Onicomicosi: cause, sintomi e cure


Quando parliamo di onicomicosi, parliamo di una infezione fungina delle unghie.

Link sponsorizzati

Un’infezione funginea delle unghie si verifica quando i funghi infettano una o più  unghie. Una infezione fungina  può iniziare come una macchia bianca o gialla sotto la punta delle unghie di mani o piedi. Poiché il fungo  si diffonde  in profondità , potrebbe causare all’unghia un cambiamento di colore e dolore.

Un’infezione  fungina  può essere difficile da trattare, e le infezioni possono recidivare. Ma i farmaci disponibili sono comunque molto efficaci

onicomicosi.jpg

Sintomi

Si può avere una onicomicosi se una o più delle  unghie sono:

  • Ispessite
  • Fragili, friabili o giallastre
  • Deformate
  • Spesse e opache

Una volta che una onicomicosi comincia, può persistere a tempo indeterminato se non trattata.

Cause

I funghi sono organismi microscopici che non hanno bisogno di luce solare per sopravvivere. Alcuni funghi sono  benefici, mentre altri causano malattie e infezioni.

Le infezioni fungine delle unghie sono in genere causate da un fungo che appartiene ad un gruppo  chiamato dermatofiti. Ma, lieviti e muffe possono anche essere responsabili di infezioni alle unghie.

Tutti questi organismi microscopici vivono in ambienti caldi e umidi, tra piscine e docce. Essi possono invadere la  pelle con piccoli tagli invisibili o attraverso una piccola separazione tra l’unghia e letto . Causano problemi solo se le  unghie sono continuamente esposte al calore e all’umidità , ovvero le condizioni ideali per la crescita e la proliferazione dei funghi.

Queste infezioni sono più frequenti nei piedi

Fattori di rischio

E’ più comune tra gli adulti più anziani per diverse ragioni, tra cui la circolazione del sangue diminuita e più anni di esposizione . Inoltre, le unghie possono crescere più lentamente

e addensare con l’età, il che le rende più suscettibili alle infezioni. I funghi delle unghie  tendeno a colpire gli uomini più spesso rispetto alle  donne.

Altri fattori che possono aumentare il rischio  sono:

  • Iperidrosi
  • Lavorare in un ambiente umido o bagnato
  • Avere la psoriasi cutanea
  • Indossare calzini e scarpe che ostacolano la ventilazione e non assorbono il sudore
  • Camminare a piedi nudi in luoghi pubblici, come piscine, palestre e bagni con doccia
  • Avendo il piede d’atleta
  • Avere  lesioni alle unghie
  • Avere il diabete, problemi di circolazione o di un sistema immunitario indebolito

Complicazioni

Le infezioni fungine delle unghie possono essere dolorose e  causare danni permanenti alle unghie. Esse possono anche portare ad altre gravi infezioni che possono diffondersi al di là dei piedi se si ha un sistema immunitario compromesso, diabete o altre condizioni.

Le infezioni fungine delle unghie presentano il rischio sanitario più grave per le persone con diabete e per quelli con sistema immunitario indebolito, come le persone con leucemia, AIDS o quelli che hanno avuto un trapianto d’organo. Se si ha il diabete, la circolazione sanguigna e la fornitura dei nervi ai  piedi può diventare compromessa. Si è anche a rischio maggiore di cellulite, una infezione batterica della pelle potenzialmente grave. Pertanto, qualsiasi pregiudizio relativamente minore, per i piedi , tra cui una infezione fungina delle unghie , può portare ad una complicazione più grave, che richiede tempestive cure mediche. Consultare il medico immediatamente se si sospetta di avere una infezione di questo tipo.

Diagnosi

Il medico può esaminare le unghie con un semplice esame fisico. Per eseguire il test per i miceti etc, il medico può raschiare alcuni frammenti da sotto l’unghia per l’analisi. I frammenti possono essere esaminati al microscopio o coltivati in laboratorio per identificare cosa sta causando l’infezione. Altre condizioni, come la psoriasi, possono simulare una infezione fungina .

Trattamenti

Medicine per uso orale

Il medico può prescrivere un farmaco per via orale un antimicotico. Gli studi hanno dimostrato i trattamenti più efficaci da terbinafina  e itraconazolo .

Il medico può consigliare farmaci per via orale se:

  • Si ha il diabete o altri fattori di rischio per la cellulite
  • Se il dolore o fastidio sono elevati
  • L’infezione è sgradevole e compromette la qualità della vita

In genere, e questi farmaci vanno presi per sei o 12 settimane, ma non sarà possibile vedere il risultato finale del trattamento fino a quando l’unghia non ricrescà completamente.

  • Le infezioni ricorrenti sono possibili, soprattutto se si continua a esporre le unghie a caldo e umido.
  • farmaci antifungini possono causare effetti collaterali che vanno da eruzioni cutanee a danni al fegato.

Altre opzioni di trattamento

Il medico può anche suggerire anche questi trattamenti alternativi:

  • lacca antifungina. il medico può prescrivere uno smalto antimicotico chiamato Ciclopirox (Penlac).
  • farmaci topici. Il medico può anche optare per altri antimicotici, tipo creme.
  • Chirurgia. Se l’infezione del chiodo è grave o estremamente dolorosa, il medico può suggerire di rimuovere l’unghia.

Referenze

Onicomicosi. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merck.com/mmpe/sec10/ch125/ch125c.html?qt=nail% 20fungus & alt = sh. Consultato il 5 maggio 2011.
AO Goldstein, et al. Onicomicosi. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 21 aprile 2011.
Nail problemi. American Medical Association Podiatric. Consultato il 5 maggio 2011.
Kelechi TJ, et al. Quattro Vs per la cura del piede. Vaselina, grasso vegetale, aceto e Vicks Vaporub. Anticipo per infermieri. 2004; 12:67.
Derby R, et al. Nuovo trattamento delle onicomicosi con over-the-counter unguento mentolato: serie di casi clinici. Journal of the American Board of Family Medicine. 2011; 24:69.
Habif TP. Nail malattie. In: Habif TP. Clinica Dermatologia: una guida di colore di Diagnosi e Terapia. 5th ed. Edimburgo, Regno Unito, New York, NY: Mosby Elsevier, 2010. http://www.mdconsult.com/books/about.do? su = true & eid = 4-u1.0-B978-0-7234-3541-9 .. X0001-6 – TOP & isbn = & 978-0-7234-3541-9 uniqid = 230100505-57. Consultato il 21 aprile 2011.
Hay RJ, et al. Onicomicosi: una proposta di revisione della classificazione clinica. Journal of American Academy of Dermatology. 2011. In corso di stampa. Consultato il 5 maggio 2011.

Link sponsorizzati