Le varici esofagee: segni, sintomi, cause e terapie - Informazioni Mediche

Le varici esofagee: segni, sintomi, cause e terapie


Le varici esofagee sono una anomalia che comprende vene dilatate nella parte inferiore dell'esofago. Le varici esofagee si verificano più spesso nelle persone con gravi patologie del fegato.

Le varici esofagee si sviluppano quando il flusso di sangue  al fegato è rallentato. Il sangue quindi ritorna nei vasi sanguigni vicini più piccoli, come quelli dell'esofago, provocando un gonfiore delle vene. A volte, le varici esofagee possono rompersi, causando sanguinamento grave per la vita.

Un certo numero di farmaci e procedure mediche sono a disposizione per fermare le emorragie da varici esofagee. Questi trattamenti stessi possono aiutare a prevenire emorragie in persone con diagnosi di varici esofagee

Sintomi

Le varici esofagee di solito non causano segni e sintomi a meno che non sanguinino. Segni e sintomi di sanguinamento sono:

  • Vomito ematico
  • Feci nere catramose
  • Shock, nei casi più gravi

Se si soffre di varici esofagee, il medico può richiedere di prestare attenzione ai segni di sanguinamento. Chiamare il 118 se si verificano feci sanguinolente o vomito ematico.

Cause

Le vene dilatate o varici esofagee si formano quando il flusso di sangue al  fegato è rallentato. Spesso il flusso di sangue è rallentato da tessuto cicatriziale nel fegato causato da malattie del fegato. Quando il sangue al fegato è rallentato, comincia a eseguire un backup, con conseguente aumento della pressione all'interno di una grande vena (vena porta) che trasporta il sangue al fegato. Questa pressione spinge il sangue nelle vene vicini più piccole, come quelle dell'esofago. Queste fragili, sottili vene cominciano a gonfiarsi con il sangue refluo aggiunto. A volte le vene possono rompersi e sanguinare.

vene portali.jpg

Malattie del fegato e altre cause di varici esofagee

Le varici esofagee sono più spesso una complicanza della cirrosi, una irreversibile cicatrizzazione del fegato. Altre malattie e condizioni può anche causare varici esofagee. Le cause possono includere:

  • Cicatrizzazione epatica (cirrosi).
  • Coagulo di sangue (trombosi). Un coagulo di sangue nella vena porta o in una vena che alimenta la vena porta chiamata vena splenica può causare varici esofagee.
  • Una infezione parassitaria. La schistosomiasi è una parassitosi trovata in alcune parti dell'Africa, Sud America, Caraibi, Medio Oriente e Sud-Est asiatico. Il parassita può danneggiare il fegato, così come i polmoni, intestino e vescica.
  • Una sindrome La sindrome di Budd-Chiari è una condizione rara che causa la formazione di coaguli che possono ostruire le vene che portano il sangue dal fegato.

Fattori di rischio

Anche se molte persone con malattia epatica avanzata sviluppano varici esofagee, la maggior parte non darà sanguinamento. Le varici sono più propense a sanguinare in caso di:

  • Alta pressione venosa portale. Il rischio di emorragia aumenta con la quantità di pressione nella vena porta.
  • Varici di grandi dimensioni.
  • Segni rossi sulle varici. Quando visto attraverso un endoscopio le varici presentano striature rosse o macchie rosse. Questi segni indicano un elevato rischio di sanguinamento.
  • Grave cirrosi o insufficienza epatica.
  • Uso di alcol continuo.

Complicazioni

Sanguinamento. La complicanza più grave di varici esofagee è il sanguinamento.Questa può portare al decesso.

varici.bmp

Diagnosi

I test usati per diagnosticare varici esofagee sono:

  • Un esame endoscopico, il medico inserisce un sottile, flessibile, tubo illuminato (endoscopio) attraverso la bocca e nell'esofago.
  • Esami radiografici. Sia la tomografia computerizzata (TAC) che la risonanza magnetica (MRI) possono essere utilizzati per diagnosticare le varici esofagee.

Trattamenti

L'obiettivo primario nel trattamento delle varici esofagee è quello di prevenire le emorragie.

Trattamenti per prevenire le emorragie

I trattamenti per abbassare la pressione sanguigna nella vena porta possono ridurre il rischio di sanguinamento in varici esofagee. I trattamenti possono comprendere:

Farmaci per rallentare il flusso di sangue nella vena porta. Questi farmaci comprendono propranololo (Inderal, Innopran) e nadololo.
Accedere all'esofago e curare le varici. Se il varici esofagee sembrano avere un rischio molto elevato di sanguinamento, il medico può raccomandare alcuni degli stessi trattamenti che vengono utilizzati per arrestare il sanguinamento attivo. I trattamenti possono prevedere l'utilizzo di un endoscopio per vedere all'interno dell'esofago e iniettare un farmaco o legare le vene con un elastico( detto semplicemente).

Trattamenti per arrestare il sanguinamento

Le varici sanguinanti sono pericolose per la vita, e il trattamento immediato è essenziale. I trattamenti utilizzati per fermare le emorragie sono:

  • Legature. Durante la legatura delle varici esofagee, il medico utilizza un endoscopio per comprimere le vene in modo da fermare il sanguinamento. Legatura delle varici comporta un piccolo rischio di complicazioni, come cicatrici dell 'esofago.
  • Una soluzione nelle vene. In una procedura chiamata terapia iniettiva endoscopica, le varici sanguinanti sono iniettate con una soluzione che le restringe. Le complicazioni possono includere la perforazione dell'esofago e cicatrizzazione dell'esofago che può portare a difficoltà nel deglutire (disfagia).
  • Farmaci per rallentare il flusso di sangue nella vena porta.
  • Deviare il flusso di sangue dalla vena porta.
  • Sostituzione del fegato malato con uno sano. Il trapianto di fegato è un'opzione per le persone con grave insufficienza epatica o quelle con un sanguinamento ricorrente delle varici esofagee.


Link sponsorizzati


comments powered by Disqus