Escherichia Coli: vediamo di cosa si tratta


L’Escherichia coli , è un batterio che vive nell’intestino di persone e animali. La maggior parte delle varietà di E. coli sono innocue o causano episodi di  diarrea relativamente brevi, come avviene quando si viaggia verso i paesi in via di sviluppo.

Link sponsorizzati

Ma pochi ceppi particolarmente patogeni, come E. coli O157: H7, possono provocare gravi problemi di salute, diarrea sanguinosa e crampi addominali, seguiti da un danno grave per sistemi e organi, come l’insufficienza renale. Si può essere esposti a E. coli bevendo acqua contaminata o cibi, in particolare verdure crude e carne di manzo macinata poco cotta.

Gli adulti sani di solito guariscono dalle infezioni da E. coli O157: H7 entro una settimana, ma i bambini e gli adulti più anziani possono sviluppare una forma pericolosa , che mette a rischio di insufficienza renale, chiamata sindrome emolitica uremica .

batterio.jpg

Sintomi

Segni e sintomi delle infezioni iniziano tipicamente tre o quattro giorni dopo l’esposizione ai batteri, anche se a volte compaiono dopo un giorno. Segni e sintomi includono:

  • Diarrea, che può variare da lieve a grave, acquosa e sanguinosa
  • Crampi addominali, dolore
  • Nausea e vomito,

Rivolgersi al proprio medico se:

  • Vi ammalate dopo aver mangiato  prodotti freschi o carne di manzo
  • La  diarrea è persistente o grave
  • La  diarrea è sanguinante

Cause

Esistono molti ceppi di E.coli, ma non tutti sono pericolosi.

Si può sviluppare una infezione da E. coli quando accidentalmente si ingerisce il batterio. Potenziali fonti di esposizione sono  cibo e acqua contaminati , ed il passaggio tra persone.

Alimenti contaminati

  • carne macinata. Quando bovini vengono macellati , i batteri E. coli nei loro intestini può trasferirsi sulla carne.
  • latte non pastorizzato.
  • Prodotti freschi. Allevamenti bovini possono contaminare i campi dove sono cresciuti prodotti freschi. Verdure come spinaci e lattuga sono particolarmente vulnerabili a questo tipo di contaminazione.

Acqua contaminata

Feci umane e animali possono inquinare le acque sotterranee e di superficie, compresi i flussi, fiumi, laghi e l’acqua usata per irrigare le colture. Bere o inavvertitamente ingerire acqua non trattata da laghi e corsi d’acqua può causare infezione E. coli.

Sebbene nei sistemi di acque pubbliche l’uso del cloro, ozono o raggi ultravioletti eliminino l’E. coli, alcuni focolai sono stati collegati alle riserve idriche comunali.

Il contatto personale

I batteri possono viaggiare facilmente da persona a persona, soprattutto quando gli adulti e i bambini non si lavano le mani correttamente. I familiari dei bambini con infezione da E. coli sono particolarmente a rischio.

Fattori di rischio

L’E. coli può colpire chiunque sia esposto ai batteri. Ma alcune persone hanno maggiori probabilità di sviluppare problemi rispetto ad altri. fattori di rischio includono:

  • Età. bambini piccoli e gli anziani sono a maggior rischio
  • Un sistema immunitario indebolito.

Complicazioni

La maggior parte degli adulti sani recupera dalla malattia da E. coli entro una settimana. Ma alcune persone ,in particolare bambini e anziani possono sviluppare una forma di insufficienza renale chiamata sindrome emolitica uremica (SEU). Recentemente la polemica sulle infezione dei cetrioli, ha portato alla luce un ceppo di E.coli estremamente pericoloso per tutti, e questo accade perchè ci troviamo di fronte ad un ceppo di E.coli nuovo.

Diagnosi

Per diagnosticare la malattia causata da una infezione di E. coli, il medico invierà un campione di feci ad un laboratorio per verificare la presenza del batterio . I batteri possono essere coltivati per confermare la diagnosi e individuare le tossine specifiche, come quelle prodotte da E. coli O157: H7.

Trattamenti

Per le malattie causate da E. coli O157: H7, non ci sono trattamenti in grado di curare l’infezione, alleviare i sintomi o prevenire le complicanze. Per la maggior parte delle persone, l’opzione migliore è quella di riposare e bere molti liquidi per evitare la disidratazione e l’affaticamento. Evitare l’assunzione di un farmaco anti-diarrea, in quanto esso rallenta il sistema digerente, evitando che il copro si liberi delle tossine.

Referenze »

E. coli (Escherichia coli). Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. http://www.cdc.gov/ecoli/general/index.html. Consultato il 10 giugno, 2014.
Longo DL, et al. In linea di Harrison. 18 ° ed. New York, NY: The McGraw-Hill; 2012. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=4. Consultato il 10 giugno, 2014.
Calderwood SB. Microbiologia, patogenesi, epidemiologia e prevenzione di Escherichia coli enteroemorragica (EHEC). http://www.uptodate.com/home/. Consultato il 10 giugno, 2014.
Ryan KJ et al., Eds. Sherris Medical Microbiology. 5 ° ed. New York, NY: The McGraw-Hill; 2010. http://accessmedicine.mhmedical.com/content.aspx?bookid=375&Sectionid=40299161. Consultato il 10 giugno, 2014.
informazioni di base su E. coli O157: H7 in acqua potabile. Agenzia per la protezione ambientale. http://water.epa.gov/drink/contaminants/basicinformation/ecoli.cfm. Consultato June10 2014.
Bain R, et al. Valutazione globale di esposizione a contaminazione fecale attraverso l’acqua potabile sulla base di una revisione sistematica. Medicina Tropicale e Salute Internazionale. In stampa. Consultato il 10 giugno, 2014.
Calderwood SB. Le manifestazioni cliniche, diagnosi e trattamento di Escherichia coli enteroemorragica (EHEC). http://www.uptodate.com/home. Consultato il 10 giugno, 2014.
Che cosa ho bisogno di conoscere sulla diarrea. National Institute of Diabetes e Digestiva e Malattie renali. http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/diarrhea_ez/index.aspx. Consultato il 10 giugno, 2014.

Link sponsorizzati