La disfagia: sintomi, cause, tipi e rimedi


Disfagia è un termine che viene usato per indicare una condizione dove si ha difficoltà a deglutire cibi o liquidi. La difficoltà a deglutire può anche essere associata a dolore. In alcuni casi, si potrebbe non essere in grado di deglutire nulla.

Link sponsorizzati

Una occasionale difficoltà di deglutizione generalmente non è motivo di preoccupazione, e può semplicemente accadere quando si mangia troppo in fretta o non si mastica il cibo abbastanza bene. Ma la persistente difficoltà di deglutizione può indicare una grave condizione medica che richiede un trattamento.

La difficoltà a deglutire può verificarsi a qualsiasi età, ma è più comune negli anziani. Le cause delle difficoltà di deglutizione variano, e il trattamento dipende dalla causa.

Sintomi

Segni e sintomi che possono essere associati con disfagia possono includere:

  • Dolore durante la deglutizione (odinofagia)
  • Non essere in grado di deglutire
  • Sensazione di ) alimenti incastrati in gola, al petto, o dietro lo sterno
  • Raucedine
  • Rigurgito
  • Bruciore di stomaco frequente
  • Cibo o acido dello stomaco  in gola
  • Perdita di peso inaspettata
  • Tosse o conati di vomito durante la deglutizione

disfagia.jpg

Nei neonati e nei bambini, segni e sintomi di difficoltà di deglutizione possono includere:

  • Mancanza di attenzione durante l’alimentazione
  • Torsioni del corpo durante l’allattamento
  • Rifiuto di mangiare cibi non liquidi
  • Lunghi tempi di alimentazione (30 minuti o più)
  • Cibo o liquido che fuoriesce dalla bocca
  • Tosse o soffocamento durante l’allattamento o i pasti
  • Sputare  durante l’allattamento
  • Incapacità di coordinare la respirazione con il mangiare e bere
  • Perdita di peso o crescita lenta
  • Polmoniti ricorrenti
  • Ostruzioni. Se una ostruzione interferisce con la respirazione, è richiesto un aiuto di emergenza. Se non si è in grado di deglutire a causa di un ostacolo, si deve andare al pronto soccorso più vicino.
  • Problemi vari. difficoltà lieve o occasionale di deglutizione di solito non sono motivo di preoccupazione. Ma la difficoltà di deglutizione può indicare un serio problema medico, come il cancro esofageo. Consultare il medico se è spesso si ha difficoltà nella deglutizione o se la difficoltà di deglutizione è accompagnata da perdita di peso, rigurgito o vomito.

Cause

Si può prendere la deglutizione come un atto scontato. Ma, ci vogliono circa 50 paia di muscoli e nervi per compiere il semplice atto della deglutizione.

Quando si deglutisce, la lingua spinge il cibo alla parte posteriore della gola. Le contrazioni muscolari spostano rapidamente il cibo attraverso la faringe, l’area compresa dalla parte posteriore della gola alla parte superiore dell’esofago. Successivamente, il cibo si muove oltre la trachea nell’esofago, il tubo che collega la gola e lo stomaco. Bande circolari di muscoli (sfinteri) nella parte superiore e inferiore dell’esofago si aprono e chiudono per far passare il cibo, evitando una risalita di acido dello stomaco.

Quando c’è un problema

La difficoltà di deglutizione si verifica quando c’è un problema con qualsiasi parte del processo di deglutizione.

Un certo numero di condizioni possono interferire con la deglutizione, e di solito rientrano in una delle diverse categorie principali.

Disfagia esofagea

La disfagia esofagea si riferisce alla sensazione di cibo attaccato alla base della gola o al torace. Le cause comuni di disfagia esofagea sono:

  • Acalasia. Ciò si verifica quando il muscolo esofageo inferiore (sfintere) non si rilassa adeguatamente per far entrare il cibo nello stomaco.
  • Invecchiamento. Con l’età, l’esofago tende a perdere un po ‘della forza muscolare e la coordinazione necessaria per spingere il cibo in stomaco. Tuttavia, non è necessariamente una parte normale dell’invecchiamento.
  • Spasmo diffuso. Questa condizione produce contrazioni scarsamente coordinate dell’esofago di solito dopo la deglutizione.
  • Stenosi esofagea. Un restringimento dell’esofago (stenosi) provoca problemi con il passaggio del cibo. Un restringimento può derivare dalla formazione di tessuto cicatriziale, spesso causato dalla malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), o da tumori.
  • Tumori esofagei. I tumori dell’esofago più comuni comprendono l’ adenocarcinoma e il carcinoma a cellule squamose
  • Corpi estranei. A volte, il cibo, come un grosso pezzo di carne, o  altro  possono rimanere incastrati in gola o nell’esofago(raro).
  • Esofagite eosinofila. Questa condizione, causata da una sovrappopolazione di cellule chiamate eosinofili nell’esofago, può portare a difficoltà di deglutizione.
  • Sclerodermia. Questa malattia è caratterizzata dallo sviluppo di tessuto cicatriziale, che causa irrigidimento e indurimento dei tessuti.
  • Radioterapia. Questo trattamento del cancro può portare a infiammazione e cicatrizzazione dell’esofago, che può causare difficoltà di deglutizione.

Disfagia orofaringea

Certi problemi relativi a nervi e muscoli possono indebolire i muscoli della gola, rendendo difficile  spostare il cibo dalla bocca in gola e all’esofago (paralisi della faringe). Questo può portare a polmonite. Cause di disfagia orofaringea comprendono:

  • Disturbi neurologici. Alcuni disturbi, come la sindrome post-polio, sclerosi multipla, la distrofia muscolare e il morbo di Parkinson, possono  essere causa della disfagia orofaringea.
  • Danni neurologici. improvvisi danni neurologici, ad esempio  un ictus, lesioni del midollo spinale o del cervello, possono causare difficoltà nella deglutizione o l’incapacità di deglutire.
  • Diverticoli faringei.
  • Cancro.

Disfagia nei neonati e nei bambini

le cause più comuni di difficoltà di deglutizione nei neonati e nei bambini comprendono:

  • Problemi di sviluppo a causa di un parto prematuro o basso peso alla nascita
  • Disturbi del sistema nervoso, come la paralisi cerebrale o meningite
  • Labioschisi o palatoschisi

Disfagia inspiegabile

Alcune persone sperimentano la disfagia che non ha una causa anatomica. Una inspiegabile difficoltà di deglutizione è:

  • Difficoltà nel prendere farmaci per via orale. Alcune persone non riesco a ingoiare le pillole o compresse, anche se non hanno altra difficoltà di deglutizione.
  • Nodo in gola . Alcune persone sentono la sensazione di un corpo estraneo o nodo alla gola quando, in realtà, nessun corpo estraneo o grumo esiste. Stress o ansia possono peggiorare questa sensazione. Spesso, questa condizione migliora con il tempo

Fattori di rischio

  • Invecchiamento. l’invecchiamento causa una normale usura dell’esofago.
  • Nascita prematura. I bambini nati prematuramente sono più soggetti a problemi di sviluppo, tra cui disturbi gastrointestinali, e questi possono causare difficoltà di deglutizione.
  • Determinate condizioni di salute. Le persone con disturbi neurologici o del sistema nervoso hanno maggiori probabilità di avere difficoltà a deglutire.

Complicazioni

La malnutrizione e la disidratazione. La disfagia può rendere difficile nutrirsi. Le persone con difficoltà di deglutizione sono a rischio di malnutrizione e disidratazione.
Problemi respiratori. Se il cibo o il liquido entra nelle  vie aeree (aspirazione), problemi respiratori o infezioni possono verificarsi, come ad esempio frequenti attacchi di polmonite o infezioni delle vie respiratorie superiori.

Diagnosi

Il medico potrebbe eseguire un esame fisico e  utilizzare una serie di test per determinare la causa del problema di deglutizione.

I test possono includere:

  • Bario a raggi X. Per questo test, si beve una soluzione di bario, che ai raggi x mostra eventuali irregolarità del tratto gastroesofageo
  • Endoscopia. Un sottile, flessibile, strumento illuminato (endoscopio) viene passato in gola in modo che il medico può visualizzare l’esofago. Maggiori chiarimenti in questo articolo
  • Test muscolare esofageo. questo test  è stato descritto nella sezione procedure mediche in questo articolo

Trattamenti e farmaci

Il trattamento per le difficoltà di deglutizione è spesso su misura :

Disfagia orofaringea

Per la disfagia orofaringea, il medico molto probabilmente manderà da uno specialista neurologo per ulteriori test diagnostici e da uno specialista per la terapia di deglutizione. La terapia può includere:

  • Esercizi. Alcuni esercizi possono aiutare a coordinare i muscoli della deglutizione e a ristimolare i nervi che attivano il riflesso della deglutizione.
  • L’apprendimento delle tecniche di deglutizione. Si può anche imparare semplici modi di inserire il cibo in bocca o di posizionare il corpo  per aiutare a inghiottire con successo.

Disfagia esofagea

approcci di trattamento per la disfagia esofagea possono includere:

  • Dilatazione esofagea. Per uno sfintere esofageo stretto (acalasia) o una stenosi esofagea, il medico può utilizzare un endoscopio con un pallone speciale, adatto ad allungare delicatamente e ad espandere la larghezza dell’esofago .
  • Chirurgia. Per un tumore esofageo o diverticoli faringei, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per liberare la via esofagea.
  • Farmaci. La difficoltà a deglutire può essere associata ad una malattia da reflusso gastroesofageo che può essere facilmente trattata con prescrizione di farmaci per via orale.

Disfagia grave

Se la difficoltà di deglutizione impedisce di mangiare e bere in modo adeguato, il medico può raccomandare:

  • Diete speciali liquide. Questo può aiutare a mantenere un peso sano ed evitare la disidratazione.
  • Sondino nasogastrico. Nei casi più gravi di disfagia, può essere necessario un tubo di alimentazione per bypassare la parte del  meccanismo di deglutizione che non funziona normalmente.

Consigli

Ci sono cose che si possono provare e che possono contribuire ad alleviare i sintomi, quali:

  • Cambiare le abitudini alimentari. Provare a mangiare piccoli e frequenti pasti-. Assicurarsi di tagliare il cibo in piccoli pezzi, e mangiare ad un ritmo più lento.
  • Prova alimenti con texture diverse. Liquidi sottili, come il caffè ed il succo di frutta, sono un problema per alcune persone. I cibi appiccicosi, come il burro di arachidi o il caramello, possono rendere difficile la deglutizione.
  • Evitare alcol, tabacco e caffeina, perché questi possono creare bruciore di stomaco

Prevenzione

Anche se le difficoltà di deglutizione non può essere evitata, soprattutto quando la causa è di origine neurologica, è possibile ridurre il rischio di difficoltà della deglutizione mangiando lentamente e masticando bene il cibo. La diagnosi precoce ed un efficace trattamento del GERD può ridurre il rischio di sviluppare disfagia associata ad un stenosi esofagea.

Referenze »

Disfagia. National Institute on Deafness e altri disturbi della comunicazione. http://www.nidcd.nih.gov/health/voice/dysph.asp~~V. Consultato il 2 Settembre 2011.
Deglutizione guai. American Academy of Otolaryngology – Head and Neck Surgery. http://www.entnet.org/HealthInformation/swallowingTrouble.cfm. Consultato il 2 Settembre 2011.
Disfagia. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merck.com/mmpe/print/sec02/ch012/ch012b.html. Consultato il 2 Settembre 2011.
Alimentazione e disturbi della deglutizione nei bambini. American Speech-Language-Hearing Association. http://www.asha.org/public/speech/swallowing/FeedSwallowChildren.htm. Consultato il 2 Settembre 2011.
McQuaid KR. Disturbi gastrointestinali. In: McPhee SJ, et al, eds.. Current Medical Diagnosis & Treatment 2011. New York, NY: The McGraw-Hill Companies medici; 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=6395. Consultato il 8 settembre 2011.
I Hirano, et al. Disfagia. In: DL Longo, et al, eds.. Harrison Principi di Medicina Interna. 18a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies medici; 2012. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=9112744. Consultato il 8 settembre 2011.
JM Garcia. Gestione della disfagia attraverso modifiche dieta. American Journal of Nursing. 2010; 110:26.
Mendelson MH. Emergenze esofagee, malattia da reflusso gastroesofageo, e inghiottì corpi estranei. In: Tintinall JE, et al, eds.. Emergency Tintinalli di Medicina: una guida allo studio completa. 7 ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies medici; 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=6360571. Consultato il 8 settembre 2011.

 

Link sponsorizzati