Enfisema polmonare: segni sintomi e terapie


L’enfisema polmonare si verifica quando le sacche d’aria nei polmoni si distruggono gradualmente, ciò fa si che il fiato diminuisca. L’enfisema è una delle diverse patologie note collettivamente come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Il fumo è la principale causa di enfisema.

Link sponsorizzati

Le conseguenze dell’enfisema sempre abbastanza gravi, come la distruzione delle pareti degli alveoli polmonari,con creazione di grandi tasche irregolari e buchi. Questo riduce la superficie dei polmoni e, di conseguenza, la quantità di ossigeno che raggiunge il flusso sanguigno.

L’enfisema distrugge lentamente le fibre elastiche che tengono aperte piccole vie aeree che conducono agli alveoli. Il trattamento può rallentare la progressione dell’enfisema, ma non può invertire il danno.

Sintomi

Si può avere l’enfisema da molti anni senza notare alcun segno o sintomo. Il sintomo principale di enfisema è la mancanza di respiro, che di solito inizia gradualmente. Spesso il paziente inzia evitando le attività che lo fanno stare a corto di fiato, in modo che il sintomo non diventi un problema,tutto ciò fino a quando la malattia non peggiora, ed  inizia ad interferire con le attività quotidiane. Alla fine l’enfisema provoca la mancanza di respiro anche mentre si è a riposo.

Consultare il medico si hanno sintomi che possono far ricondurre ad un enfisema. Cercare immediatamente soccorso medico se:

  • Si è così a corto di fiato, che non si può parlare
  • Le labbra o le unghie diventano blu o grigie
  • Il battito cardiaco è molto veloce

La principale causa di enfisema è l’esposizione a lungo termine a sostanze irritanti nell’aria, tra cui:

  • Fumo di tabacco
  • Inquinamento atmosferico
  • Fumi
  • Carbone e polvere di silice
  • Raramente, l’enfisema è causato da una deficienza ereditaria di una proteina che protegge le strutture elastiche nei polmoni. Si chiama Alfa-1 antitripsina enfisema.

enfisema.jpg

Fattori di rischio

Fattori che aumentano il rischio di sviluppare l’enfisema sono:

  • Fumare . L’enfisema si sviluppa con maggiore probabilità nei fumatori di sigarette, ma i fumatori di sigari e pipa sono anche sensibili. Il rischio per tutti i tipi di fumatori aumenta con il numero di anni e la quantità di tabacco fumato.
  • Età. Anche se il danno ai polmoni  si sviluppa gradualmente, la maggior parte delle persone  enfisema cominciano a sperimentare i sintomi della malattia tra i 40 e i 60 anni.
  • L’esposizione al fumo passivo.
  • Esposizione professionale a fumi o polveri.
  • L’esposizione all’inquinamento indoor e outdoor.

Complicazioni

Persone che hanno l’enfisema sono a maggior rischio di sviluppare:

  • Polmone collassato (pneumotorace). Un polmone collassato può essere pericoloso per la vita nelle persone che hanno enfisema grave, perché la funzione dei polmoni è già così compromessa.
  • Problemi cardiaci. l’enfisema può aumentare la pressione nelle arterie che collegano il cuore ai polmoni. Ciò può causare una condizione chiamata cuore polmonare, in cui una sezione del cuore si dilata e si indebolisce.
  • Grandi fori nei polmoni (bolle giganti). Alcune persone con enfisema sviluppano spazi vuoti nei polmoni chiamati bolle. ).

Diagnosi

Per determinare se si dispone di enfisema, il medico può raccomandare una serie di test e prove di laboratorio.

Test radiografici

  • La radiografia del torace. Una radiografia del torace può aiutare a confermare una diagnosi di enfisema avanzato e ad escludere altre cause di mancanza di respiro, una radiografia da sola non basta per fare una diagnosi accurata.
  • Tomografia computerizzata (TAC).

Analisi

Del sangue preso da un’arteria  può essere testato per determinare quanto bene i polmoni effettuino gli scambi gassosi nel sangue.

Test di funzionalità polmonare

Questi test non invasivi misurano quanta aria i polmoni possono tenere e quanto bene l’aria entra ed esce dai polmoni.Uno dei test più comuni utilizza un semplice strumento chiamato spirometro.

ossigeno.jpg

Trattamenti

L’enfisema non può essere curato, ma i trattamenti possono contribuire ad alleviare i sintomi e a rallentare la progressione della malattia.

Farmaci

  • Farmaci per smettere di fumare. Prescrizione di farmaci, come ad esempio bupropione cloridrato (Zyban) e vareniclina (Chantix), possono aiutare a smettere di fumare.
  • Broncodilatatori. Questi farmaci possono contribuire ad alleviare la tosse, respiro corto e difficoltà respiratorie da costrizione delle vie aeree, sono altrettanto efficaci nel trattamento di enfisema come lo sono nel trattamento di asma o di bronchite cronica.
  • Steroidi per via inalatoria.
  • Antibiotici. Se si sviluppa un’infezione batterica, come la bronchite o polmonite acuta, gli antibiotici sono appropriati.

Terapia

  • Riabilitazione polmonare. Un programma di riabilitazione polmonare  può insegnare esercizi di respirazione che possono aiutare a ridurre l’affanno e a migliorare la  capacità di esercizio.
  • Ossigeno supplementare. Se si dispone di enfisema grave, con bassi livelli di ossigeno nel sangue, l’ossigeno usato regolarmente a casa può dare qualche sollievo. Molte persone usano l’ossigeno 24 ore al giorno. Di solito è somministrato mediante sonda stretta che si inserisce nelle narici.

Chirurgia

A seconda della gravità dell’ enfisema, il medico può suggerire uno o più tipi diversi di intervento chirurgico, tra cui:

  • Riduzione del volume polmonare. In questa procedura, i chirurghi rimuovono piccoli cunei di tessuto polmonare danneggiato. La rimozione del tessuto malato aiuta il tessuto polmonare a lavorare in modo più efficiente aiutando così a migliorare la respirazione.
  • Trapianto di polmone.

Referenze »

Che cosa è la BPCO? National Heart, Lung, and Blood Institute. http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/copd. Consultato il 18 novembre, 2013.
Mason RJ, et al. Murray e Textbook di Medicina Respiratoria di Nadel. 5 ° ed. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2010. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 18 novembre, 2013.
Goldman L, et al. Medicina Cecil di Goldman. ed il 24. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2012. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 18 novembre, 2013.
Rosenow CE (opinione di esperti) Mayo Clinic, Rochester, Minnesota. 25 novembre 2013.
Longo DL, et al. In linea di Harrison. 18 ° ed. New York, NY: The McGraw-Hill; 2012. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=4. Consultato il 18 novembre, 2013.
Weiss ST. La broncopneumopatia cronica ostruttiva: fattori di rischio e la riduzione dei rischi. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 18 novembre, 2013.
Rennard SI. broncopneumopatia cronica ostruttiva: Definizione, manifestazioni cliniche, diagnosi e stadiazione. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 18 novembre, 2013.
Ferguson GT, et al. Gestione della malattia polmonare ostruttiva cronica stabile. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 18 novembre, 2013.

Link sponsorizzati