Il bypass gastrico: procedure, informazioni, rischi e benefici


La perdita di peso tramite interventi chirurgici può cambiare il sistema digestivo, spesso limitando la quantità di cibo che si può mangiare. Questi interventi aiutano a perdere peso e possono ridurre il rischio di problemi di salute associati con l’obesità.

Link sponsorizzati

Il bypass gastrico è la chirurgia bariatrica più frequentemente eseguita in tutto il mondo. Molti chirurghi preferiscono la chirurgia del bypass gastrico, perché ha in genere meno complicazioni rispetto ad altri interventi chirurgici per perdere peso. La chirurgia del bypass gastrico è in grado di fornire a lungo termine, una perdita di peso consistente se supportata da dieta sana ed esercizio fisico.

Il bypass gastrico non è per tutti. Si tratta di una procedura principale che comporta dei rischi e degli effetti collaterali e richiede modifiche permanenti nello stile di vita. Prima di decidere di sottoporsi ad un intervento chirurgico di bypass gastrico, è importante capire che cosa comporta e quali cambiamenti dello stile di vita si devono attuare. In gran parte, il successo dell’intervento dipende dal paziente.

Perché viene fatta

In generale, un intervento di bypass gastrico è per coloro che non sono in grado di raggiungere o mantenere un peso sano attraverso la dieta e l’esercizio fisico, e che quindi sono gravemente sovrappeso, e hanno problemi di salute. Un intervento di bypass gastrico potrebbe essere un’opzione se:

  • L’indice di massa corporea (BMI) è 40 o superiore (obesità estrema)
  • Il BMI è 35-39,9 (obesità), e si hanno gravi problemi di salute, come il diabete o la pressione alta
  • L’intervento di bypass gastrico non sostituisce la necessità di seguire una dieta sana e fare esercizio.

Ecco alcuni tipi di intervento chirurgico :

  • Roux-en-Y. Questo è il metodo preferito per eseguire un intervento chirurgico di bypass gastrico.
  • Diversione biliopancreatica con switch duodenale. In questa procedura, il chirurgo rimuove circa l’80 per cento dello stomaco, formando un sottile manicotto. La valvola che rilascia il cibo nell’intestino tenue rimane (switch duodenale) insieme a una parte limitata del piccolo intestino che si collega normalmente allo stomaco (duodeno). L’intervento bypassa la maggior parte dell’intestino, collegando la parte terminale dell’intestino al duodeno vicino allo stomaco (diversione biliopancreatica). Questo intervento è efficace, ma ha più rischi, come la malnutrizione e carenze vitaminiche, e richiede uno stretto monitoraggio. E’ generalmente utilizzato per le persone che hanno un indice di massa corporea superiore a 50.

 

g2b1.gif

Altre opzioni di perdita di peso tramite la chirurgia sono:

  • Bendaggio gastrico regolabile (LAGB). Il chirurgo utilizza una banda gonfiabile per dividere lo stomaco in due parti avvolgendo la fascia attorno alla parte superiore dello stomaco. Tirandolo  come una cintura, il chirurgo crea un canale piccolo tra i due sacchetti che limita la quantità di cibo che si può mangiare. LAGB è una procedura  semplice e ha un tasso di complicanze inferiore rispetto ad altre procedure.

Tuttavia, il LAGB provoca una perdita di peso minore di quanto non faccia la Roux-en-Y. Questo intervento non è raccomandato per le persone che hanno determinate condizioni mediche, come il morbo di Crohn, grande ernia iatale o una storia di ulcera gastrica.

  • Gastroplastica verticale a bande. Questa operazione, chiamata anche pinzatura dello stomaco, divide lo stomaco in due parti, ciò limita lo spazio per il cibo e costringendo a mangiare meno.
  • Gastrectomia a manica. Se l’ indice di massa corporea (BMI) è di 50 o superiore, il medico può suggerire una gastrectomia manica come alternativa al bypass gastrico. La gastrectomia a manica è la prima parte della diversione biliopancreatica con switch duodenale che recentemente è stata studiata come procedura primaria per la perdita di peso.

In questa procedura, la struttura dello stomaco viene modificata per essere a forma di tubo, cosa che limita la quantità di calorie che il corpo assorbe. Per alcune persone, la gastrectomia manica è una “procedura in più fasi”.

Rischi

Come per qualsiasi intervento chirurgico importante, il bypass gastrico ha rischi quali emorragie, infezioni e reazioni all’anestesia. Le possibili complicanze dell’intervento di bypass gastrico sono:

  • Carenza di vitamine e minerali
  • Disidratazione
  • Calcoli biliari
  • Sanguinamento dell’ulcera dello stomaco
  • Ernia al sito di incisione
  • Intolleranza a determinati alimenti
  • Calcoli renali
  • Ipoglicemia

Possibili rischi rari, ma gravi specifici del Roux-en-Y sono:

  • Decesso. Il rischio varia secondo l’età, la salute generale e ad altre condizioni mediche. Parlare sempre con il medico circa il livello di rischio che l’intervento può rappresentare a seconda dei casi.
  • Coaguli di sangue . I coaguli di sangue nelle gambe si verificano maggiormente nelle persone molto in sovrappeso. I coaguli di sangue possono essere pericolosi. In alcuni casi, viaggiano verso i polmoni e si annidano nelle arterie dei polmoni, creando una condizione grave che danneggia i tessuti polmonari e può portare al decesso.
  • Polmonite.
  • Restringimento dell’apertura tra lo stomaco e nell’intestino tenue. Questa rara complicazione potrebbe richiedere un breve soggiorno in ospedale.
  • Sindrome di dumping. Il bypass gastrico può anche causare la sindrome di dumping, una condizione in cui il contenuto dello stomaco si muove troppo velocemente attraverso l’intestino tenue provocando nausea, vomito, diarrea, vertigini e sudorazione.

Come ci si prepara

Prima di sottoportsi ad un intervento chirurgico di bypass gastrico, si dovranno effettuare vari esami. Non tutti coloro che vogliono un bypass gastrico sono realmente pronti per la procedura chirurgica.

Un team di professionisti, tra cui un medico, dietista, psicologo e chirurgo, possono consigliare se l’intervento è appropriato a seconda dei casi. Si tratta di identificare quali aspetti della  salute ci si aspetta di migliorare dopo l’intervento. L’intervento chirurgico è consigliato quando i vantaggi percepiti della chirurgia superano i rischi riconosciuti.

E’ importante seguire la prescrizione del medico nella preparazione per la chirurgia di bypass gastrico. Questo include le restrizioni del mangiare e bere, un programma di attività fisica, e smettere di fumare.

bgry1.jpgChe cosa ci si può aspettare

Durante la procedura

Ogni tipo di chirurgia bariatrica ha diverse fasi.

L’anestesia generale viene usato per la chirurgia di bypass gastrico. Questo significa che durante l’intervento si “dormirà”.

Quando un Roux-en-Y viene eseguito, il chirurgo graffetta lo stomaco nella parte superiore, sigillandolo dal resto dello stomaco. Il sacchetto che ne risulta è delle dimensioni di una noce e può contenere circa un grammo di cibo. Il sacchetto è fisicamente separato dal resto dello stomaco. Poi, il chirurgo taglia l’intestino tenue e cuce parte di esso direttamente sul sacchetto.

Questo intervento fa si che il cibo entri direttamente nella seconda sezione del piccolo intestino, il digiuno, limitando la capacità di assorbire calorie. Anche se il cibo non entra nella parte inferiore dello stomaco, lo stomaco rimane in buona salute e continua a rilasciare i succhi digestivi.

Alcuni chirurghi eseguono questa operazione utilizzando un laparoscopio – un piccolo strumento tubolare con una videocamera collegata, attraverso brevi incisioni nell’addome (bypass gastrico laparoscopico).

Rispetto al tradizionale bypass “aperto”, la tecnica laparoscopica riduce in genere la degenza in ospedale e porta ad un recupero più rapido.

La chirurgia di bypass gastrico dura circa quattro ore.

Dopo la procedura

Non sarà permesso mangiare per uno o due giorni dopo l’intervento. Poi, si dovrà seguire una dieta specifica per circa 12 settimane. La dieta inizia con solo liquidi, poi i cibi morbidi, fino a progredire agli alimenti normali.

Si possono verificare una o più delle seguenti modifiche corporee nei primi tre-sei mesi:

  • Dolori muscolari
  • Sensazione di stanchezza
  • Sensazione di freddo
  • Pelle secca
  • Diradamento dei capelli e perdita dei capelli
  • Cambiamenti di umore

Entro i primi due anni dalla chirurgia, ci si può aspettare di perdere dal 50 al 60 per cento del peso in eccesso. Se si seguono le raccomandazioni dietetiche e l’esercizio fisico, è possibile mantenere un buon peso a lungo termine.

Risultati

Oltre alla perdita di peso, l’intervento di bypass gastrico può migliorare o risolvere le seguenti condizioni associate con l’obesità:

  • Diabete di tipo 2
  • ipertensione
  • Colesterolo alto
  • Apnea ostruttiva notturna
  • Malattia da reflusso gastroesofageo (GERD)

I miglioramenti osservati nel diabete di tipo 2, pressione alta e colesterolo alto possono ridurre notevolmente il rischio di avere un attacco di cuore o ictus. La chirurgia del bypass gastrico può anche migliorare la qualità della vita.

Un intervento chirurgico per la riduzione del peso non è una procedura miracolosa. La perdita di peso dopo l’intervento  dipende dall’impegno per apportare modifiche permanenti alle abitudini alimentari e allo stile di vita.

Referenze »

Gastroenterologiche American Association. Gastroenterologiche American Association dichiarazione di posizione medica sull’obesità. Gastroenterologia. 2002; 123: 879.
Chirurgia bariatrica per l’obesità grave. Istituto Nazionale sul diabete e digerente e malattie renali. http://win.niddk.nih.gov/publications/PDFs/gasurg12.04bw.pdf. Accessed 20 Agosto 2011.
Jones D, et al. Il trattamento chirurgico dell’obesità grave. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 15 agosto 2011.
Jones D, et al. Le complicanze della chirurgia bariatrica. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 15 agosto 2011.
Kushner RF, et al. gestione medica dei pazienti dopo chirurgia bariatrica. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 15 agosto 2011.

 

Link sponsorizzati