Prolasso della valvola mitrale: vediamo di cosa si tratta


Il prolasso della valvola mitrale si verifica quando la valvola tra camera superiore sinistra del  cuore e  camera in basso a sinistra non si chiude correttamente (atrio e ventricolo sinistro). Il prolasso della valvola a volte porta a rientri di sangue nell’atrio sinistro (sangue refluo), una condizione chiamata rigurgito della valvola mitrale.

Link sponsorizzati

Nella maggior parte delle persone, il prolasso della valvola mitrale non è pericoloso per la vita e non richiede un trattamento . Alcune persone tuttavia, richiedono un trattamento.

Sintomi

Anche se il prolasso della valvola mitrale è un disordine permanente, molte persone con questa condizione non presentano alcun  sintomo. Al momento della diagnosi, le persone infatti sono spesso sorprese di apprendere che hanno una condizione anomala del cuore.

Quando i segni ei sintomi si verificano, è in genere perché si verifica il rigurgito mitrale. I sintomi può variare notevolmente da persona a persona. Essi tendono a essere lievi, si sviluppano gradualmente e possono includere:

  • Un battito cardiaco irregolare (aritmia)
  • Vertigini o capogiri
  • Difficoltà di respirazione o respiro affannoso, spesso quando distesi o durante l’attività fisica
  • Fatica
  • Dolore al petto che non è causato da un attacco di cuore o da malattia coronarica

Molte altre condizioni possono provocare gli stessi sintomi del prolasso della valvola mitrale, in modo che solo una visita accurata di uno specialista può realmente evidenziare il problema. Se si hanno dolori al petto cercare assistenza medica immediatamente.

Se è già stato diagnosticato un prolasso della valvola mitrale, consultare il medico se i sintomi peggiorano.

prolasso mitrale.gif

Cause
    
Quando il cuore funziona correttamente, la valvola mitrale si chiude completamente durante la contrazione del ventricolo sinistro e impedisce al sangue di fluire di nuovo nella camera in alto a sinistra del  cuore (atrio sinistro). Ma in alcune persone affette da prolasso della valvola mitralica, i lembi della valvola mitrale non si chiudono perfettamente.

La struttura della valvola se presenta anomalie può impedire una chiusura ermetica. Questo non  causa problemi se solo una piccola parte di sangue torna nell’atrio sinistro. Se invece il problema è più grave creando quindi un rigurgito imponente,può causare sintomi come respiro corto, stanchezza, vertigini o tosse.

Altri nomi per descrivere il prolasso della valvola mitrale sono:

  • Sindrome di Barlow
  • Sindrome della valvola mixomatosa

Fattori di rischio

Anche se il prolasso della valvola mitralica si può sviluppare in ogni persona a qualsiasi età, è riscontrato più spesso negli uomini di età superiore ai 50 anni.

Il prolasso della valvola mitralica si tramanda spesso nelle famiglie e può essere collegato ad altre condizioni, quali:

  • La sindrome di Marfan
  • Ehlers-Danlos
  • La malattia del rene policistico
  • Anomalia di Ebstein
  • Scoliosi

Complicazioni

Anche se la maggior parte delle persone con prolasso della valvola mitrale non hanno problemi, le complicazioni possono comunque esserci. Le complicazioni tendono a verificarsi negli adulti di mezza età o più anziani. Esse possono includere:

  • Rigurgito della valvola mitrale. La complicanza più comune è il rigurgito della valvola mitralica. Avere la pressione alta o  essere in sovrappeso aumenta il rischio di rigurgito della valvola mitrale. Se il rigurgito è grave, può essere necessario un intervento chirurgico per riparare o addirittura sostituire la valvola al fine di prevenire lo sviluppo di complicanze, come l’insufficienza cardiaca.
  • Problemi del ritmo cardiaco (aritmie). ritmi cardiaci irregolari possono verificarsi in persone con prolasso della valvola mitrale.
  • Infezione delle valvole cardiache (endocardite).

I medici in rari casi raccomandano ad alcune persone con prolasso della valvola mitrale di prendere antibiotici prima di alcune procedure odontoiatriche o mediche per prevenire l’endocardite.Tuttavia oggi questo sistema non è praticamente più in uso.

Diagnosi

I medici possono diagnosticare un prolasso della valvola mitrale a qualsiasi età. Il medico può facilmente  rilevare un prolasso della valvola mitralica attraverso l’ascolto del cuore con uno stetoscopio. Se si soffre di prolasso della valvola mitrale, il medico può sentire ticchettii, che sono comuni al prolasso della valvola mitrale. Il medico può anche sentire un soffio se si verifica il fenome del sangue refluo nell’altrio.

Altri test per la diagnosi prolasso della valvola mitrale sono:

  • Ecocardiogramma.
  • La radiografia del torace.
  • Elettrocardiogramma (ECG).
  • Stress test.
  • Cateterizzazione cardiaca. Nel corso di un cateterismo cardiaco, un lungo e sottile tubo di plastica flessibile (catetere) viene inserito nel  corpo. Un colorante viene iniettato nei vasi sanguigni del cuore. Il colorante è visibile dalla macchina a raggi X.

Se si soffre di prolasso ma senza sintomi, il medico presciverà solamente controlli periodici.

Trattamenti

La maggior parte delle persone affette da prolasso della valvola mitrale, non necessitano di trattamento. Tuttavia, se si hanno sintomi, il medico può consigliare farmaci o interventi chirurgici, a seconda della gravità della  condizione.

Farmaci

  • I beta-bloccanti. Questi farmaci aiutano a prevenire battiti cardiaci irregolari
  • Aspirina.

Chirurgia

Sebbene per la maggior parte delle persone con prolasso della valvola mitrale non è necessario l’intervento chirurgico, il medico può suggerire un trattamento chirurgico in caso di grave rigurgito della valvola mitrale con o senza sintomi.

Se il  medico suggerisce l’intervento chirurgico, ci sono due opzioni principali, la riparazione o la sostituzione della valvola mitrale. Sia la riparazione che la sostituzione della valvola richiedono un intervento chirurgico a cuore aperto. Entrambe le procedure richiedono molto tempo di recupero.

  • Riparazione della valvola. riparazione della valvola mitrale è un intervento chirurgico che preserva la tua valvola stessa. Per la maggior parte delle persone con prolasso della valvola mitralica, questo è il trattamento preferito chirurgico per correggere la sua condizione.
  • Sostituzione della valvola. La sostituzione della valvola viene fatta quando la riparazione  non è possibile.
  • Le valvole meccaniche possono durare a lungo. Tuttavia, se si dispone di una valvola meccanica, è necessario utilizzare un farmaco anticoagulante, come il warfarin (Coumadin), per il resto della  vita per prevenire la formazione di coaguli di sangue nella valvola.
  • Valvole biologiche. Questi tipi di valvole sono chiamate bioprotesi.Un vantaggio della valvola biologica  è che non c’è bisogno di utilizzare a lungo termine un farmaco anticoagulante.

Referenze

Valvulopatia cardiaca. National Heart, Lung, and Blood Institute. http://www.nhlbi.nih.gov/health/dci/Diseases/hvd/hvd_all.html. Accesso effettuato nel maggio 19, 2011.
Valvole cardiache. American Heart Association. http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4598. Accesso effettuato nel maggio 23, 2011.
Otto CM, et al. Cardiopatia valvolare. In: Bonow RO, et al. Cuore di Braunwald di malattie: A Textbook of Cardiovascular Medicine. 9a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2011. Accesso effettuato nel maggio 19, 2011.
Ferri FF. Stenosi mitralica. In: Ferri FF. Advisor Clinical Ferri 2011: Diagnosi e trattamento immediato. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2011. Accesso effettuato nel maggio 19, 2011.
Sorrentino MJ. Gestione medica e le indicazioni per l’intervento in stenosi mitralica. http://www.uptodate.com/home/index.html. Accesso effettuato nel maggio 23, 2011.
Sorrentino MJ. Il trattamento chirurgico della stenosi mitralica. http://www.uptodate.com/home/index.html. Accesso effettuato nel maggio 23, 2011.
Nishimura RA. ACC / AHA aggiornamento linee guida sulle malattie delle valvole cardiache: aggiornamento focalizzato su endocardite infettiva. Circulation. 2008; 118:887.
Schmitto JD, et al. Valvola di chirurgia mini-invasiva. Journal of the American College of Cardiology. 2010; 56:455.
Lehr EJ, et al. Robotic chirurgia cardiaca. Current Opinion in Anesthesiology. 2011; 24:77.

Link sponsorizzati