La febbre Q: sintomi, cause, rischi, diagnosi e terapie


La febbre Q è di solito una malattia lieve, con sintomi simil-influenzali. Molte persone non hanno alcun sintomo. Ma in una piccola percentuale di persone, l’infezione può riemergere anni dopo. Questa forma è la più letale della febbre Q, e può danneggiare il cuore, fegato, cervello e polmoni.

Link sponsorizzati

La febbre Q è trasmessa all’uomo dagli animali, per lo più pecore, capre e bovini. L’infezione avviene tramite inalazione di polvere contaminata o contatto con secrezioni biologiche di animali infetti. Esistono occupazioni ad alto rischio come gli allevatori, veterinari e persone che lavorano con le pecore nei laboratori di ricerca.

La forma lieve di febbre Q passa di solito entro un paio di settimane senza trattamento. Ma se la febbre Q è ricorrente potrebbe essere necessario assumere una combinazione di antibiotici per almeno 18 mesi.

Sintomi

Molte persone infettate dalla febbre Q non presentano sintomi. Se si hanno sintomi, possono includere:

  • Febbre alta, fino a 40,5 C
  • Forte mal di testa
  • Fatica
  • Tosse
  • Nausea

febbre Q

Cause

La febbre Q è causata da un tipo di batterio chiamato Coxiella burnetii, più comunemente riscontrato negli ovini, caprini e bovini. Può anche infettare gli animali domestici, come cani, gatti e conigli.

Questi animali trasmettono i batteri attraverso l’urina, feci, latte, placenta e  liquido amniotico. L’infezione è generalmente trasmessa agli esseri umani attraverso i polmoni, quando si inalano polveri contaminate da cortile.

Fattori di rischio

Alcuni fattori possono aumentare il rischio di essere infettati con i batteri della febbre Q, tra cui:

  • Alcuni lavori. A rischio sono le occupazioni di medicina veterinaria, lavorazione delle carni, allevamento e  ricerca sugli animali.
  • Posizione. semplicemente vivere vicino a un impianto di allevamento animale può mettere ad alto rischio di febbre Q, perché i batteri possono percorrere lunghe distanze trasporati nell’aria.

Rischi per la febbre Q cronica

Il rischio di sviluppare la forma più letale della febbre Q è maggiore nelle persone che hanno:

  • Valvole cardiache malfunzionanti
  • Anomalie dei vasi sanguigni
  • Un sistema immunitario indebolito

Complicazioni

Le recidive possono influenzare il  cuore, fegato, polmoni e cervello, dando luogo a complicazioni gravi, quali:

  • Endocardite. L’infiammazione della membrana che circonda il cuore, l’endocardite può danneggiare gravemente le valvole cardiache.
  • Problemi ai polmoni. Alcune persone che hanno la febbre Q sviluppano la polmonite.
  • Problemi di gravidanza. La febbre Q cronica aumenta il rischio di aborto spontaneo, basso peso alla nascita, parto prematuro e decesso del feto.
  • Danno epatico. Alcune persone che hanno la febbre Q sviluppano l’epatite.
  • Meningite. La febbre Q può anche causare la meningite, un’infiammazione della membrana che circonda il cervello e il midollo spinale.

febbre q

Diagnosi

Per la diagnosi di febbre Q, il medico eseguirà uno o più esami del sangue, insieme a ulteriori test specifici.

Prove di laboratorio

Il medico potrebbe voler controllare il sangue per verificare la presenza degli anticorpi contro l’antigene Coxiella burnetii o per cercare l’evidenza di danno epatico.

Radiografie

  • La radiografia del torace. La febbre Q può causare polmonite in alcune persone. Una radiografia del torace può essere usata per vedere se i polmoni hanno un aspetto sano.
  • L’ecocardiografia. Se si sospetta la febbre Q cronica il medico può richiedere un ecocardiogramma per controllare i problemi alle valvole cardiache.

Trattamenti

Il trattamento per la febbre Q dipende dalla gravità dei sintomi. I casi lievi o non sintomatici di febbre Q  spesso migliorano in circa due settimane senza trattamento.

Farmaci

Se si hanno sintomi più gravi, il medico prescriverà antibiotici. La gente che ha la febbre Q cronica di solito deve prendere una combinazione di antibiotici per almeno 18 mesi. Anche dopo il trattamento della febbre Q cronica, devono essere eseguiti test di controllo per anni.

Chirurgia

Se si dispone di endocardite da febbre Q, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per sostituire le valvole cardiache danneggiate.

Referenze »

Longo DL, et al. In linea di Harrison. 18 ° ed. New York, NY: The McGraw-Hill; 2012. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=4. Consultato il 12 maggio 2014.
Raoult D. Le manifestazioni cliniche e diagnosi di febbre Q. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 12 maggio 2014.
Raoult D. Trattamento e prevenzione della febbre Q. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 12 maggio 2014.
Febbre Q: sintomi, diagnosi e trattamento. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. http://www.cdc.gov/qfever/symptoms/index.html. Consultato il 15 maggio 2014.
Georgiev M, et al. Febbre Q nell’uomo e negli animali da allevamento in quattro paesi europei, il 1982 e il 2010. europeo di sorveglianza. 2013; 8: 1.
Febbre Q: Statistiche ed epidemiologia. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. http://www.cdc.gov/qfever/stats/index.html. Consultato il 15 maggio 2014.
Papadakis MA, ed., Et al. Current Medical Diagnosis & Treatment 2014. 53a ed. New York, NY: The McGraw-Hill; 2014. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=1. Consultato il 12 maggio 2014.

 

Link sponsorizzati