Ipertrofia ventricolare sinistra: sintomi e cure


L’Ipertrofia ventricolare sinistra è un allargamento del tessuto muscolare che costituisce la parete della camera di pompaggio principale del cuore (ventricolo sinistro).

Link sponsorizzati

L’Ipertrofia ventricolare sinistra si sviluppa in risposta ad alcuni fattori,che richiedono un lavoro maggiore al ventricolo sinistro. Con l’aumento dei carichi di lavoro, le pareti del ventricolo diventano più spesse, perdono elasticità e, infine, potrebbero non riuscire a pompare con forza quanto un cuore sano.

una Ipertrofia ventricolare sinistra (IVS) è più comune nelle persone che hanno la pressione alta o altri problemi cardiaci.

Sintomi

L’Ipertrofia ventricolare sinistra di solito si sviluppa gradualmente. Spesso non si verificano segni o sintomi, in particolare durante le prime fasi della malattia. Come procede però,l’ipertrofia ventricolare sinistra può dare complicanze, ovver:

  • Mancanza di fiato
  • Dolore toracico
  • Sensazione di battiti cardiaci rapidi, svolazzanti o martellanti (palpitazioni)
  • Vertigini
  • Svenimenti
  • Rapido esaurimento con l’attività fisica

Chiamare immediatamente il 118 se si sente dolore al petto che dura più di pochi minuti o si hanno gravi difficoltà respiratorie. Se si verifica mancanza di respiro o altri sintomi, come palpitazioni, consultare il medico.

ipertrofia ventricolare.jpg

Cause

L’ipertrofia ventricolare sinistra può accadere per una serie di fattori che fanno lavorare il cuore  più del normale. Per esempio, se si soffre di pressione alta, i muscoli del ventricolo sinistro devono contrarsi con più forza per contrastare l’effetto della pressione arteriosa elevata.

Fattori che possono causare uno sforzo cardiaco sono i seguenti:

  • La pressione alta (ipertensione). Questa condizione è la causa più frequente di ipertrofia ventricolare sinistra.
  • Stenosi della valvola aortica. Questa malattia è un restringimento della valvola aortica, il lembo che separa il  ventricolo sinistro dall’aorta.
  • Cardiomiopatia ipertrofica. In questa malattia, il muscolo cardiaco (miocardio) diventa ipertrofico. Un muscolo cardiaco ispessito può rendere più difficile per il cuore  pompare il sangue.
  • Atletica. L’intenso, e prolungato allenamento per la resistenza può causare un adattamento del cuore in modo che possa gestire il carico di lavoro supplementare. In alcune persone, questi cambiamenti possono portare a ipertrofia ventricolare sinistra.
  • Altre condizioni mediche. Alcune malattie rare, come alcuni tipi di distrofia muscolare e la malattia di Fabry, sono associati a cambiamenti nel cuore che aumentano il rischio di ipertrofia ventricolare sinistra.

Fattori di rischio

I fattori di rischio per l’ipertrofia ventricolare sinistra sono i seguenti:

  • La pressione alta, una pressione arteriosa  superiore a 140/90 mmHg, è il fattore di maggior rischio.
  • Stenosi aortica.
  • L’obesità può causare  pressione alta e aumentare  i fattori che possono portare a ipertrofia ventricolare sinistra.

Complicazioni

L’ipertrofia del ventricolo sinistro  trasforma sia la struttura che la funzione del ventricolo:

  • Il muscolo allargato perde elasticità e si irrigidisce, impedendo il corretto rimepimento, che porta a un aumento della pressione nel cuore.
  • Il tessuto muscolare allargaoa comprime i vasi sanguigni.
  • Il muscolo affaticato si indebolisce.

Le complicazioni che possono verificarsi a causa di questi problemi includono:

  • Incapacità del cuore di pompare sufficiente sangue per il corpo (insufficienza cardiaca)
  • Aritmia
  • Insufficiente apporto di ossigeno al cuore (cardiopatia ischemica)
  • Interruzione della fornitura di sangue al cuore (attacco cardiaco)
  • Improvvisa, inaspettata perdita di funzionalità cardiaca,  respirazione e  coscienza (improvviso arresto cardiaco)

ecg1.gif

Diagnosi

Se si dispone di segni e sintomi come respiro corto, dolore al petto, palpitazioni o altri, il medico esaminerà la funzione cardiaca per scegliere il trattamento migliore.

Test di screening per l’ipertrofia ventricolare sinistra sono:

  • Elettrocardiogramma.
  • Ecocardiogramma.
  • Risonanza magnetica (MRI).

Trattamenti e cure

Il trattamento per l’ipertrofia ventricolare sinistra si concentra sulla causa di fondo della condizione. A seconda della causa, il trattamento può comportare farmaci o interventi chirurgici.

Trattamento ipertensione

Il trattamento per l’ipertensione di solito comprende entrambi i fattori, ovvero farmaci e  modifiche dello stile di vita.

Oltre a ridurre la pressione sanguigna, alcuni farmaci per l’ipertensione prevengono un ulteriore allargamento del tessuto muscolare del ventricolo sinistro. Farmaci per la pressione  che possono invertire la crescita muscolare sono i seguenti:

  • I diuretici tiazidici. Agiscono sui reni per aiutare il  corpo ad eliminare sodio e acqua, riducendo così il volume del sangue.
  • Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE). Sono un tipo di farmaci che migliorano il flusso di sangue e diminuiscono il carico di lavoro del cuore. Gli esempi includono enalapril (Vasotec), lisinopril (Prinivil, Zestril) e Captopril (Capoten).
  • ACE-inibitori.
  • Bloccanti dei recettori dell’angiotensina II (ARB), che includono Losartan (Cozaar) e Valsartan (Diovan), hanno molti degli effetti benefici degli ACE-inibitori, ma non causano una tosse persistente. Essi possono essere una alternativa per le persone che non tollerano gli ACE-inibitori.
  • I beta-bloccanti. Rallentano il battito cardiaco, riducono la pressione sanguigna e prevengono alcuni degli effetti dannosi degli ormoni dello stress. Questi farmaci comprendono atenololo (Tenormin), carvedilolo (Coreg), metoprololo (Toprol XL) e bisoprololo (Zebeta).
  • Calcio-antagonisti. Impediscono al calcio di entrare in cellule del cuore e nelle pareti dei vasi sanguigni.

La riparazione o la sostituzione della valvola aortica

  • Se l’ipertrofia del ventricolo sinistro è causata da stenosi della valvola aortica, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere la valvola e sostituirla con una  artificiale o con una di un donatore.

Referenze »

Douglas PS, et al. Definizione e patogenesi di ipertrofia ventricolare sinistra nell’ipertensione. http://www.uptodate.com/index. Consultato il 28 maggio 2012.
Kaplan NM, et al. Implicazioni cliniche e il trattamento di ipertrofia ventricolare sinistra nell’ipertensione. indice http://www.uptodate.com/. Consultato il 28 maggio 2012.
Katholi RE, et al. Ipertrofia ventricolare sinistra: fattore di rischio maggiore nei pazienti con ipertensione – Aggiornamento e pratiche applicazioni cliniche. International Journal of Hypertension. 2011; 495349:1.
Lorell BH, et al. Ipertrofia ventricolare sinistra: Patogenesi, l’accertamento e la prognosi. Circolazione. 2000; 102:470.
Rawlins J, et al. Ipertrofia ventricolare sinistra negli atleti. European Journal of Ecocardiografia. 2009; 10:350.
Artham SM, et al. Impatto clinico di ipertrofia ventricolare sinistra e le implicazioni per la regressione. I progressi nelle malattie cardiovascolari. 2009; 52:153.
Che cosa è la pressione alta? National Heart, Lung, and Istituto di Sangue. http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/hbp/. Consultato il 30 maggio 2012.
Stenosi della valvola aortica (AS) e insufficienza aortica (AI). American Heart Association. Consultato il 30 maggio 2012.
BJ Gersh, et al. 2011 ACCF / AHA linee guida per la diagnosi e il trattamento della cardiomiopatia ipertrofica: un rapporto della American College of Cardiology Foundation / American Heart Association Task Force sulle Linee guida di pratica.

 

Link sponsorizzati