Lo shock cardiogeno: sintomi e pericoli


Lo shock cardiogeno è una condizione in cui il tuo cuore improvvisamente non riesce a pompare sangue per soddisfare le esigenze del vostro corpo. Lo shock cardiogeno è spesso causato da un grave attacco cardiaco.

Link sponsorizzati

Shock cardiogeno è rara, ma è spesso fatale se non trattata immediatamente. Se trattata immediatamente, circa la metà delle persone che sviluppano shock cardiogeno sopravvivere.

Sintomi

I sintomi includono:

  • Respirazione rapida
  • Grave insufficienza respiratoria
  • Improvvisa, accelerazione del battito cardiaco (tachicardia)
  • Confusione
  • Perdita di coscienza
  • Polso debole
  • Sudorazione
  • Pelle pallida
  • Mani e piedi freddi
  • Urinare meno del normale o per niente

shock cardiogeno.jpg

I sintomi di un attacco di cuore

Poichè lo shock cardiogeno di solito si verifica nelle persone che stanno avendo un grave attacco cardiaco, è importante conoscere i segni e sintomi di un attacco di cuore. Questi includono:

  • Pressione,dolore nel centro del petto che dura più di pochi minuti
  • Il dolore si estende oltre il petto alla spalla, braccio, schiena, o anche ai denti e mandibola
  • L’aumento di episodi di dolore toracico
  • Dolore prolungato nella parte superiore dell’addome
  • Mancanza di fiato
  • Sudorazione
  • Senso incombente di catastrofe
  • Svenimenti
  • Nausea e vomito

Chiamare il 118 in presenza di questi sintomi.

Più rapidamente arriva il trattamento medico, più migliora le possibilità di sopravvivenza e riduce al minimo i danni al cuore.

Cause

Lo shock cardiogeno accade quando il cuore non può pompare abbastanza sangue al resto del corpo. Più comunemente, lo shock cardiogeno succede quando la principale camera di pompaggio del cuore, il ventricolo sinistro, è danneggiata a causa della mancanza di ossigeno causata da un attacco di cuore.

Un attacco cardiaco si verifica quando uno o più delle arterie che alimentano il cuore con sangue ricco di ossigeno (arterie coronarie) si bloccano.

Raramente, lo shock cardiogeno succede anche quando il ventricolo destro del cuore è danneggiato. Il ventricolo destro del  cuore invia il sangue ai polmoni per ricevere ossigeno prima di essere pompato al resto del corpo. Danni al ventricolo destro fanno in modo che il cuore non possa efficacemente pompare il sangue ai polmoni, per cui il  corpo non riceve sufficiente ossigeno.

Anche se gli attacchi di cuore sono la causa più comune, lo shock cardiogeno può anche verificarsi a causa di altre condizioni, come gonfiore del muscolo cardiaco (miocardite) o infezione delle valvole cardiache (endocardite). Altre cause includono overdose o avvelenamento con sostanze che possono influenzare la capacità di pompaggio del cuore.

Fattori di rischio

Persone che hanno un attacco di cuore hanno un rischio maggiore di sviluppare shock cardiogeno . Fattori che aumentano il rischio di shock cardiogeno sono:

  • Avere più di 65 anni
  • Avere una storia di insufficienza cardiaca o attacco di cuore
  • Avendo blocchi (malattia coronarica) in molte delle arterie principali del  cuore

Complicazioni

Se non trattato immediatamente, lo shock cardiogeno può essere fatale. Un’altra grave complicanza dello shock cardiogeno è un danno agli organi.

Se il  cuore non può pompare abbastanza sangue ossigenato al resto del corpo, il fegato, i reni o altri organi potrebbero essere danneggiati. Il danno al fegato o ai reni può peggiorare lo shock cardiogeno, dal momento che i reni rilasciano sostanze chimiche che mantengono il funzionamento dei muscoli e il fegato rilascia proteine ​​che aiutano il sangue a coagulare. A seconda di quanto tempo si permane in stato di shock cardiogeno, il danno potrebbe essere permanente.

Diagnosi

Lo shock cardiogeno è di solito diagnosticato in emergenza. I medici controllano segni e sintomi di shock, e quindi eseguono ulteriori test per scoprire che cosa sta causando la condizione. I test per diagnosticare lo shock cardiogeno sono:

  • Misurazione della pressione arteriosa. Le persone in stato di shock hanno spesso molto bassi valori di pressione sanguigna.
  • Elettrocardiogramma (ECG). Questo è il primo test fatto per diagnosticare un attacco cardiaco. Questo esame registra l’attività elettrica del cuore mediante elettrodi attaccati alla pelle.
  • La radiografia del torace.
  • Gli esami del sangue. Vengono fatti per cercare segni di un’infezione nel  cuore, e per vedere se si ha avuto un attacco di cuore. Un altro tipo di esame del sangue (emogasanalisi arteriosa) può essere utilizzato anche per determinare la quantità di ossigeno presente nel sangue.
  • Ecocardiogramma.
  • Cateterizzazione coronarica (angiografia). Questo test può mostrare se le arterie coronarie sono bloccate o ridotte.

Trattamenti

Il trattamento dello shock cardiogeno si concentra sulla riparazione dei danni al muscolo cardiaco e agli altri organi causati da mancanza di ossigeno.

cuore shock.jpg

Supporto di emergenza

Il supporto di emergenza è un trattamento necessario per la maggior parte delle persone che hanno uno shock cardiogeno. Durante il supporto di emergenza , viene dato ossigeno per minimizzare i danni. Se necessario, si collega il paziente ad una macchina per la respirazione. I farmaci e i fluidi vengono dati  attraverso una via endovenosa.

Farmaci

I farmaci per il trattamento dello shock cardiogeno mirano a migliorare il flusso sanguigno attraverso il cuore e ad aumentare la capacità di pompaggio del cuore.

  • Aspirina. L’aspirina riduce la coagulazione del sangue e aiuta a mantenere fluido il sangue che scorre attraverso una arteria ristretta.
  • Trombolitici. Questi farmaci, clotbusters, contribuiscono a sciogliere un grumo di sangue che sta bloccando il flusso di sangue al cuore.
  • Similaspirina. I medici del pronto soccorso possono dare altri farmaci che sono in qualche modo simili all’aspirina per aiutare a prevenire la formazione di coaguli. Queste includono  clopidogrel (Plavix) ed altri chiamati glicoproteina piastrinica IIb / IIIa.
  • Altri farmaci per fluidificare il sangue. L’eparina, per ridurre la probabilità di formare coaguli. L’eparina è somministrata per via endovenosa o tramite iniezioni sotto la pelle e di solito è utilizzata durante i primi giorni dopo un attacco di cuore.
  • Agenti inotropi. La dopamina o adrenalina, per tentare di migliorare e supportare la funzione cardiaca fino a quando altri trattamenti iniziano a lavorare.

Procedure mediche

Le procedure mediche per il trattamento dello shock cardiogeno si concentrano sul ripristino del flusso sanguigno attraverso il cuore. Essi includono:

Angioplastica e stenting. questa procedura  è sta ampiamente spiegata in questo articolo

Chirurgia

Se i farmaci e le procedure mediche non funzionano, il medico può raccomandare un intervento chirurgico.

  • Intervento di bypass coronarico.
  • Intervento chirurgico per riparare una ferita al cuore.
  • Pompa meccanica. Questi dispositivi meccanici, chiamati dispositivi di assistenza ventricolare sinistra (LVADs), vengono impiantati nell’addome e collegati ad un cuore indebolito per aiutarlo a pompare.
  • Trapianto di cuore. Un trapianto di cuore può essere l’ultima risorsa per il trattamento di shock cardiogeno.

Referenze »

Lo shock cardiogeno. National Heart, Lung, ed ematologia. http://www.nhlbi.nih.gov/health/dci/Diseases/shock/shock_what.html. Consultato il 27 Luglio 2011.
Reynolds HR, et al. Lo shock cardiogeno: concetti attuali e migliorare i risultati. Circolazione. 2008; 117:686.
Goldberg RJ, et al. Trenta anni di trend (1975 al 2005) nella grandezza della gestione e tassi di mortalità grave; ospedaliera associati con lo shock cardiogeno nei pazienti con infarto miocardico acuto. 2009; 119:1211.
Menon V, et al. Prognosi e trattamento dello shock cardiogeno complica l’infarto miocardico acuto. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 27 Luglio 2011.
Hochman JS, et al. Le manifestazioni cliniche e diagnosi di shock cardiogeno. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 27 Luglio 2011.

 

Link sponsorizzati