orticaria, nausea, diarrea, respiro affannoso, e perfino shock anafilattico.

La maggior parte delle allergie alimentari sono scatenate da alcune proteine ​​in:

  • Crostacei, come gamberetti, aragoste e granchi
  • Arachidi
  • Frutta a guscio, come noci e noci pecan
  • Pesce
  • Uova

Nei bambini, le allergie alimentari sono spesso innescate da proteine di:

  • Uova
  • Latte
  • Arachidi
  • FRUTTA A GUSCIO
  • Grano

Il Cioccolato, pensato a lungo da alcuni genitori come responsabile di allergie alimentari nei bambini, raramente provoca una allergia alimentare.

Intolleranze alimentari e altre reazioni

Ci sono una serie di reazioni agli alimenti che causano sintomi simili a una allergia alimentare. A seconda del tipo di intolleranza alimentare, si può essere in grado di mangiare piccole quantità di cibo senza una reazione. Al contrario, se si dispone di una vera allergia alimentare, anche una piccola quantità di cibo può scatenare una reazione allergica. Poiché una intolleranza alimentare può comportare alcuni degli stessi segni e sintomi di un’allergia alimentare le persone possono confondere le due cose.

Uno degli aspetti di difficile diagnosi di una intolleranza alimentare è che alcune persone sono sensibili non al cibo stesso, ma ad una sostanza o un ingrediente utilizzato nella preparazione del cibo.

Condizioni comuni che possono causare sintomi scambiati per una allergia alimentare sono:

  • Assenza di un enzima necessario per digerire un alimento completamente. Una quantità insufficiente dell’enzima lattasi, ad esempio, riduce la capacità di digerire il lattosio, lo zucchero principale dei prodotti lattieri. L’intolleranza al lattosio può causare gas gonfiore, crampi, diarrea e in eccesso.
  • Intossicazione alimentare. A volte l’intossicazione alimentare è in grado di simulare una reazione allergica.
  • Sensibilità agli additivi alimentari. Alcune persone hanno reazioni digestive e altri sintomi dopo aver mangiato determinati additivi alimentari. Per esempio, solfiti usati per conservare frutta secca, cibi in scatola e il vino possono scatenare attacchi di asma nelle persone sensibili.
  • Ricorrenti fattori di stress o psicologico. A volte il solo pensiero che un alimento possa far male scatena sintomi simili ad una allergia. La ragione non è completamente nota.
  • Malattia celiaca. Mentre la celiachia è a volte indicata come un allergia al glutine, non è una vera allergia alimentare. Come una allergia alimentare, essa comporta una risposta del sistema immunitario, ma è una reazione unica e più complessa di una semplice allergia alimentare.

Fattori di rischio

Fattori di rischio di una allergia alimentare sono:

  • Storia di famiglia. Si è a rischio di allergie alimentari se l’asma, eczema, orticaria e allergie, come la febbre da fieno, sono comuni nella famiglia.
  • L’allergia alimentare passata. I bambini che crescendo vedono sparire alcune allergie alimentari dell’infanzia, possono vederle tornare nel corso della vita.
  • Altre allergie. Se si è  già allergici ad un alimento, si può avere un aumentato rischio di diventare allergici ad un altro.
  • Età. Le allergie alimentari sono più comuni nei bambini. Come si invecchia,  il sistema digestivo e il  corpo hanno meno probabilità di assorbire componenti alimentari o alimenti che scatenano allergie.
  • L’asma. L’asma e le allergie alimentari comunemente si verificano insieme.

I fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare una reazione anafilattica sono:

  • Avere una storia di asma
  • Essere un adolescente o giovane
  • Non avere orticaria o altri sintomi cutanei

Complicazioni

Complicazioni di allergia alimentare possono includere:

  • Dermatite atopica (eczema). l’allergia alimentare può provocare una reazione della pelle, come l’eczema.
  • Emicranie. Istamine, rilasciate dal sistema immunitario durante una reazione allergica, hanno mostrato di innescare le emicranie in alcune persone.

allergia la cibo21.jpg

Diagnosi

Non ci sono test standard usati per confermare o escludere una allergia alimentare. Il medico prenderà in considerazione una serie di cose prima di fare una diagnosi.

  • Descrizione dei sintomi. Il paziente dovrebbe riferire al medico ogni sintomo presente, e se ci sono storie pregresse di altre allergie
  • Esame fisico. Un esame attento è in grado di identificare o escludere altri problemi medici.
  • Diario alimentare. Il medico può chiedere di tenere un diario alimentare delle abitudini alimentari, i sintomi e i farmaci per individuare il problema.
  • Test cutaneo. Un test cutaneo è in grado di determinare la reazione a un determinato alimento.
  • Dieta di eliminazione. Potrebbe essere chiesto di eliminare i cibi sospetti per una settimana o due, e quindi riaggiuungerli di nuovo nella  dieta uno alla volta.
  • Analisi del sangue. Un esame del sangue è in grado di misurare la reazione del sistema immunitario a particolari alimenti, controllando la quantità di anticorpi nel sangue, noti come immunoglobuline E (IgE).

Trattamenti

L’unico modo per evitare una reazione allergica è quello di evitare gli alimenti che causano segni e sintomi. Tuttavia, nonostante i  migliori sforzi si può entrare in contatto con un alimento che provoca una reazione.

Per una reazione allergica minore, normali antistaminici possono contribuire a ridurre i sintomi. Questi farmaci possono essere presi dopo l’esposizione per contribuire ad alleviare il prurito o l’orticaria. Tuttavia, gli antistaminici non possono trattare una grave reazione allergica.

Per una reazione allergica grave, potrebbe essere necessaria una iniezione di emergenza di adrenalina e un viaggio al pronto soccorso. Molte persone con allergie portano un autoiniettore di epinefrina. Questo dispositivo inietta una singola dose di farmaco quando viene premuto contro la coscia.

Se il medico ha prescritto un autoiniettore adrenalina:

  • Il paziente non deve mai dimenticarla a casa. Può essere una buona idea tenere un extra autoiniettore in auto o nella scrivania al lavoro.
  • Assicurarsi sempre di sostituire l’adrenalina prima della sua data di scadenza.
  • Assicursi di sapere come utilizzare l’autoiniettore. Inoltre, assicurarsi che le persone più vicine sappiano come utilizzarlo in caso di emergenza anafilattica.

Trattamenti sperimentali

Mentre la ricerca continua a trovare trattamenti sempre più efficaci per ridurre i sintomi dell’allergia alimentare, non c’è alcun trattamento di dimostrato in grado di prevenire o alleviare i sintomi del tutto. Purtroppo l’immunoterapia, non è efficace per il trattamento di allergie alimentari.

Due trattamenti che hanno mostrato qualche buon risultato sono:

  • Anti-IgE . Il farmaco Omalizumab (Xolair) interferisce con la capacità dell’organismo di utilizzare le IgE. Il farmaco è attualmente studiato per il trattamento dell’asma allergica e allergie alimentari. Tuttavia, questo trattamento è ancora considerato sperimentale. Questa terapia è stata associata ad un potenziale aumento del rischio di anafilassi.
  • Immunoterapia orale. I ricercatori hanno studiato l’uso di immunoterapia orale (OIT) come trattamento per l’allergia alimentare. Piccole dosi del cibo al quale si è allergici vengono somministrati per via sublinguale. La dose viene poi gradualmente aumentata. I primi risultati sembrano promettenti, anche nelle persone con allergia alle arachidi. Servono tuttavia ulteriori studi per poter confermare il real ebeneficio di questo trattamento.

Referenze »

W. Burks manifestazioni cliniche di allergia alimentare: una panoramica. http://www.uptodate.com/home/index.html. 11 NOVEMBRE 2010.
Allergie alimentari: una panoramica. Istituto Nazionale di Allergologia e Malattie Infettive. http://www.niaid.nih.gov/topics/foodAllergy/Documents/foodallergy.pdf.  11 NOVEMBRE 2010.
Mancanza G. Allergie alimentari. New England Journal of Medicine. 2008; 359:1252.
Atkins allergia alimentare D.: Diagnosi e gestione. Primary Care: Clinics in pratica di Office. 2008; 35:119.
Hoffman A, et al. Polline allergia sindrome alimentare: Aggiornamento sulla allergeni. Allergia Asma correnti e rapporti. 2008; 8:413.
Chapman JA, et al. Allergie alimentari. Annals of Allergy, Asthma and Immunology. 2006, 96: S1.
Fleischer DM, et al. Alimenti per via orale sfide nei bambini con una diagnosi di allergia alimentare. The Journal of Pediatrics. In corso di stampa. 11 NOVEMBRE 2010.
Fried AJ, et al. Anti-IgE nel trattamento dei disturbi allergici in pediatria. Current Opinion in Pediatrics. 2010; 22:758.
Scurlock AM, et al. Un aggiornamento sulla immunoterapia per l’allergia alimentare. Current Opinion in Allergologia e Immunologia Clinica. 2010; 10:587.
Xiu-Min L. medicina complementare e alternativa in pediatria disturbi allergici. Current Opinion in Allergologia e Immunologia Clinica 2009; 9:161.
Li X. rimedi tradizionali cinesi per l’asma e allergie alimentari. Gazzetta di Allergologia e Immunologia Clinica. 2007; 120:25.
Teuber SS, et al. Approcci diagnostici e terapeutici di allergia alimentare e intolleranza. Current Opinion in Allergologia e Immunologia Clinica. 2003; 3:217.
Linee guida per la diagnosi e la gestione di allergia alimentare negli Stati Uniti: Sintesi della relazione NIAID sponsorizzato gruppo di esperti. Bethesda, Maryland: Istituto Nazionale di Allergologia e Malattie Infettive. http://www.niaid.nih.gov/topics/foodallergy/clinical/Pages/default.aspx.  13 Dicembre 2010.

Link sponsorizzati