HIV e AIDS: segni, sintomi, modalità di contagio e cure


L’AIDS è una malattia cronica, potenzialmente fatale causata dal virus dell’immunodeficienza umana (HIV). Per danneggiare il sistema immunitario, l’HIV interferisce con la capacità del corpo di combattere gli organismi che causano le malattie.

Link sponsorizzati

L’HIV è una malattia a trasmissione sessuale. Può anche essere trasmessa mediante contatto con sangue infetto o da madre a figlio durante la gravidanza, il parto o l’allattamento. Ci possono volere anni prima che l’HIV indebolisca tutto il sistema immunitario, al punto da sfociare in AIDS.

Non c’è cura per l’HIV / AIDS, ma ci sono farmaci che possono rallentare significativamente la progressione della malattia. Questi farmaci hanno ridotto i decessi per AIDS in molte nazioni sviluppate. Ma l’HIV continua a decimare le popolazioni in Africa, ad Haiti e in parti dell’Asia.

Sintomi

I sintomi di HIV e AIDS variano, a seconda della fase di infezione.

Entro le prime settimane

Alla prima infezione da HIV, in genere non si hanno segni o sintomi, anche se si è  ancora in grado di trasmettere il virus ad altri. Molte persone sviluppano una breve malattia simil-influenzale 2-4 settimane dopo l’infezione. Segni e sintomi possono includere:

  • Febbre
  • Mal di testa
  • Mal di gola
  • Gonfiore delle ghiandole linfatiche
  • Eruzione cutanea

hiv.jpg

Anni dopo

Si può rimanere senza sintomi per anni. Ma, come il virus continua a moltiplicarsi e a distruggere le cellule immunitarie, si può sviluppare infezioni lievi o sintomi cronici, quali:

  • Nodi linfatici gonfi – spesso uno dei primi segni di infezione da HIV
  • Diarrea
  • Perdita di peso
  • Febbre
  • Tosse e mancanza di respiro

Progressione verso l’AIDS

Se non si riceve alcun trattamento per l’infezione da HIV, la malattia progredisce in genere verso l’AIDS in circa 10 anni. Nel momento in cui si sviluppa l’AIDS, il sistema immunitario è stato gravemente danneggiato, il che rende suscettibili alle infezioni opportunistiche, ovver malattie che non creerebbero problemi in una persona con un sistema immunitario sano. I segni ed i sintomi di alcune di queste infezioni possono includere:

  • Sudorazione notturna
  • Brividi o febbre superiore a 38 C per diverse settimane
  • Tosse e mancanza di respiro
  • Diarrea cronica
  • Persistenti macchie bianche o lesioni inusuali sulla lingua o in bocca
  • Mal di testa
  • Persistente, stanchezza inspiegabile
  • Visione offuscata e distorta
  • Perdita di peso
  • Eruzioni cutanee

Cause

Gli scienziati ritengono che un virus simile all’HIV si sia verificato in alcune popolazioni di scimpanzé e scimmie in Africa. Il contatto con il sangue di una scimmia infetta durante la macellazione o la cottura può aver consentito al virus di attraversare gli esseri umani e diventare HIV.

L’HIV diventa AIDS

L’HIV distrugge le cellule CD4, un particolare tipo di globuli bianchi che svolgono un ruolo importante nell’aiutare l’organismo a combattere le malattie. Il sistema immunitario si indebolisce mano a mano che le  cellule CD4 sono compromesse. Si può avere un’infezione da HIV per anni prima che essa progredisca verso l’AIDS.

Per essere diagnosticata l’AIDS, è necessario disporre di una conta di CD4 inferiore a 200 o manifestazioni che vengono definite come complicazioni dell’AIDS,ovvero:

  • Polmonite da Pneumocystis carinii
  • Citomegalovirus
  • Tubercolosi
  • Toxoplasmosi
  • Criptosporidiosi

Metodi di trasmissione dell’ HIV

Per essere infettati con l’HIV, si deve entrare in contatto con secrezioni corporee. Non si può essere infettati attraverso il contatto ordinario, abbracci, baci, balli o strette di mano, con qualcuno che ha l’HIV o l’AIDS. L’HIV non può essere trasmesso attraverso l’aria, acqua o attraverso punture di insetti.

Si può essere infettati con l’HIV in diversi modi, tra cui:

  • Durante i rapporti. Il contagio avviene attraverso le mucose o piccoli tagli
  • Le trasfusioni di sangue. In alcuni casi, il virus può essere trasmesso attraverso le trasfusioni di sangue.
  • Scambio di siringhe. L’HIV può essere trasmesso attraverso aghi e siringhe contaminati con sangue infetto.
  • Da madre a figlio. madri infette possono infettare i loro bambini durante la gravidanza,parto, o attraverso l’allattamento al seno. Ma se le donne ricevono un trattamento per l’infezione da HIV durante la gravidanza, il rischio per i loro bambini è significativamente ridotto.

Fattori di rischio

  • Avere rapporti sessuali non protetti.
  • MST. Molte malattie sessualmente trasmissibili (MST) producono ferite aperte sui genitali. Queste piaghe agiscono come porte per l’HIV.
  • Uso di sostanze stupefacenti per via endovenosa. Persone che fanno uso di stupefacenti per via endovenosa condividono spesso gli aghi e le siringhe.

Complicazioni

L’infezione da HIV indebolisce il sistema immunitario, e rende molto sensibili a tutti i tipi di infezioni e alcuni tipi di cancro.

Comuni infezioni di HIV / AIDS:

  • La tubercolosi (TB).
  • Salmonellosi. infezione batterica da cibo o acqua contaminati.
  • Citomegalovirus (CMV). Questo virus comune herpetico si trasmette nei fluidi corporei come la saliva, sangue, urina, etc. Un sistema immunitario sano inattiva i virus, che rimane dormiente nel corpo. Se il sistema immunitario si indebolisce, riemerge il virus, che causa danni alla vista, all’apparato digerente, polmoni o  altri organi.
  • Candidosi. La Candidosi è una comune nella infezione da HIV.
  • Meningite criptococcica.
  • Toxoplasmosi. Questa infezione potenzialmente fatale è causata da Toxoplasma gondii, un parassita diffuso principalmente dai gatti.
  • Criptosporidiosi. Questa infezione è causata da un parassita intestinale, che è comunemente trovato negli animali.

Tumori comuni per l’HIV / AIDS

  • Sarcoma di Kaposi. Il sarcoma di Kaposi è un tumore delle pareti dei vasi sanguigni. Anche se raro in persone non infette da HIV, è comune nelle persone sieropositive.
  • Linfomi. Questo tipo di cancro ha origine nelle cellule bianche del sangue. I linfomi di solito iniziano nei linfonodi. Il segno più precoce è comune gonfiore indolore dei linfonodi del collo, delle ascelle o dell’inguine.

Altre complicazioni

Sindrome da deperimento. Essa è definita come una perdita di almeno il 10 per cento del peso corporeo ed è spesso accompagnata da diarrea, debolezza cronica e febbre.
Complicazioni neurologiche. Anche se l’AIDS non sembra infettare le cellule nervose, può ancora causare sintomi neurologici come confusione, depressione, ansia e disturbi della deambulazione.

Diagnosi

L’HIV è più comunemente diagnosticata mediante un esame del sangue o della saliva per la presenza di anticorpi al virus. Purtroppo, questi tipi di test  non sono accurati subito dopo l’infezione, perché ci vuole tempo per il  corpo affinchè aviluppi questi anticorpi, di solito fino a 12 settimane. In rari casi, può richiedere fino a sei mesi un test degli anticorpi HIV perchè risulti positivo.

Un nuovo tipo di controlli per l’antigene HIV, è una proteina prodotta dal virus subito dopo l’infezione. Questo test può confermare una diagnosi in pochi giorni di infezione. Una diagnosi precoce può indurre le persone a prendere ulteriori precauzioni per prevenire la trasmissione del virus ad altri.

Test per il trattamento su misura

Se si riceve una diagnosi di HIV / AIDS, diversi tipi di test possono aiutare il medico a determinare quale fase della malattia si ha. Questi test includono:

  • CD4. Le cellule CD4 sono un tipo di globuli bianchi specificamente mirati e distrutto dall’HIV. La Conta di CD4 in una persona sana può variare da 500 a oltre 1.000. Anche se una persona non ha sintomi, l’infezione da HIV progredisce verso l’AIDS quando il  numero di CD4 diventa minore di 200.
  • Carica virale. Questo test misura la quantità di virus nel sangue.
  • La resistenza ai farmaci. Questo tipo di test determina se il ceppo del virus HIV è resistente a  farmaci anti-HIV.

I test per le complicanze

Il medico può anche prescrivere degli esami di laboratorio per verificare la presenza di altre infezioni o complicazioni, tra cui:

  • Tubercolosi
  • Epatite
  • Toxoplasmosi
  • Malattie sessualmente trasmesse
  • Danni al fegato o renali
  • Infezioni del tratto urinario

Trattamenti 

Non esiste una cura per l’HIV / AIDS, ma una varietà di farmaci possono essere usati in combinazione per controllare il virus. Ognuna delle classi di farmaci anti-HIV blocca il virus in modo diverso. E’ meglio combinare almeno tre farmaci di due classi diverse per evitare di creare ceppi di HIV che sono immuni a singoli farmaci. Le classi di farmaci anti-HIV sono:

  • Inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversa (NNRTI). La NNRTI disattiva una proteina necessaria per la duplicazione dell’HIV. Gli esempi includono efavirenz (Sustiva), etravirina (Intelence) e nevirapina (Viramune).
  • Nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTI). Gli esempi includono Abacavir (Ziagen), e la combinazione di farmaci emtricitabina e tenofovir (Truvada), e lamivudina e zidovudina (Combivir).
  • Inibitori della proteasi (PI). Gli esempi includono atazanavir (Reyataz), darunavir (Prezista), fosamprenavir (Lexiva) e ritonavir (Norvir).
  • Gli inibitori d’ingresso o di fusione. Questi farmaci bloccano ingresso dell’HIV nelle cellule CD4. Gli esempi includono enfuvirtide (Fuzeon) e maraviroc (Selzentry).
  • Gli inibitori dell’integrasi.

Quando iniziare il trattamento

Le attuali linee guida indicano che il trattamento dovrebbe iniziare se:

  • Si hanno sintomi gravi
  • Il numero di CD4 è inferiore a 500
  • Si è incinta
  • L’HIV è correlata a malattie renali
  • Si è in trattamento per l’epatite B

Il trattamento può essere difficile

I regimi di trattamento dell’HIV possono comportare l’assunzione di pillole in momenti specifici ogni giorno per il resto della  vita. Gli effetti collaterali possono includere:

  • Nausea, vomito o diarrea
  • Battiti cardiaci anomali
  • Mancanza di fiato
  • Rash cutanei
  • Ossa indebolite

Risposta al trattamento

La risposta a qualsiasi trattamento è misurata con la carica virale e conta dei CD4. La carica virale deve essere testata all’inizio del trattamento e poi ogni tre o quattro mesi, mentre si è in terapia.

Il trattamento per l’HIV dovrebbe ridurre la carica virale al punto che è inosservabile. Ciò non significa che il virus HIV è sparito. Significa solo che il test non è abbastanza sensibile per rilevare il virus. È ancora possibile trasmettere l’HIV ad altri.

Referenze »

Informazioni di base su HIV e AIDS. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/hiv/topics/basic/index.htm. Accesso effettuato nel maggio 18, 2010.
HIV e il suo trattamento: Quello che dovete sapere. AIDSinfo. US Department of Health and Human Services. http://aidsinfo.nih.gov/contentfiles/HIVandItsTreatment_cbrochure_en.pdf. Accesso effettuato nel maggio 18, 2010.
V Kumar, et al. Sindromi da immunodeficienza. In: V Kumar, et al. Robbins e Cotran Le basi patologiche delle malattie, Professional Edition. 8 ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2009. Accesso effettuato nel maggio 18, 2010.
Quinn TC. La pandemia globale del virus dell’immunodeficienza umana. http://www.uptodate.com/home/index.html. Accesso effettuato nel maggio 18, 2010.
Opal SM, et al. Virus dell’immunodeficienza umana. In: Ferri FF. Advisor Clinical Ferri 2010. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2009. Accesso effettuato nel maggio 18, 2010.
Bartlett JG. Le tappe e la storia naturale dell’infezione da HIV. http://www.uptodate.com/home/index.html. Accesso effettuato nel maggio 18, 2010.
Opal SM, et al. Sindrome da immunodeficienza acquisita. In: Ferri FF. Advisor Clinical Ferri 2010. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2009. Accesso effettuato nel maggio 18, 2010.
Vivere con l’AIDS. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/hiv/resources/brochures/livingwithhiv.htm. Accesso effettuato nel maggio 19, 2010.
Complicanze neurologiche della scheda AIDS. Istituto nazionale dei disordini neurologici e colpo. http://www.ninds.nih.gov/disorders/aids/detail_aids.htm. Accesso effettuato nel maggio 21, 2010.
Bartlett JG. Quando iniziare la terapia antiretrovirale in pazienti affetti da HIV. http://www.uptodate.com/home/index.html. Accesso effettuato nel maggio 21, 2010.
Gli effetti indesiderati di farmaci anti-HIV: Informazioni sanitarie per i pazienti. AIDSinfo. US Department of Health and Human Services. http://aidsinfo.nih.gov/contentfiles/SideEffectAnitHIVMeds_cbrochure_en.pdf. Accesso effettuato nel maggio 21, 2010.
Mangiare difensiva: consiglio di sicurezza alimentare per le persone con AIDS. US Food and Drug Administration. http://www.fda.gov/ForConsumers/ByAudience/ForPatientAdvocates/HIVandAIDSActivities/ucm135844.htm. Accesso effettuato nel maggio 21, 2010.
Medicine naturali nella gestione clinica dell’infezione da HIV / AIDS. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. Accesso effettuato nel maggio 21, 2010.
I programmi HIV / AIDS: Trova HIV / AIDS cura. US Department of Health and Human Services. http://hab.hrsa.gov/findcare/index.htm. Accesso effettuato nel maggio 21, 2010.
Quarta generazione di test diagnostico dell’HIV approvato, permettendo una diagnosi precoce di infezione. Food and Drug Administration. http://www.fda.gov/ForConsumers/ByAudience/ForPatientAdvocates/HIVandAIDSActivities/ucm216409.htm. Consultato il 24 giugno 2010.
FDA approva il primo del suo genere, il test HIV in grado di rilevare HIV giorni prima rispetto agli attuali test degli Stati Uniti. Abbott Laboratories. http://www.abbott.com/global/url/pressRelease/en_US/60.5:5/Press_Release_0875.htm. Consultato il 24 giugno 2010.
Daar ES, et al. La presentazione clinica e la diagnosi primaria di HIV-1. Current Opinion in HIV e AIDS. 2008; 3:110.
Sax, PE. Primaria da HIV-1: patogenesi, epidemiologia e manifestazioni cliniche. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 17 Ottobre 2011.
Fasi di HIV. US Department of Health and Human Services. http://www.aids.gov/hiv-aids-basics/diagnosed-with-hiv-aids/hiv-in-your-body/stages-of-hiv/. Consultato il 19 Ottobre 2011.
Fauci A, et al. Virus dell’immunodeficienza umana della malattia: AIDS e disturbi correlati. In: DL Longo, et al. In linea Harrison. 18a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2012. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=4. Consultato il 19 Ottobre 2011.

 

Link sponsorizzati