Terrori notturni: sintomi, cause, diagnosi e terapie


I terrori notturni sono episodi di paura nel sonno. Sono spesso in coppia con il sonnambulismo. Anche se i terrori notturni sono più comuni nei bambini, possono colpire anche gli adulti. Un episodio terrore notturno dura solitamente da alcuni secondi ad alcuni minuti.

Link sponsorizzati

I terrori notturni sono relativamente rari, e colpiscono solo una piccola percentuale di bambini, spesso di età compresa tra i 4 e 12 anni, e una minore percentuale di adulti. Tuttavia  di solito non sono un motivo di preoccupazione.

Sintomi

I terrori notturni sono  diversi dagli incubi. Il sognatore di un incubo si sveglia dal sogno e ricorda i dettagli, ma una persona che ha un episodio di terrore  rimane addormentato. I bambini di solito non ricordano nulla  al mattino. Gli adulti possono recuperare un frammento di sogno che avevano durante i terrori notturni.

Come il sonnambulismo e gli incubi, i terrori notturni sono una parasonnia, ovvero un evento indesiderato durante il sonno. I terrori di solito si verificano durante il primo terzo del periodo di sonno.

Durante un episodio di terrore notturno, una persona può:

  • Sedersi sul letto
  • Urlare o gridare
  • Calciare
  • Sudare, respirare pesantemente o avere tachicardia
  • Non riuscire a risvegliarsi
  • Essere inconsolabile
  • Scendere dal letto e correre intorno alla casa
  • Impegnarsi in comportamenti violenti (più comune negli adulti)
  • Stare con gli occhi spalancati

Terrori notturni

Occasionali terrori notturni di solito non sono un motivo di preoccupazione.

Consultare il medico se :

  • Diventano più frequenti
  • Disturbano il sonno
  • Causano al bambino la paura di andare a dormire
  • Portano a comportamenti pericolosi o lesivi
  • Sembrano seguire lo stesso modello di volta in volta

Cause

Vari fattori possono contribuire  tra cui:

  • Privazione del sonno
  • Fatica
  • Stress
  • Ansia
  • Febbre (nei bambini)
  • Dormire in un ambiente non familiare
  • Luci e rumori

I terrori notturni a volte sono associati con condizioni di base che influenzano il sonno, come ad esempio:

  • Disturbi respiratori nel sonno. Un gruppo di malattie caratterizzate da modelli di respirazione anormali durante il sonno, il più comune dei quali è l’apnea ostruttiva del sonno
  • Emicrania
  • Lesioni alla testa

In altri casi, l’uso di alcol, droghe illegali o  alcuni medicinali,tra cui alcuni antistaminici, sedativi e sonniferi possono innescare terrori notturni.

Fattori di rischio

I terrori notturni tendono a tramandarsi nelle famiglie. Alcuni adulti che hanno il problema possono avere una storia di disturbi depressivi o di ansia, anche se molti non hanno una condizione di salute mentale di base.

Complicazioni

I terrori non sono necessariamente un problema. Possono però causare eccessiva sonnolenza diurna, che può portare a difficoltà a scuola o al lavoro, o problemi con le attività quotidiane .

  • Danneggiare se stessi o  altri è un’altra possibile complicanza rara.

Diagnosi

I Terrori notturni di solito sono auto-diagnosticati. Il medico può fare un esame fisico o psicologico per identificare eventuali condizioni che possono contribuire. In alcuni casi, uno studio del sonno in un laboratorio del sonno durante la notte può essere raccomandato.

Trattamenti

Il trattamento non è solitamente necessario. Se il bambino ha il terrore notturno, è sufficiente attendere che passi. Non scuotere mai un bambino ne tantomeno gridare, in presenza di un episodio di terrore notturno, questo peggiorerebbe le cose. Molto meglio aspettare e calmare il bambino con tranquillità.

Se il terrore notturno è  associato ad una condizione di base medica o psicologica, il trattamento è volto al problema di fondo. Se lo stress o l’ansia sembrano contribuire, il medico può suggerire l’incontro con un terapeuta o un consulente. La terapia cognitivo-comportamentale, l’ipnosi, il biofeedback e il rilassamento possono aiutare.

I Farmaci sono usati raramente per il trattamento dei terrori notturni, in particolare per i bambini. Se necessario, tuttavia, l’uso di benzodiazepine o di alcuni antidepressivi può aiutare a ridurre il problema.

Link sponsorizzati