I denti del giudizio: sintomi dolorosi, conservazione ed estrazione


I denti del giudizio sono terzi molari nella parte posteriore della bocca che non hanno abbastanza spazio per emergere e crescere normalmente.

Link sponsorizzati

Denti del giudizio sono gli ultimi denti adulti. La maggior parte delle persone hanno quattro denti del giudizio nella parte posteriore della bocca,due sulla parte superiore, due sul fondo.

I denti del giudizio possono provocare dolore, danni ai denti e altri problemi dentali. In alcuni casi, i denti del giudizio possono essere particolarmente vulnerabili alle malattie.

I denti del giudizio che provocano dolore o altre complicazioni dentali sono generalmente rimossi. Alcuni dentisti consigliamo anche di rimuovere denti del giudizio che non causano sintomi per evitare problemi futuri.

Sintomi

I denti del giudizio non sempre causano sintomi. Tuttavia, quando un dente del giudizio diventa infetto, o causa altri problemi dentali, potrebbero verificarsi alcuni dei seguenti segni o sintomi:

  • Dolore
  • Gengive rosse o gonfie
  • Sanguinamento delle gengive
  • Gonfiore attorno alla mascella
  • Alito cattivo
  • Un sapore sgradevole in bocca
  • Mal di testa

Recarsi dal dentista se si avvertite dolore, gonfiore o altri sintomi.

dente del giudizio.jpg

Non saltare mai gli appuntamenti dentali per le pulizie e controlli.

Cause

I Denti del giudizio creano spesso problemi,perché non hanno abbastanza spazio per crescere normalmente.

Di solito crescono tra i 17 e 25 anni. Alcune persone hanno i denti del giudizio che emergono senza problemi. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la bocca è troppo affollata per i terzi molari.

Un dente del giudizio può uscire in parte in modo che solo una parte della corona sia visibile, oppure non può mai superare le gengive. Di base il dente può:

  • Crescere con un angolo verso il dente successivo (secondo molare)
  • Crescere con un angolo verso la parte posteriore della bocca
  • Crescere perpendicolare ai denti, come se il dente del giudizio fosse “sdraiato” all’interno della mandibola
  • Crescere verso l’alto o verso il basso come gli altri denti, ma rimanere intrappolato all’interno della mandibola

Perché abbiamo i denti del giudizio?

I primi umani avevano diete di cibo duro che probabilmente ha portato lo sviluppo di questi denti. La dieta più morbida dell’uomo moderno. e le pratiche di prevenzione cura dentale e cure ortodontiche per raddrizzare i denti, hanno portato un grande cambiamento anche nella struttura dentale.

Complicazioni

I denti del giudizio possono causare diversi problemi alla bocca:

  • Altri danni ai denti. Se il dente del giudizio spinge contro il secondo molare, può danneggiare il secondo molare o renderlo più vulnerabile alle infezioni.
  • Cisti. Se il dente del giudizio cresce in una sacca all’interno della mandibola, questa può riempirsi di liquido, formando una cisti che può danneggiare i denti. Raramente, un tumore.
  • Carie. I denti del giudizio sembrano essere più vulnerabili alle carie (carie) rispetto agli altri denti. Questo problema si verifica probabilmente perché i denti del giudizio sono più difficili da pulire.
  • Malattie gengivali. La difficoltà di pulizia li rende anche un sito vulnerabile per lo sviluppo di una dolorosa condizione infiammatoria chiamata pericoronite.

Diagnosi

Il dentista è in grado di valutare i denti e la bocca per determinare se ci sono problemi. Tali valutazioni tipicamente includono:

  • Domande circa i sintomi dentali e salute generale
  • Un esame della condizione dei denti e gengive
  • Raggi X che possono rivelare la presenza di denti inclusi, così come segni di danni ai denti o alle ossa

Trattamenti

Denti del giudizio che stanno causando dolore o altri problemi dentali sono solitamente rimossi chirurgicamente, o estratti.

Gestione dei denti del giudizio asintomatici

Se i denti del giudizio non stanno causando  sintomi o problemi dentali, si chiamano asintomatici. Esiste un certo disaccordo nella comunità dentale su come gestire i denti del giudizio asintomatici. E la ricerca su questo argomento non aiuta molto.

Alcuni dentisti consigliano di rimuovere i denti del giudizio per evitare potenziali problemi futuri.

  • Un dente asintomatici può essere un luogo particolarmente vulnerabile per le malattie delle gengive e carie dei denti.

Altri dentisti raccomandano un approccio più conservativo. Essi rilevano che non vi siano prove sufficienti per suggerire che i denti del giudizio che non causando problemi in età adulta in seguito possano causare problemi.

  • Con approccio conservativo, il dentista controllerà i denti per carie, malattie gengivali o altre complicazioni.

Estrazione chirurgica

L’estrazione chirurgica di un dente del giudizio è quasi sempre fatta in regime ambulatoriale, il che significa che si andrà a casa il giorno stesso. Verrà ovviamente praticata l’anestesia locale che intorpidisce la bocca.

Durante una estrazione il dentista pratica un’incisione nelle gengive e rimuove qualsiasi osso che blocca l’accesso al dente. Dopo che il dente è stato rimosso, la ferita chirurgica è di solito cucita.

La maggior parte delle estrazioni dei denti del giudizio non comporta complicanze a lungo termine. Problemi che possono verificarsi includono:

  • L’infezione da batteri o particelle di cibo intrappolati
  • Danni a denti vicini
  • Indebolimento della mandibola inferiore
  • Danni ai nervi

Referenze »

Denti del giudizio. American Association. http://www.aaoms.org/wisdom_teeth.php. Consultato il 21 Febbraio 2012.
Marciani RD. Terzo molare rimozione: Una panoramica delle indicazioni, l’imaging, la valutazione e la valutazione del rischio. Orale e chirurgia maxillo-facciale delle Cliniche del Nord America. 2007; 19:01.
Bagheri SC, et al. Estrazione rispetto alla gestione non estrattiva dei terzi molari. Orale e chirurgia maxillo-facciale delle Cliniche del Nord America. 2007; 19:15.
Haug RH, et al. Basate sull’evidenza dei fatti il ​​processo decisionale: il terzo molare. Cliniche dentali del Nord America. 2009; 53:77.
Gengivite. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merckmanuals.com/professional/dental_disorders/periodontal_disorders/gingivitis.html. Consultato il 22 Febbraio 2012.
Carie. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merckmanuals.com/professional/dental_disorders/common_dental_disorders/caries.html. Consultato il 22 Febbraio 2012.
Kandasamy S, et al. La saggezza dietro le estrazioni del terzo molare. Australiano Dental Journal. 2009; 54:284.
Farish SE, et al. Tecnica generale di rimozione del terzo molare. Orale e chirurgia maxillo-facciale delle Cliniche del Nord America. 2007; 19:23.
Postextraction problemi. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. Consultato il 23 febbraio 2012.
Dental ansia. American Dental Association. http://www.ada.org/3102.aspx. Consultato il 23 febbraio 2012.
Bianco RP Jr., et al. Valutazione e gestione dei terzi molari asintomatici: La mancanza di sintomi non equivale a mancanza di patologia. American Journal of Ortodonzia e Ortopedia Dentofacial. 2011; 140:10.
Kandasamy valutazione e la gestione di S. asintomatici terzi molari: il monitoraggio vigile e a basso rischio come  alternativa all’estrazione. American Journal of Ortodonzia e Ortopedia Dentofacial. 2011; 140:11.

 

Link sponsorizzati