La tendinite rotulea: sintomi, cause, terapie e chirurgia


La tendinite rotulea è una lesione che colpisce il tendine che collega la rotula alla tibia. Il tendine rotuleo gioca un ruolo fondamentale nel modo di usare le gambe. Aiuta i muscoli ad estendere la gamba in modo che si possa calciare una palla, spingere i pedali sulla bicicletta e salta in aria.

Link sponsorizzati

La tendinite rotulea è più comune negli atleti che praticano, la pallacanestro, giocatori di calcio e pallavolo. Per questo motivo, la tendinite rotulea è comunemente nota come ginocchio del saltatore. Tuttavia, chiunque può soffrire di tendinite rotulea.

Per la maggior parte delle persone, il trattamento della tendinite rotulea inizia con approcci conservativi.

Sintomi

Il dolore è il primo sintomo di una tendinite rotulea. Il dolore di solito si trova nella sezione del tendine rotuleo tra la rotula  e la zona dove il tendine si attacca alla  tibia. Durante l’attività fisica, il dolore può diventare forte soprattutto quando si corre o salta. Dopo un allenamento il dolore può persistere come un dolore sordo.

Il dolore al ginocchio può:

  • Inizialmente essere presente solo quando si inizia l’attività fisica o subito dopo un intenso allenamento
  • Aumentare durante l’attività fisica
  • Provocare dolore quando si fanno le scale
  • Diventa un dolore costante che può rendere difficile dormire la notte

Chiamate il medico se il dolore:

  • Continua o peggiora
  • Interferisce con la capacità di svolgere le attività quotidiane
  • È associato a gonfiore o arrossamento

tendinite rotulea.jpg

Cause

La tendinite rotulea è comune. Essa si verifica quando si effettuano sollecitazioni ripetute sul tendine rotuleo. I risultati sono piccoli strappi nel tendine, che il corpo cerca di riparare.

Una combinazione di fattori possono contribuire allo sviluppo della tendinite rotulea, sono:

  • Intensità e  frequenza dell’attività fisica.
  • Essere in sovrappeso.
  • Muscoli delle gambe . Una flessibilità ridotta nei muscoli della coscia (quadricipite) e nei tendini del ginocchio, potrebbe aumentare la pressione sul tendine rotuleo.
  • Disallineamento delle ossa delle gambe. Il modo in cui la linea delle gambe potrebbe essere leggermente storta, mette pressione sul tendine.
  • Rotula sollevata . La rotula può essere posizionata più in alto rispetto al ginocchio, causando maggiore sforzo sul tendine rotuleo.
  • Squilibrio muscolare. Se alcuni muscoli delle gambe sono molto più forti di altri, i muscoli più forti potrebbero tirare sul tendine rotuleo.

Complicazioni

  • Muscoli delle gambe deboli. Come la gamba compensa il dolore al ginocchio, i muscoli della coscia (quadricipite) e muscoli del polpaccio si possono indebolire.
  • Strappo del tendine. Il corpo non può tenere il passo con l’usura continua.
  • Dolore cronico al ginocchio. Il dolore al ginocchio può persistere se i fattori che contribuiscono alla tendinite rotulea non vengono affrontati.

Diagnosi

Il medico può essere in grado di determinare la tendinite rotulea in base a segni e sintomi. Se la diagnosi non è chiara, potrebbe richiedere esami per escludere altre condizioni. I test e gli esami potrebbero includere:

  • Esame fisico. Il medico può applicare una pressione in diverse parti del ginocchio per determinare esattamente dove si sta sperimentando il dolore.
  • Raggi-X.
  • Ecografia.
  • Risonanza magnetica (MRI).

Una combinazione di test possono aiutare il medico ad escludere altre condizioni che possono causare dolore al ginocchio, come ad esempio:

  • Dolore dietro la rotula (sindrome del dolore femoro-rotuleo)
  • Lacerazioni al menisco
  • Condromalacia della rotula

Trattamenti

La tendinite rotulea richiede un trattamento  lungo. Il recupero potrebbe richiedere alcune settimane o mesi, se la lesione non è troppo grave, o fino a un anno o più per le persone che si sottopongono a un intervento chirurgico.

La maggior parte delle persone affette da tendinite rotulea trovano sollievo con il trattamento conservativo.

tendinite rotulea2.jpg

Il trattamento conservativo

L’approccio conservativo per la cura della tendinite rotulea mira a ridurre la pressione sul tendine e poi gradualmente rinforzarlo. Il medico può suggerire diverse tecniche per ottenere questo risultato, tra cui:

  • Riposo. Riposo non significa rinunciare a qualsiasi attività fisica, ma evitare di correre e saltare.
  • Regolazione meccanica del corpo. Un terapista fisico può aiutare a imparare a distribuire meglio la forza che si esercita durante l’attività fisica.
  • Stretching.
  • Rafforzare il tendine. Un fisioterapista può raccomandare esercizi specifici per rafforzare il tendine rotuleo ed i muscoli intorno ad esso.
  • Pressione al tendine rotuleo. Una cinghia applicata al tendine rotuleo può aiutare a ridistribuire la forza . Questo può aiutare ad alleviare il dolore.
  • Ionoforesi. Questa tecnica consiste nell’applicazione di una terapia con corticosteroidi topici alla zona interessata da una tendinite.
  • Iniezione di corticosteroidi.
  • Massaggio. Massaggiare il tendine rotuleo può aiutare a favorire la guarigione del tendine.

Chirurgia

Il tuo medico può prendere in considerazione un intervento chirurgico per la tendinopatia rotulea , se approcci meno invasivi non stanno aiutando dopo 12 mesi di trattamento.

La maggior parte delle persone che hanno avuto un intervento chirurgico per la tendinite rotulea sono in grado di riprendere la preparazione atletica in circa sei mesi. In alcuni casi, tuttavia, il recupero può richiedere fino a 18 mesi.

Altri approcci

Altri tipi di terapia possono fornire sollievo dal dolore associato con la tendinite rotulea. Sebbene questi metodi non sono siano accuratamente studiati, il medico potrebbe prendere in considerazione quanto segue:

  • Farmaci per il dolore. farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) o corticosteroidi possono fornire sollievo a breve termine nel dolore associato alla tendinite rotulea.
  • Plasma ricco di piastrine (PRP). In questo approccio sperimentale, il plasma  viene iniettato nella zona interessata.
  • Terapia ad onde d’urto. Questa forma di terapia utilizza onde sonore per favorire la guarigione del tendine.
  • Altri trattamenti di terapia fisica. Questa categoria comprende trattamenti a base di ultrasuoni e la stimolazione laser.

Referenze »

Hudgins TH. Ginocchio del saltatore. In: Frontera WR, et al. Fondamenti di Medicina Fisica e Riabilitativa: disturbi muscoloscheletrici, dolore, e nella riabilitazione. 2nd ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2008. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1678/0.html. Consultato il 27 dicembre 2011.Choi L. uso eccessivo del ginocchio e le sue lesioni. In: DeLee JC, et al. DeLee & Drez Ortopedico di Medicina dello Sport: Principi e Pratica. 3rd ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2010. Consultato il 27 dicembre 2011.Rauh MA, et al. Valutazione dei quadricipiti e tendinosi rotulea. In: DeLee JC, et al. DeLee & Drez Ortopedico di Medicina dello Sport: Principi e Pratica. 3rd ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2010. Consultato il 27 dicembre 2011.Hergenroeder AC. Approccio al giovane atleta con dolore cronico al ginocchio o lesioni. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 27 dicembre 2011.Khan K, et al. Panoramica della gestione di un uso eccessivo (cronica) tendinopatia. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 27 dicembre 2011.

Link sponsorizzati