La parodontite:segni, sintomi, cause e cure


La parodontite è una infezione gengivale grave che distrugge i tessuti molli e i denti. La parodontite può causare la perdita dei denti o peggio, un aumentato rischio di infarto o ictus e altri gravi problemi di salute.

Link sponsorizzati

La parodontite è comune, ma in gran parte prevenibile. La parodontite è solitamente il risultato di una cattiva igiene orale. Un utilizzo quotidiano dello spazzolino e del filo interdentale può ridurre notevolmente le probabilità di sviluppare parodontite.

Sintomi

Segni e sintomi di parodontite possono includere:

  • Gengive gonfie
  • Gengive rosse o violacee
  • Gengive che si sentono come molli al tatto
  • Gengive retrocesse che scoperchiano i denti
  • Lo sviluppo di nuovi spazi tra i denti
  • Pus tra i denti e gengive
  • Alito cattivo
  • Cattivo gusto in bocca
  • Denti allentati
  • Un cambiamento nel modo in cui i denti si incastrano

periodontal-disease.jpg

Ci sono diversi tipi, o classi, di parodontite. La parodontite cronica è la più comune, che colpisce soprattutto gli adulti, anche se i bambini possono esserne influenzati. La parodontite aggressiva di solito inizia nell’infanzia o nella prima età adulta e colpisce solo l’1-2 per cento della popolazione.

Le gengive sane sono rosa  pallido. Se le gengive sono gonfie, rosso scuro e sanguinano facilmente, consultare il dentista al più presto. Prima si cercano cure, maggiori sono le possibilità di invertire i danni della parodontite e prevenire altri problemi di salute gravi.

Cause

Si pensa che la causa scatenante della parodontite sia la placca. Questa pellicola appiccicosa è composta principalmente da batteri. La placca si forma sui denti quando amidi e zuccheri negli alimenti interagiscono con i batteri che normalmente si trovano in bocca. Lavarsi i denti, rimuove la placca. Ma la placca si riforma rapidamente, di solito entro 24 ore.

La placca che rimane sui denti più di due o tre giorni può indurirsi sotto la gengiva in tartaro . Il tartaro funge da serbatoio per i batteri.

Più la placca e il tartaro rimangono sui denti, più danni  possono fare. Inizialmente, essi possono semplicemente irritare e infiammare la gengiva. Questa si chiama gengivite, la forma più lieve della malattia parodontale. Ma l’infiammazione in corso alla fine causa tasche che si sviluppano tra le gengive e i denti che si riempiono di placca, tartaro e batteri. Nel tempo, queste sacche diventano  più profonde qindi più batteri si accumulano. Queste infezioni profonde causare una perdita di tessuto e osso.

Fattori di rischio

Fattori che possono aumentare il rischio di parodontite sono:

  • Gengivite
  • Ereditarietà
  • Cattive abitudini di igiene orale
  • Uso di tabacco
  • Diabete
  • L’età avanzata
  • Diminuzione dell’immunità, come quella che si verifica con leucemia o l’HIV / AIDS o la chemioterapia
  • Scarsa nutrizione
  • Alcuni farmaci
  • I cambiamenti ormonali, come quelli legati alla gravidanza o la menopausa
  • Abuso di sostanze
  • Protesi mal fatte

Complicazioni

Il risultato di una parodontite non trattata è:

  • Perdita dei denti

Si potrebbe essere sorpresi da alcune altre complicazioni associate alla malattia gengivale, tra cui:

  • Malattia coronarica
  • ictus
  • Basso peso alla nascita dei neonati
  • Diabete incontrollato
  • Problemi respiratori

La ricerca suggerisce che i batteri responsabili della parodontite possano essere inalati o inseriti nel flusso sanguigno attraverso il tessuto gengivale, che colpisce i polmoni, il cuore e altre parti del corpo. Per esempio, i batteri possono viaggiare per le arterie nel cuore, dove possono innescare un ciclo di infiammazione e restringimento delle arterie che contribuisce ad attacchi di cuore.

Diagnosi

La diagnosi di parodontite è generalmente semplice. La diagnosi si basa sulla descrizione dei sintomi e un esame della bocca. Il dentista cerca l’accumulo di placca e tartaro e verificare la presenza di emorragie facili.

Per controllare la salute del tessuto gengivale, il dentista può utilizzare una sonda di metallo per misurare la profondità del solco gengivale. La sonda viene inserita accanto al dente sotto il  margine gengivale, di solito in diversi siti in tutta la bocca. Le misure possono aiutare a determinare la gravità della sua parodontite.

Trattamenti

Ci sono diversi modi per curare la parodontite, a seconda della sua gravità. L’obiettivo del trattamento della parodontite è quello di pulire a fondo le tasche di batteri e di prevenire ulteriori danni. Il trattamento può essere effettuato da un parodontologo, un dentista o un igienista dentale. Il trattamento è più efficace quando si adotta una routine quotidiana di una buona igiene orale.

early.jpg

Trattamenti non chirurgici

Se la parodontite non è avanzata, il trattamento può prevedere procedure meno invasive, tra cui:

  • Scalatura. Questa procedura rimuove tartaro e batteri dalle superfici dei denti e sotto le gengive. Può essere eseguita con strumenti o un dispositivo a ultrasuoni.
  • Levigatura radicolare. Una procedura che scoraggia l’uteriore accumulo di tartaro.
  • Antibiotici. L’uso di antibiotici per curare la parodontite rimane aperto al dibattito. Il parodontologo o il dentista può raccomandare l’uso di antibiotici per uso topico o orale per le infezioni batteriche . Antibiotici topici sono in genere il trattamento di scelta. Possono includere collutori antibiotici o l’inserimento di fili e gel contenenti antibiotici nello spazio tra i denti e le gengive o nelle tasche dopo la pulizia profonda.

Trattamenti chirurgici

Se si dispone di parodontite avanzata, il tessuto gengivale potrebbe non rispondere ai trattamenti non chirurgici e una buona igiene orale. In tal caso, il trattamento della parodontite può richiedere un intervento chirurgico odontoiatrico, come ad esempio:

  • Riduzione chirurgica della tasca. In questa procedura, il parodontologo pratica piccole incisioni nella gengiva in modo che una sezione di tessuto gengivale può essere sollevata di nuovo, esponendo le radici. Poiché la parodontite è spesso causa di perdita di massa ossea, l’osso sottostante può essere ricostruito prima che la gengiva venga suturata. La procedura richiede in genere da 1-3 ore e viene eseguita in anestesia locale.
  • Innesti di tessuto molle. Quando si perde tessuto gengivale, il margine gengivale si allontana, facendo apparire i denti più lunghi del normale. Questa procedura  è di solito eseguita rimuovendo una piccola quantità di tessuto dal palato, che verrà usato nel sito interessato. Questa procedura può aiutare a ridurre ulteriormente la recessione gengivale, coprire le radici esposte e dare ai denti un aspetto più gradevole esteticamente.
  • Innesto osseo. Questa procedura viene eseguita quando la parodontite ha distrutto l’osso che circonda la radice del dente. L’innesto può essere composto da piccoli frammenti di ossa  proprie o l’osso può essere sintetico o donato. L’innesto osseo aiuta a prevenire la perdita dei denti tenendo il dente al suo posto. Serve anche come piattaforma per la ricrescita del tessuto osseo naturale. L’innesto osseo può essere eseguito nel corso di una tecnica chiamata rigenerazione tissutale guidata.
  • Rigenerazione tissutale guidata.Permette la ricrescita dell’osso  distrutto dai batteri. Il dentista mette un pezzo speciale di tessuto biocompatibile tra osso esistente e  dente. Il materiale  permettendo all’osso di ricrescere
  • Smalto e derivati. Un’altra tecnica comporta l’applicazione di un gel speciale su una radice del dente malato. Questo gel  stimola la crescita delle ossa e dei tessuti.

Rimedi casalinghi

  • Ottenere regolare pulizia dentale professionale, su un programma raccomandato dal dentista
  • Usare uno spazzolino morbido e sostituirlo almeno ogni tre o quattro mesi
  • Considerare l’uso di uno spazzolino elettrico, che può essere più efficace nella rimozione di placca e tartaro
  • Lavarsi i denti due volte al giorno o, meglio ancora, dopo ogni pasto o spuntino
  • Filo interdentale quotidianamente
  • Usare un collutorio per contribuire a ridurre la placca tra i denti
  • Non fare affidamento sui dentifrici per rimuovere tartaro e placca, queste operazioni sono compito dello spazzolino e del filo interdentale

Prevenzione

Il modo migliore per la prevenzione della parodontite è quello di seguire un programma di buona igiene orale. Ciò significa lavarsi i denti almeno due volte al giorno . Meglio ancora,  dopo ogni pasto o spuntino o come il  dentista consiglia. Una pulizia completa con uno spazzolino e filo interdentale deve prendere dai tre ai cinque minuti.
Inoltre, vedere il  dentista regolarmente  di solito ogni sei o 12 mesi. Se si dispone di fattori di rischio che aumentano le probabilità di sviluppare parodontite, può essere necessaria la pulizia professionale dei denti più spesso.

Referenze

Che cosa è la malatia delle gengive? Associazione di Odontoiatria Generale. http://www.knowyourteeth.com/infobites/abc/article/?abc=G&iid=324&aid=1251. Consultato il 24 agosto 2010.
De Oliveira C, et al. Spazzolamento, l’infiammazione e il rischio di malattie cardiovascolari: I risultati di indagine sulla salute scozzese. British Medical Journal. 2010; 340:2451. http://www.bmj.com/content/340/bmj.c2451.full.pdf. Consultato il 23 agosto 2010.
Parodontale (gomma) malattia: cause, sintomi e trattamenti. Istituto Nazionale di Ricerca dentale e craniofacciale. http://www.nidcr.nih.gov/OralHealth/Topics/GumDiseases/PeriodontalGumDisease.htm. Consultato il 24 agosto 2010.
Wilder RS, et al. La gengivite e parodontite negli adulti: classificazione e trattamento dentale. http://www.uptodate.com. Consultato il 27 Agosto 2010.
Come mantenere un sorriso sano per tutta la vita. American Academy of Periodontology. http://www.perio.org/consumer/smileforlife.htm. Consultato il 24 agosto 2010.
Gonsalves WC, et al. Comuni condizioni orali a persone anziane. Famiglia medico americano. 2008; 78:845.
Bocca-corpo. American Academy of Periodontology. http://www.perio.org/consumer/mbc.top2.htm. Consultato il 23 agosto 2010.
Profondità della tasca riduzione. American Academy of Periodontology. http://www.perio.org/consumer/pocket.htm. Consultato il 24 agosto 2010.
Innesti di tessuti molli. American Academy of Periodontology. http://www.ada.org/2624.aspx. Consultato il 27 ago 2010.
Pulizia denti e gengive. American Dental Association. http://www.ada.org/2624.aspx. Consultato il 27 Agosto 2010.
Gum malattia e il diabete. American Academy of Periodontology. http://www.perio.org/consumer/mbc.diabetes.htm. Consultato il 31 ago, 2010.
Gum malattia e le malattie respiratorie. American Academy of Periodontology. http://www.perio.org/consumer/mbc.respiratory.htm. Consultato il 31 ago, 2010.
Esposito M, et al. Smalto matrice derivata (Emdogain) per la rigenerazione dei tessuti parodontali in difetti infraossei. Cochrane Database of Systematic Reviews. 2010: CD003875.

Link sponsorizzati