Bulimia nervosa: rimedi e sintomi di un problema grave


La bulimia nervosa è un grave,  disturbo alimentare. Le persone affette da bulimia , mangiano grandi quantità di cibo e poi cercano di sbarazzarsi delle calorie in eccesso in modo malsano. Per esempio, una persona con bulimia nervosa si può costringere a vomitare o a fare esercizio fisico eccessivo.

Link sponsorizzati

Se si soffre di bulimia nervosa, probabilmente si è molto preoccupati per il  peso e la forma del corpo, e si giudica molto severamente se stessi .

Poichè è un problema legato all’immagine di se e non solo al cibo la bulimia nervosa può essere difficile da superare. Ma efficacemente trattata la bulimia può migliorare, arrivando a sentirsi meglio con se stessi, e ad adottare sane abitudini alimentari.

Sintomi

I Sintomi di bulimia possono includere:

  • Sensazione che non si può controllare il comportamento alimentare
  • Mangiare fino al punto di fastidio o dolore
  • Mangiare cibi in modo esagerato
  • Costringersi  a vomitare dopo aver mangiato
  • Praticare esercizio fisico in modo eccessivo
  • Uso improprio di lassativi, diuretici o enteroclismi
  • Essere preoccupati per la  forma fisica e il peso
  • Avere una distorta immagine del corpo ed eccessivamente negativa
  • Andare in bagno dopo aver mangiato o durante i pasti( per rimettere)
  • Denti danneggiati o gengive erose
  • Gonfiore alle ghiandole salivari
  • Afte alla gola e alla bocca
  • Disidratazione
  • Battito cardiaco irregolare
  • Irregolarità del ciclo mestruale o la perdita delle mestruazioni (amenorrea)
  • Depressione
  • Ansia

bulimia.jpg

Quando si ha la bulimia, si può regolarmente vomitare  o fare esercizio fisico in modo ossessivo. A volte, tuttavia, le persone con bulimia sentono il bisogno di spurgarsi anche dopo aver mangiato solo un piccolo spuntino o un pasto normale .

Per esempio, quando si ha la bulimia, si può mangiare una torta intera, piuttosto che solo una fetta o due. E si può continuare a mangiare finché non si è dolorosamente pieni.

Le abbuffate si verificano spesso in privato. Una volta che l’episodio di “fame” finisce, comincia l’epurazione. Questo può significare vomitare, o fare ore e ore di esercizio fisico, o non mangiare per lunghi periodi di tempo . Poiché la maggior parte delle persone con bulimia sono di peso normale o leggermente in sovrappeso, può non essere immediatamente evidente agli altri che qualcosa non va.

La Bulimia può essere classificata in due modi:

  • Bulimia spurgante. Caratterizzata da un regolare vomito autoindotto o l’uso improprio di lassativi, diuretici o enteroclismi per compensare le abbuffate.
  • Bulimia subdola. Si possono utilizzare altri metodi per sbarazzarsi di calorie e prevenire l’aumento di peso, come il digiuno o l’esercizio fisico ossessivo

Tuttavia, questi comportamenti spesso si sovrappongono, e il tentativo di sbarazzarsi di calorie in eccesso viene solitamente indicato come spurgo, non importa quale sia il metodo.

In caso di sintomi bulimia, consultare un medico nel più breve tempo possibile. La Bulimia di solito non migliora da sola.

Consultare direttamente  un medico specializzato nella salute mentale. Se si e restii al farsi curare(cosa che capita spesso), tentare di trovare il coraggio di confidarsi con qualcuno, che si tratti di un amico o una persona cara, un operatore sanitario, insegnante, o qualcun altro di fiducia. Queste figure possono aiutare a muovere i primi passi verso il trattamento della bulimia .

Aiutare una persona cara con sintomi bulimici

Se si è in contatto con una persona cara che si pensa possa avere la bulimia, è consigliabile sempre intavolare una discussione chiara sui sospetti e le preoccupazioni. Molto spesso una persona affetta da bulimia cerca aiuto solo se spronata a farlo.

Segnali che la famiglia e gli amici possono notare sono:

  • Preoccupazione persistente per il peso o lamentarsi di essere grassi
  • Mangiare quantità anomale di cibo
  • Non voler mangiare in pubblico o di fronte agli altri
  • L’uso di integratori alimentari o prodotti a base di erbe per la perdita di peso
  • Eccessivo esercizio fisico
  • L’uso di lassativi o diuretici

Cause

Ci sono molti possibili fattori che potrebbero giocare un ruolo nello sviluppo dei disturbi alimentari, come i geni, certi comportamenti, disturbi psicologici, e le influenze della famiglia e della società:

  • Biologia. Ci possono essere dei geni che rendono alcune persone più vulnerabili allo sviluppo di disturbi alimentari.
  • Comportamento. Certi comportamenti, come la dieta o l’overtraining, possono contribuire allo sviluppo di bulimia. Per esempio, la dieta è un fattore primario nello scatenare problemi di questo tipo. Inoltre, la dieta aiuta a favorire rigide regole sul cibo, che una volta rotte può portare alla perdita di controllo e al mangiare troppo.
  • Salute emotiva. persone con disturbi alimentari possono avere problemi psicologici ed emotivi che contribuiscono al disturbo. Possono avere una bassa autostima, perfezionismo, comportamento impulsivo, difficoltà di gestione della rabbia, conflitti familiari e  relazioni difficili.
  • Società. Il moderno ambiente culturale occidentale spesso coltiva e rafforza il desiderio di magrezza. Il successo è spesso identificato con l’essere magri nella cultura popolare. La pressione di ciò che la gente vede nei media può alimentare questo desiderio di essere magri, in particolare tra le giovani donne.

Fattori di rischio

Certe situazioni ed eventi potrebbe aumentare il rischio di sviluppare un disturbo alimentare. Questi fattori di rischio possono includere:

  • Essere donne. Le donne hanno maggiori probabilità di avere la bulimia rispetto agli uomini
  • Età. La bulimia spesso inizia nella tarda adolescenza o all’inizio dell’età adulta. La bulimia è più comune in studenti universitari rispetto ai giovani adolescenti.
  • Storia di famiglia. Disturbi alimentari, come la bulimia, è più probabile che si verifichino in persone che hanno genitori o fratelli che hanno avuto un disturbo alimentare.
  • Dieta. Le persone che perdono peso sono spesso rinforzate dai commenti positivi dagli altri . Ciò può causare ad alcune persone l’instaurarsi di un meccanismo mentale, che porta alla bulimia.
  • Influenze della famiglia. Le persone che si sentono meno sicure nelle loro famiglie, i cui genitori e fratelli possono essere eccessivamente critici, o le cui famiglie prendono in giro  circa il loro aspetto sono a maggior rischio di bulimia e di altri disturbi alimentari.
  • Disturbi emotivi. Le persone affette da depressione, disturbi d’ansia e disturbi ossessivo-compulsivi hanno più probabilità di avere un disturbo alimentare.
  • Sport, lavoro e attività artistiche. atleti, attori e personaggi televisivi, ballerini e modelli sono a più alto rischio di disordini alimentari, come la bulimia. I disordini alimentari sono particolarmente diffusi tra ballerine, ginnasti, corridori e lottatori. Allenatori e genitori possono involontariamente contribuire a disturbi del comportamento alimentare, incoraggiando i giovani atleti a perdere peso.

Complicazioni

La bulimia può causare numerose gravi complicanze anche pericolosa per la vita. Le possibili complicanze della bulimia includono:

  • Problemi di cuore, come un battito cardiaco irregolare e scompenso cardiaco
  • Carie diffusa
  • Nelle femmine, assenza di ciclo
  • Problemi digestivi, e  dipendenza da lassativi per avere movimenti intestinali
  • Droga e abuso di alcol
  • Decesso

Diagnosi

Quando i medici sospettano un caso di bulimia, in genere eseguono:

  • Un esame fisico completo
  • Esame del sangue e delle urine
  • La valutazione psicologica, compresa una discussione sulle abitudini alimentari e l’atteggiamento verso il cibo

Inoltre, il medico può anche richiedere una radiografia per verificare la presenza di ossa rotte, polmonite o problemi cardiaci, e un elettrocardiogramma può essere fatto per cercare irregolarità cardiache.

I criteri diagnostici per la bulimia

Questi test aiutano i medici a determinare se si soddisfano i criteri per la bulimia, o se si può avere un altro disturbo alimentare, come anoressia o altro. Per essere diagnosticata la bulimia, è necessario soddisfare questi criteri enunciati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali .

Criteri del DSM per la bulimia sono:

  • Ripetuti episodi di abbuffate, tra cui mangiare una quantità abnorme di cibo e la sensazione che manchi il controllo verso il cibo
  • Ripetuti sforzi per contrastare le abbuffate, come vomito autoindotto, esercizio fisico eccessivo, digiuno, o abuso di lassativi, diuretici, enteroclismi o altri farmaci.
  • Questi comportamenti si verificano generalmente almeno due volte alla settimana per almeno tre mesi.
  • I  sentimenti di autostima sono eccessivamente influenzati dalla forma del corpo e peso.

Alcune persone possono non soddisfare tutti questi criteri, ma hanno comunque un disturbo alimentare. Non cercare di fare mai autodiagnosi, e cercare di ottenere quanto prima un aiuto professionale.

Trattamenti

Quando si soffre di bulimia, potrebbero essere necessari diversi tipi di trattamento, anche se la combinazione di  psicoterapia con farmaci antidepressivi può essere un ottimo trattamento. La cura è generalmente mediante un approccio di squadra che  comprende, la  famiglia, il medico di assistenza primaria , così come lo psichiatra ed esperti dietologi nel trattamento dei disturbi alimentari.

Ecco uno sguardo alle opzioni di trattamento e considerazioni:

Psicoterapia

La psicoterapia è un termine generico per un modo di trattare la bulimia parlando della  condizione e delle questioni connesse con un fornitore di salute mentale. La psicoterapia è conosciuta anche come terapia, terapia della parola, consulenza o terapia psicosociale.

Un tipo di terapia della parola detta terapia cognitivo-comportamentale può aiutare le persone affette da bulimia. Questo tipo di terapia si basa sull’idea che i  pensieri, non altre persone o situazioni – determinino come ci si comporta. La terapia cognitivo-comportamentale aiuta a identificare il malsano, le convinzioni e i comportamenti negativi ed a sostituirli con quelli positivi.

Su base familiare la terapia può anche essere un trattamento efficace per i bambini e gli adolescenti con disturbi alimentari.

Farmaci

I farmaci antidepressivi possono aiutare a ridurre i sintomi di bulimia. L’unico  specifico antidepressivo approvato  per il trattamento di bulimia è la fluoxetina , un tipo di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI).

Ripresa del peso e dell’educazione alimentare

Se si è sottopeso a causa della bulimia, il primo obiettivo del trattamento sarà quello di iniziare a riavere un peso normale. Non importa quale sia il  peso, dietisti e altri operatori sanitari sono in grado di dare informazioni su una dieta sana e contribuire a progettare un piano alimentare che possa aiutare a raggiungere un peso sano e normale .

Ricovero

La bulimia spesso viene  trattata al di fuori dell’ospedale. Ma se si soffre di una grave forma di bulimia, potrebbe essere necessario un trattamento in un ospedale. Quando necessario, il ricovero può essere in un reparto medico o psichiatrico. C

Sfide nel trattamento della bulimia

Come gli altri disturbi del comportamento alimentare, la bulimia può essere spesso difficile da superare o gestire. Sebbene la maggior parte delle persone affette da bulimia spesso guariscano, alcune trovano che i sintomi bulimici non vadano via del tutto. I periodi di abbuffate possono andare e venire nel corso degli anni, a seconda delle circostanze della vita. In tempi di forte stress, per esempio, si può tornare alla familiarità, con il malsano comportamento alimentare. Imparare modi positivi per far fronte alle difficoltà della vita, e la creazione di relazioni sane con  gestione dello stress può aiutare a prevenire una ricaduta.

Referenze

Disturbi del comportamento alimentare. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 17 gennaio, 2012.
Longo DL, et al. In linea Harrison. 18a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2012. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=4 .. Consultato il 17 gennaio, 2012.
Forman SF. Disturbi alimentari: caratteristiche Epidemiologia, patogenesi e clinica. http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 26 gennaio 2012.
Ebert MH, et al. Diagnosi e trattamento attuale: Psichiatria. 2nd ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2008. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=10. Consultato il 17 gennaio, 2012.
Forman SF. Disturbi alimentari: Trattamento e risultati. http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 26 Gennaio 2012.
Breuner CC. Complementare, olistica e medicina integrativa: Disturbi del comportamento alimentare. Pediatrics in Review. 2010; 31: C75.
Carei TR, et al. Studio clinico controllato randomizzato di yoga nel trattamento dei disturbi alimentari. Journal of Adolescent Health. 2010; 46:346.
Binge eating disorder. Istituto Nazionale del Diabete e Malattie Digestive and Kidney. http://win.niddk.nih.gov/publications/binge.htm. Consultato il 31 gennaio 2012.
LeGrange D, et al. Calcolo del peso corporeo atteso negli adolescenti con disturbi alimentari. Pediatrics. 2012; 129:1.
Sim LA, et al. Identificazione e trattamento dei disturbi alimentari nel setting delle cure primarie. Mayo Clinic Proceedings. 2010; 85:746.
Psicoterapia interpersonale per gli adolescenti depressi (IPT-A). Registro Nazionale della Evidence-based Programs and Practices (NREPP) abuso di sostanze e Servizi di Salute Mentale (SAMHS). http://nrepp.samhsa.gov/ViewIntervention.aspx?id=198. Consultato il 26 Gennaio 2012.
Loeb KL, et al. Transdiagnostico teoria e l’applicazione della famiglia basata su un trattamento per i giovani con disturbi alimentari. Pratica cognitivo e comportamentale. 2012; 01:17

Link sponsorizzati