La sindrome dell’intestino irritabile: sintomi, segni, cause, fattori di rischio e cure


La sindrome dell’intestino irritabile, chiamata anche IBS, è un disturbo comune che colpisce l’intestino crasso (colon). La sindrome dell’intestino irritabile comunemente causa crampi, dolori addominali, gas gonfiore, diarrea e costipazione. Nonostante questi segni e sintomi scomodi, l’IBS non causa danni permanenti al colon.

Link sponsorizzati

La maggior parte delle persone con IBS scopre che i sintomi migliorano man mano che imparano a controllare la loro condizione. Solo un piccolo numero di persone con sindrome dell’intestino irritabile sono invalidate da segni e sintomi.

Fortunatamente, a differenza delle malattie intestinali più gravi come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn, la sindrome dell’intestino irritabile non causa infiammazioni o cambiamenti nel tessuto intestinale o aumentare il rischio di cancro colorettale. In molti casi, è possibile controllare la sindrome dell’intestino irritabile gestendo la  dieta, lo stile di vita e lo stress

Sintomi

I segni ed i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile possono variare notevolmente da persona a persona e spesso assomigliano a quelli di altre malattie. Tra i più comuni sono:

  • Dolore addominale o crampi
  • Una sensazione di gonfiore
  • Gas (flatulenza)
  • Diarrea o stitichezza – a volte anche alternando periodi di stitichezza e diarrea
  • Muco nelle feci

Alcune persone, possono avere solo lievi segni e sintomi della sindrome dell’intestino irritabile. Tuttavia, a volte questi problemi possono essere invalidanti. In alcuni casi, si possono avere gravi segni e sintomi che non rispondono bene solo al trattamento medico. Poiché i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile possono verificarsi anche con altre malattie più gravi, è meglio discutere di questi sintomi con il medico.

Per la maggior parte delle persone, l’IBS è una condizione cronica, anche se ci saranno probabilmente momenti in cui i segni ed i sintomi sono peggiori e momenti in cui migliorano o addirittura scompaiono del tutto.

E’ importante consultare il medico se si ha una modifica permanente delle abitudini intestinali o in presenza di altri segni o sintomi di IBS. Questi possono indicare una condizione più grave, come una infezione o un tumore del colon.

sindrome dell'intestino irritabile

Cause

Non si sa esattamente cosa provochi la sindrome dell’intestino irritabile. Le pareti dell’intestino sono rivestite con strati di muscoli che si contraggono e si rilassano in un ritmo coordinato. Se si dispone di sindrome dell’intestino irritabile, le contrazioni possono essere più forti e durare più a lungo del normale. Il cibo è spinto attraverso l’intestino più velocemente, causando gas, rigonfiamento e diarrea.

In alcuni casi, si verifica il contrario. Il passaggio di cibo rallenta, le feci diventano dure e secche. Anomalie del sistema nervoso possono anche svolgere un ruolo, causando un maggiore disagio quando la parete intestinale si estende a causa del gas.

Ci sono una serie di altri fattori che possono svolgere un ruolo nella IBS. Per esempio, le persone con IBS possono avere livelli di serotonina anomali. La serotonina è un neurotrasmettitore monoaminico che è normalmente associato con le funzioni cerebrali, ma gioca anche un ruolo nella normale funzione del sistema digestivo. E ‘anche possibile che le persone con IBS non abbiano il giusto equilibrio di batteri buoni nell’intestino.

Fattori che influenzano alcune persone

Per ragioni che ancora non sono chiare, se si dispone di IBS probabilmente si reagisce con forza agli stimoli che per altre persone sono normali. I fattori per l’IBS possono essere dati, da alcuni alimenti, farmaci o emozioni. Per esempio:

Alimenti. Molte persone trovano che i loro segni e sintomi peggiorano quando mangiano certi cibi. Per esempio, cioccolato, latte e alcol possono causare stitichezza o diarrea. Bevande gassate e alcuni tipi di frutta e verdura possono portare a gonfiore e disagio in alcune persone con IBS. Il ruolo di allergie o intolleranze alimentari nella sindrome del colon irritabile deve essere ancora ben compreso.

Se si verificano crampi e gonfiore soprattutto dopo aver mangiato latticini, cibi con caffeina, o gomme senza zucchero e caramelle, il problema non può essere la sindrome del colon irritabile. Invece, il  corpo potrebbe non essere in grado di tollerare lo zucchero (lattosio) in prodotti caseari, caffeina o nel dolcificante artificiale sorbitolo.

Lo stress. La maggior parte delle persone con IBS, scopre che i  segni e sintomi sono peggiori e più frequenti durante gli eventi stressanti, come ad esempio un cambiamento nella routine quotidiana. Ma anche se lo stress può aggravare i sintomi, non è la causa.
Ormoni. Poiché le donne hanno maggiori probabilità di avere l’IBS, i ricercatori ritengono che i cambiamenti ormonali giochino un ruolo in questa condizione. Molte donne trovano che i segni ed i sintomi sono peggiori durante o vicino i periodi mestruali.

Fattori di rischio

Molte persone hanno occasionali segni e sintomi della sindrome dell’intestino irritabile. Tuttavia, è molto più probabile avere IBS se:

  • Si è giovani. I sintomi di IBS appaiono prima dei 35 anni per circa la metà delle persone.
  • Essere donne. Più donne che uomini hanno questa condizione.
  • Avere una storia familiare di IBS. studi dimostrano che le persone che hanno un parente di primo grado come un genitore o un fratello con IBS ,hanno un aumentato rischio di sviluppare questa condizione. Non è chiaro se l’influenza sia legata ai geni, ai fattori condivisi nell’ambiente familiare, o ad entrambi.

Complicazioni

L’IBS non è associata a gravi condizioni, come il cancro del colon. Ma, diarrea e costipazione, entrambi i segni della sindrome dell’intestino irritabile, possono aggravare o addirittura causare emorroidi.

L’impatto delle IBS sulla qualità complessiva della vita può essere una complicanza  significativa. L’IBS potrebbe limitare la capacità di:

  • Uscite con amici e familiari. Se si dispone di IBS, la difficoltà di far fronte ai sintomi quando si è lontani da casa può causare isolamento da amici e parenti
  • Problemi nei rapporti. Il disagio fisico dell’IBS può rendere pèroblematica l’attività sessuale o addirittura dolorosa.
  • Questi effetti dell’IBS possono creare scoraggiamento o addirittura depressione.

Diagnosi

Una diagnosi di sindrome dell’intestino irritabile dipende in gran parte dalla storia medica completa e da un accurato esame fisico.

Criteri per stabilire una diagnosi

Poiché di solito ci sono segni fisici per diagnosticare definitivamente la sindrome dell’intestino irritabile, la diagnosi è spesso un processo di eliminazione. Per aiutare  questo processo, i ricercatori hanno sviluppato i criteri diagnostici, noti come criteri di Roma, per l’IBS e altri disordini funzionali gastrointestinali. Queste sono condizioni in cui l’intestino appare normale, ma non funziona normalmente. Secondo questi criteri, è necessario disporre di alcuni segni e sintomi prima di poter formulare una diagnosi di sindrome dell’intestino irritabile.

Il sintomo più importante è:

  • Dolore addominale e disturbi della durata di almeno 12 settimane, anche se le settimane non devono verificarsi consecutivamente

È inoltre necessario avere almeno due dei seguenti elementi:

  • Un cambiamento nella frequenza o nella consistenza delle feci
  • Sforzo, urgenza o una sensazione che non si può evacuare completamente
  • Muco nelle feci
  • Gonfiore o distensione addominale

Il medico potrebbe valutare questi criteri, così come  altri segni o sintomi che potrebbero suggerire un’altra, più grave condizione. Alcuni segni e sintomi di allerta che potrebbero indurre il medico a fare ulteriori test comprendono:

  • Insorgenza del problema dopo i 50 anni
  • Perdita di peso
  • Sanguinamento rettale
  • Febbre
  • Nausea o vomito ricorrenti
  • Dolore addominale
  • Diarrea che è persistente o  risveglia dal sonno
  • Se si dispone di questi segni o sintomi, è necessario eseguire ulteriori test per valutare ulteriormente la condizione.

Se si soddisfano i criteri dell’IBS e non si hanno  segno o sintomi di allerta, il medico può suggerire un ciclo di trattamento senza fare ulteriori test. Ma se non si risponde a questo trattamento, è probabile che vengano richiesti altri test.

Ulteriori test

Il medico può raccomandare diversi test, compreso un esame delle feci per verificare infezioni o problemi di malassorbimento. I test che si possono effettuare per escludere altre cause sono i seguenti:

  • Sigmoidoscopia flessibile. Questo test esamina la parte inferiore del colon (sigma) con tubo un flessibile illuminato (sigmoidoscopio).
  • La colonscopia. In alcuni casi, il medico può eseguire questo test diagnostico, in cui un piccolo tubo flessibile è utilizzato per esaminare l’intera lunghezza del colon.
  • Tomografia computerizzata (TAC).
  • Test di intolleranza al lattosio. lattasi è un enzima  necessario per digerire lo zucchero (lattosio) presenti nei prodotti lattiero-caseari. Se non si produce questo enzima, si possono avere problemi simili a quelli causati dalla sindrome dell’intestino irritabile, tra cui dolori addominali, gas e diarrea.
  • Gli esami del sangue. La celiachia è la sensibilità alle proteine del grano che può anche causare segni e sintomi simili a quelli della sindrome dell’intestino irritabile. Gli esami del sangue possono aiutare a escludere questo disordine.

Trattamenti

Poiché non è chiaro che cosa causi la sindrome dell’intestino irritabile, il trattamento si concentra sulla sollievo dei sintomi in modo da permettere una vita il più normale possibile.

Nella maggior parte dei casi, è possibile controllare con successo lievi segni e sintomi della sindrome dell’intestino irritabile imparando a gestire lo stress e apportano modifiche nella  dieta e stile di vita. Ma se i problemi sono moderati o gravi, potrebbe essere necessario fare di più. Il medico può suggerire:

  • Integratori di fibre. L’assunzione di integratori di fibre, come ad esempio psyllium (Metamucil) o metilcellulosa (Citrucel), con liquidi possono aiutare il controllo della stitichezza
  • Antidiarroici. farmaci, come la loperamide (Imodium), possono aiutare a controllare la diarrea
  • L’eliminazione di alcuni alimenti. Se si dispone di gonfiore fastidioso , il medico può suggerire di evitare alcuni alimenti come le bevande gassate, insalate, frutta e verdura cruda, soprattutto cavoli, broccoli e cavolfiori.
  • Farmaci anticolinergici. Alcune persone hanno bisogno di farmaci che influenzano alcune attività del sistema nervoso autonomo (anticolinergici) per alleviare gli spasmi dolorosi dell’intestino.
  • Farmaci antidepressivi. Se i sintomi includono dolore o depressione, il medico può consigliare un antidepressivo triciclico o un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI).
  • Antibiotici. Non è chiaro quale sia il ruolo, che gli antibiotici potrebbero giocare nel trattamento della IBS. Alcune persone i cui sintomi sono dovuti ad una crescita eccessiva di batteri nei loro intestini possono beneficiare di un trattamento antibiotico. Ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Farmaci specifici per la IBS

Due farmaci sono attualmente approvati per casi specifici di IBS:

  • Alosetron (Lotronex). alosetron è un antagonista dei recettori nervosi che è progettato per rilassare il colon e rallentare il movimento dei rifiuti attraverso l’intestino inferiore. Il farmaco è stato ritirato dal mercato subito dopo la sua approvazione originale perché era legato a gravi complicazioni. La Food and Drug Administration (FDA) ha dato permesso all’alosetron di essere utilizzare di nuovo – con restrizioni. Il farmaco può essere prescritto solo da medici iscritti in un programma speciale ed è inteso solo per casi gravi di diarrea-predominante e solo nelle donne. L’alosetron non è approvato per l’uso da parte degli uomini.

In generale, alosetron deve essere utilizzato solo se la terapia usuale per l’IBS ha fallito. Inoltre, dovrebbe essere prescritto solo da un gastroenterologo con esperienza  dei potenziali effetti collaterali.

  • Lubiprostone (Amitiza). Il lubiprostone è approvato per le donne adulte e uomini che hanno IBS con stipsi. Il lubiprostone è un cloruro che si prende due volte al giorno. Agisce aumentando la secrezione di fluidi nell’intestino tenue per aiutare  il passaggio delle feci. Comuni effetti indesiderati comprendono: nausea, diarrea e dolori addominali. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno l’efficacia e la sicurezza del lubiprostone. Attualmente, il farmaco è in genere prescritto solo per casi con IBS e stipsi grave, per i quali altri trattamenti hanno fallito.

Referenze »

Sindrome dell’intestino irritabile. Le malattie digestive Nazionale Information Clearinghouse. http://www.digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/ibs/. Accessed 23 aprile 2014.
meccanismi di Camilleri M. periferici nella sindrome dell’intestino irritabile. New England Journal of Medicine. 2012; 367: 1626.
Ferri FF. Advisor clinica di Ferri 2014: 5 libri a 1. Philadelphia, Pa .: Mosby Elsevier; 2014. https://www.clinicalkey.com. Accessed 23 aprile 2014.
Wald A. La diagnosi della sindrome dell’intestino irritabile. http://www.uptodate.com/home. Accessed 23 aprile 2014.
Wald A. fisiopatologia della sindrome dell’intestino irritabile. http://www.uptodate.com/home. Accessed 23 aprile 2014.
Roma III criteri diagnostici per disturbi gastrointestinali funzionali. Fondazione Roma. http://www.romecriteria.org/criteria/. Accessed 23 aprile 2014.
Cristofori F, et al. Aumento della prevalenza della malattia celiaca nei pazienti pediatrici affetti da sindrome dell’intestino irritabile: Uno studio prospettico di coorte di 6 anni. Journal of American Medical Association Pediatrics. In stampa. Consultato 5 MAGGIO 2014.
Brandt LJ, et al. Una revisione sistematica evidence-based per la gestione della sindrome dell’intestino irritabile. American Journal of Gastroenterology. 2009; 104 (suppl): 1.
Lakhan SE, et al. terapie mindfulness-based nel trattamento di disturbi di somatizzazione: una revisione sistematica e una meta-analisi. PLoS One. 2013; 8: e71834.
Muir JG, et al.The dieta a basso contenuto FODMAP per il trattamento della sindrome dell’intestino irritabile e altri disturbi gastrointestinali. Gastroenterology & Hepatology. 2013; 9: 450.
Vazquez-Roque MI, et al. Uno studio controllato di dieta priva di glutine nei pazienti con sindrome dell’intestino irritabile-diarrea: Effetti sulla frequenza delle evacuazioni e la funzione intestinale. Gastroenterologia. 2013; 144: 903.
Hungin APS, et al. Revisione sistematica: probiotici nella gestione dei sintomi gastrointestinali minori nella pratica clinica – una guida internazionale basata sulle evidenze. Alimentare Farmacologia e terapeutica. 2013; 38: 864.
Tecniche di rilassamento per la salute: una introduzione. Centro Nazionale per la medicina complementare e alternativa. http://nccam.nih.gov/health/stress/relaxation.htm. Consultato il 6 Maggio, 2014.
Erbe a colpo d’occhio: olio di menta piperita. Centro Nazionale per la medicina complementare e alternativa. http://nccam.nih.gov/health/peppermintoil. Consultato il 6 Maggio, 2014.
Manheimer E, et al. Agopuntura per il trattamento della sindrome dell’intestino irritabile. Cochrane Database of Systematic Reviews. http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/14651858.CD005111.pub3/abstract. Consultato il 18 maggio 2014.
Lindfors P, et al. Effetti di ipnoterapia gut-diretto su IBS in diversi contesti clinici – i risultati di due studi randomizzati e controllati. American Journal of Gastroenterology. 2012; 107: 276.
McKenzie YA, et al. linee guida basate sull’evidenza Dietetic Association britannica per la gestione alimentare della sindrome dell’intestino irritabile in adulti. Ufficiale di Nutrizione Umana e Dietetica. 2012: 25; 260.

Link sponsorizzati