La nevralgia del trigemino:cause, sintomi, fattori scatenanti e terapie


Con il termine nevralgia del trigemino ci si riferisce ad una condizione di dolore cronico che colpisce il nervo trigemino. Se si dispone di nevralgia del trigemino, la stimolazione anche lieve del  volto  come da lavarsi i denti o truccarsi può innescare una scossa di dolore straziante.

Link sponsorizzati

È possibile che inizialmente gli attacchi nevralgici siano  lievi, ma la nevralgia del trigemino può progredire causando nel tempo, attacchi sempre più lunghi, più frequenti e di dolore lancinante. La nevralgia del trigemino colpisce le donne più spesso degli uomini, ed è più probabile che si verifichi in persone che hanno più di 50 anni.

A causa della varietà di opzioni di trattamento disponibili, avere la nevralgia del trigemino non significa necessariamente che si è condannati a una vita di dolore. I medici di solito sono in grado di gestire efficacemente la nevralgia del trigemino con i farmaci, iniezioni o interventi chirurgici.

Sintomi

La nevralgia del trigemino ha sintomi possono includere uno o più di questi nell’elenco:

  • Occasionali fitte di dolore lieve
  • Episodi di grave, dolore lancinante che può essere percepito come una scossa elettrica
  • Attacchi spontanei di dolore o attacchi innescati da cose come toccarsi il viso, masticare, parlare e lavarsi i denti
  • Attacchi di dolore che durano da pochi secondi a più
  • Episodi di attacchi della durata di più giorni, settimane, mesi, alcune persone hanno periodi in cui non sperimentano alcun dolore
  • Dolore nelle zone dal nervo trigemino, guancia, mandibola, denti, gengive, labbra, o meno spesso l’occhio e la fronte
  • Il dolore colpisce un lato solo del viso
  • Dolore concentrato in un punto o che si diffonde
  • Attacchi sempre più frequenti ed intensi nel corso del tempo

trigemino1compressione.gif

Cause

Nella nevralgia del trigemino, detta anche tic doloroso, la funzione del nervo trigemino è interrotta. Di solito, il problema è il contatto tra un vaso sanguigno, in questo caso, un’arteria o una vena ed il nervo trigemino, alla base del cervello. Questo contatto mette pressione sul nervo e causa del malfunzionamento.

La Nevralgia del trigemino può verificarsi a causa di invecchiamento, oppure può essere correlata a sclerosi multipla o ad un disturbo simile che danneggia la guaina di mielina che protegge i nervi. Meno comunemente, la nevralgia del trigemino può essere causata da un tumore che comprime il nervo trigemino. In altri casi, una causa non può essere trovata.

Innesco

Una serie di situazioni possono innescare il dolore della nevralgia del trigemino, tra cui:

  • Rasarsi
  • Toccare o accarezzare il viso
  • Mangiare
  • Bere
  • Spazzolare i denti
  • Parlare
  • Truccarsi
  • Sorridere

Diagnosi

Una diagnosi di nevralgia del trigemino è principalmente basata su una descrizione del dolore, tra cui:

  • Tipo. Il dolore relativo alla nevralgia del trigemino è improvviso, e breve.
  • Posizione. Le parti del viso che sono interessate diranno al medico se il nervo trigemino è coinvolto.
  • Trigger. La nevralgia del trigemino è tipicamente causata da stimolazione delle guance, ad esempio da mangiare, parlare etc.

I test usati per confermare la diagnosi possono includere:

  • Un esame neurologico. Toccando ed esaminando le parti del viso il medico può determinare esattamente dove il dolore si sta verificando e se sembra avere un nesso con la nevralgia del trigemino, inoltre serve ad identificare quali rami del nervo trigemino possono essere colpiti.
  • Risonanza magnetica (MRI).
  • Il dolore facciale può essere causato da malattie diverse, per cui una diagnosi accurata è importante.

Trattamenti

Il trattamento della nevralgia del trigemino di solito inizia con i farmaci, e molto spesso non richiede ulteriori trattamenti. Tuttavia, nel corso del tempo, alcune persone con la malattia alla fine non rispondono più al trattamento farmacologico, o sperimentano effetti collaterali spiacevoli. Per queste persone, le iniezioni o la chirurgia forniscono altri trattamenti.

Farmaci

I farmaci per diminuire o bloccare i segnali di dolore inviati al cervello sono il trattamento iniziale più comune per la nevralgia del trigemino.

  • Anticonvulsivanti. Carbamazepina (Tegretol, Carbatrol) è il farmaco più comunemente prescritto e con la maggiore efficacia dimostrata per la nevralgia del trigemino. Altri farmaci anticonvulsivanti utilizzati per il trattamento della nevralgia del trigemino sono lamotrigina oxcarbazepina (Trileptal), (Lamictal), fenitoina (Dilantin, Phenytek) e Gabapentin (Neurontin).

Se gli anticonvulsivanti cominciano a perdere efficacia, il medico può aumentare la dose o passare a un altro tipo. Gli effetti collaterali dei farmaci anticonvulsivanti possono includere vertigini, confusione, sonnolenza, visione doppia e nausea. Inoltre, la carbamazepina può scatenare una grave reazione in alcune persone, soprattutto quelli di origine asiatica, i test genetici possono quindi essere consigliati prima di iniziare la carbamazepina.

  • Agenti antispastici. Agenti come baclofene possono essere usati da soli o in combinazione con carbamazepina o fenitoina. Gli effetti collaterali possono includere confusione, nausea e sonnolenza.

Iniezioni di alcol

Le iniezioni di alcol forniscono un sollievo temporaneo dal dolore paralizzante nelle zone colpite del volto. Il sollievo dal dolore non è permanente. Gli effetti collaterali possono includere infezioni al sito di iniezione, sanguinamento e danni ai nervi circostanti.

trigemino.gif

Chirurgia

Lo scopo della chirurgia per la nevralgia del trigemino è quello di correggere il problema che causa il dolore.

Le opzioni chirurgiche per la nevralgia del trigemino sono:

  • Radiochirurgia (GKR). Questa procedura comporta un concentrato, di alte dosi di radiazioni alla radice del nervo trigemino. A causa della grande efficacia e sicurezza rispetto ad altre opzioni chirurgiche per la nevralgia del trigemino, questa procedura sta diventando ampiamente utilizzata .

la radiochirurgia GKR utilizza le radiazioni per danneggiare il nervo trigemino e ridurre o eliminare il dolore. La GKR è riuscita ad eliminare il dolore per la maggioranza delle persone. Se si ripresenta il dolore, la procedura può essere ripetuta.

  • Decompressione microvascolare (MVD). Questa procedura comporta lo spostamento o la rimozione dei vasi sanguigni che sono in contatto con la radice del trigemino.

Durante la MVD, il medico fa un’incisione dietro l’orecchio sul sito del dolore. Poi, attraverso un piccolo foro nel cranio, entra in contatto con il nervo trigemino. Ogni arteria in contatto con la radice del nervo è spostata lontana dal nervo, il chirurgo pone un tampone tra il nervo e l’arteria. Se una vena  comprime il nervo, di solito viene rimossa.

La MVD  riusce a eliminare o ridurre il dolore per la maggior parte del tempo, ma il dolore può ripresentarsi in alcune persone. Anche se la MVD ha un alto tasso di successo, comporta anche dei rischi. Ci sono possibilità di avere una piccola diminuzione dell’udito, debolezza facciale, intorpidimento del viso, visione doppia, e anche  ictus o decesso. La maggior parte delle persone che si sottopongono a questa procedura non hanno intorpidimento del viso.

importante notare che se nessuna arteria o vena sembra essere la causa dicompressione del nervo, il chirurgo può decidere di troncare una parte del nervo. Questa procedura viene chiamata rizotomia.

  • Iniezione di Glicerolo . Durante questa procedura, il medico inserisce un ago attraverso il viso in una apertura nella base del cranio. L’ago viene guidato nella cisterna trigeminale, una piccola sacca di liquido spinale che circonda il ganglio del nervo trigemino, in cui il nervo trigemino si divide in tre rami. Dopo che attraverso una procedura radiografica si verifica che l’ago sia nella posizione corretta, una piccola quantità di glicerolo sterile viene iniettata. Dopo tre o quattro ore, il glicerolo danneggia il nervo trigemino e blocca il dolore. Inizialmente, questa procedura allevia il dolore nella maggior parte delle persone. Tuttavia, alcune persone hanno una recidiva.
  • Compressione . Nella compressione  del nervo trigemino, il medico inserisce un ago attraverso il viso. Poi, un sottile tubo flessibile (catetere) con un palloncino alla fine viene passato attraverso l’ago. Il palloncino viene gonfiato con una pressione sufficiente a danneggiare il nervo e a bloccare i segnali del dolore.
  • Rizotomia termica. Questa procedura distrugge selettivamente le fibre nervose associate al dolore. Sotto anestesia, il medico pone un ago cavo attraverso il viso. Una volta che l’ago è posizionato un elettrodo attraversa la radice del nervo. Quando il neurochirurgo individua la parte del nervo coinvolta nel dolore, l’elettrodo viene riscaldato fino a che non danneggia le fibre nervose. Se il dolore non viene eliminato, il medico può creare ulteriori lesioni.
  • Recisione del nervo (rizotomia). Una procedura chiamata rizotomia parziale consiste nel tagliare una parte del nervo trigemino, alla base del cervello. Attraverso un’incisione dietro l’orecchio, il medico fa un foro nel cranio per accedere al nervo. Poiché il nervo viene tagliato, il viso sarà insensibile in modo permanente.

Referenze »

Longo DL, et al., Eds. nevralgia del trigemino, paralisi di Bell, e altri disturbi dei nervi cranici. In: Principles of Internal Medicine di Harrison. 18 ° ed. New York, NY: The McGraw-Hill; 2012. http://accessmedicine.com. Consultato il 24 Maggio 2015.
Nevralgia del trigemino scheda. Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Stroke. http://www.ninds.nih.gov/disorders/trigeminal_neuralgia/detail_trigeminal_neuralgia.htm. Consultato il 25 maggio 2015.
Bajwa ZH, et al. Nevralgia del trigemino. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 24 Maggio 2015.

 

Link sponsorizzati