Linfonodi ingrossati: cause e terapie


I linfonodi, chiamati anche ghiandole linfatiche, svolgono un ruolo vitale nella capacità del corpo di combattere virus, batteri e altre cause di malattie. Le aree comuni dove si può notare gonfiore dei linfonodi includono: il collo, sotto il mento, nella  ascelle o inguine.

Link sponsorizzati

Durante un ingrossamento dei linfonodi questi possono infiammarsi. Questo fenomeno è noto come linfadenite . Il trattamento per la linfadenite dipende dalla causa.

Sintomi

Il  sistema linfatico comprende una rete di organi, vasi e linfonodi situati numerosi in tutto il corpo. La maggior parte dei linfonodi si trova nella tua testa e nel collo. I linfonodi che si gonfiano spesso sono in questo settore, così come nella  zona compresa tra ascelle e inguine.

I linfonodi ingrossati sono un segno che qualcosa non va da qualche  parte nel  corpo. Quando il  primo linfonodo si gonfia, si può notare:

Linfonodi dolorosi

ingrossamento dei linfonodi che possono assumere le dimensioni di un fagiolo pisello o anche di più

linfonodo.jpg

A seconda della causa del gonfiore dei linfonodi, altri segni e sintomi sono:

  • Naso che cola, mal di gola, febbre e altri sintomi di una infezione delle vie respiratorie superiori
  • Generale gonfiore dei linfonodi in tutto il corpo – che possono indicare una infezione, come l’HIV o mononucleosi, o un disordine immunitario, come il lupus o l’artrite reumatoide
  • Gonfiore degli arti, indicando possibilmente un sistema linfatico in blocco
  • Nodi in rapida crescita, che indicano un possibile tumore
  • Febbre
  • Sudorazione notturna

Alcuni linfonodi gonfi tornano alla normalità quando la condizione di base, come ad esempio una infezione lieve, si risolve. Tuttavia, consultare il medico se i linfonodi:

  • Sono apparsi senza motivo apparente
  • Continuano a ingrandirsi o sono stati presenti per più di due settimane
  • Hanno consistenza solida
  • Sono accompagnati da febbre persistente, sudorazione notturna o perdita di peso inspiegabile
  • Sono accompagnati da un mal di gola o difficoltà di deglutizione o respirazione

Cause

La causa più comune di ingrossamento dei linfonodi è un’infezione, in particolare una infezione virale, come il comune raffreddore. Tuttavia, vi sono altri tipi di infezioni, comprese quelle parassitarie e batteriche. Altre possibili cause di gonfiore dei linfonodi includono:

infezioni comuni

  • Streptococco della gola
  • Morbillo
  • Infezioni dell’orecchio
  • Ascessi dei denti
  • Mononucleosi
  • infezioni della pelle
  • Virus dell’immunodeficienza umana (HIV)

Infezioni meno comuni

  • Tubercolosi
  • Alcune malattie come la sifilide
  • Toxoplasmosi – una infezione parassitaria causata dal contatto con le feci di un gatto infetto o mangiando carne poco cotta
  • Febbre da graffio di gatto – una infezione batterica trasmessa da un graffio di gatto infetto

Disturbi del sistema immunitario

  • Lupus
  • L’artrite reumatoide

Tumori

  • Linfoma – tumore che origina nel sistema linfatico
  • Leucemia – il cancro dei tessuti che formano il sangue del corpo
  • Altri tumori che si sono diffusi (metastasi) ai linfonodi
  • Altre cause possibili, ma rare sono alcuni farmaci, come la fenitoina farmaci anti-epilettici, e farmaci preventivi per la malaria.

Complicazioni

Se l’infezione è la causa del gonfiore dei linfonodi e non viene trattata, queste complicazioni potrebbero verificarsi:

  • Ascesso . Un ascesso è una raccolta localizzata di pus causata da un’infezione. Un ascesso può richiedere il drenaggio e il trattamento antibiotico. Un ascesso può causare danni rilevanti, se si tratta di un organo vitale.
  • Batteriemia. Un’infezione batterica in qualsiasi punto del corpo può progredire fino alla sepsi, causata da un’infezione schiacciante del flusso sanguigno. La sepsi può portare a insufficienza dell’organo e al decesso. Il trattamento prevede l’ospedalizzazione e antibiotici per via endovenosa.

Diagnosi

Per diagnosticare le possibili cause  il medico può avere bisogno di:

  • Anamnesi- il medico vorrà sapere quando e come il  gonfiore dei linfonodi si sviluppato e se sono presenti altri segni o sintomi.
  • Un esame fisico. Il medico controllerài linfonodi
  • Gli esami del sangue. A seconda di ciò che il medico sospetta richiederà un tipo di esame specifico.
  • Studi di imaging. Una radiografia del torace o la tomografia computerizzata (TC) della zona interessata può aiutare a determinare le potenziali fonti di infezione o a trovare tumori.
  • Biopsia. Può essere utile rimuovere un campione da un linfonodo o addirittura un intero linfonodo per l’esame al microscopio.
  • Il metodo della biopsia può essere realizzato con agoaspirato , che il medico può svolgere nel corso di una visita ambulatoriale.

In alcuni casi, potrebbe essere necessario effettuare una biopsia escissionale. Questo tipo di biopsia , chiamata anche  biopsia chirurgica  rimuove una parte o la totalità di un linfonodo attraverso un’incisione. Un chirurgo esegue questa procedura durante l’utilizzo di anestesia locale o generale.

Trattamenti

Se l’ingrossamento dei linfonodi è causato da un virus può tornare alla normalità dopo che l’infezione virale si risolve. Gli antibiotici non sono utili per trattare le infezioni virali. Il trattamento per l’ingrossamento dei linfonodi dipende dalla causa:

  • Infezione. Il trattamento più comune per l’ingrossamento dei linfonodi causato da un’infezione batterica è dato da antibiotici.
  • Se il gonfiore dei linfonodi è dovuto a un’infezione da HIV, servirà un trattamento apposito per tale condizione.
  • Disordine immunitario. Se il gonfiore delle ghiandole linfatiche è il risultato di condizioni come il lupus o l’artrite reumatoide, il trattamento è diretto alla condizione di base.
  • Cancro. Un gonfiore delle ghiandole causatO daL cancro necessita di trattamento per il cancro. A seconda del tipo di tumore, il trattamento può comportare un intervento chirurgico, radioterapia o chemioterapia

Referenze »

Armitage JO. Approccio al paziente con linfoadenopatia e splenomegalia. In: Goldman L, et al. Cecil Medicine. 23a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2008. http://www.mdconsult.com/das/book/body/224582198-6/0/1492/0.html. 29 ottobre 2010.
Fletcher RH. Valutazione della linfoadenopatia periferica negli adulti. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 6 dicembre, 2010.
Henry PH, et al. L’allargamento dei linfonodi e della milza. In: Fauci AS, et al. Harrison Principi di Medicina Interna. 17a ed. New York, NY: McGraw Hill Medical; 2008. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=2875326. Consultato il 6 dicembre, 2010.
Linfoadenite. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merckmanuals.com/professional/sec10/ch119/ch119j.html~~V # sec10-ch119-ch119j-691. Consultato il 5 dicembre 2010.
Mohler ER, et al. Linfedema: eziologia, manifestazioni cliniche e diagnosi. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 6 dicembre, 2010.
Rosenberg TL, et al. Valutazione del paziente adulto con una massa del collo. Cliniche mediche del Nord America. 2010; 94:1017.

 

Link sponsorizzati