Gastroenterite virale: sintomi e cure


La gastroenterite virale è un’infezione intestinale caratterizzata da diarrea acquosa, crampi addominali, nausea o vomito, e talvolta febbre.

Link sponsorizzati

Il modo più comune per sviluppare una gastroenterite virale , è attraverso il contatto con una persona infetta o ingestione di cibi e acqua contaminati. Se si è in buona salute, è probabile che la guarigione avvenga senza complicazioni. Ma per i neonati, anziani e persone con sistema immunitario compromesso, la gastroenterite virale può essere fatale.

Non esiste alcun trattamento efficace per la gastroenterite virale, per cui la prevenzione è fondamentale. Oltre a evitare che il cibo e l’acqua possano essere contaminati, lavarsi le mani in modo accurato rimane la scelta migliore

Sintomi

Anche se è comunemente chiamata influenza dello stomaco, la gastroenterite non è l’influenza. La vera  influenza colpisce il sistema respiratorio, la gastroenterite attacca l’intestino, causando segni e sintomi quali:

  • Crampi addominali
  • Nausea, vomito (spesso entrambi)
  • Dolori muscolari
  • Mal di testa

gastroenterite.jpg

Sulla base di cosa la causa, i sintomi di gastroenterite virale possono apparire entro 1-3 giorni dopo che si è stati infettati e possono variare da lievi a gravi. Mediamente i sintomi di solito durano uno o due giorni, ma occasionalmente possono persistere fino a 10 giorni.

Tuttavia, a causa dei sintomi molto simili, capita di confondere la diarrea virale con la diarrea causata dai batteri. Nei casi di diarrea causata dai batteri il responsabile non è un virus, ma il batterio della salmonella, l’Escherichia coli o un parassita.

Un adulto, deve vedere il medico se:

  • Non è in grado di mantenere i liquidi nel corpo
  • Ha vomito per piùà di due giorni
  • Ha vomito ematico
  • Mostra segni di disidratazione
  • Nota sangue nelle feci
  • Ha la febbre sopra 40 C

Consultare il medico  se il bambino ha:

  • Una febbre di 38,9 C o superiore
  • Sembra letargico o molto irritabile
  • Ha sangue nelle feci
  • Sembra disidratato

Cercare immediatamente un medico se:

  • Ha vomito che dura più di alcune ore
  • Non ha avuto un pannolino bagnato in sei ore
  • Ha sangue nelle feci o diarrea grave
  • Ha la bocca secca o piange senza lacrime
  • Non risponde

Cause

È molto probabile  contrarre la gastroenterite virale quando si mangiano o bevono cibi o acqua contaminati, e se si usano utensili , asciugamani o cibo di qualcu no che è infetto.

Alcuni crostacei, ostriche soprattutto crude o poco cotte, possono provocare malattie. l’acqua potabile contaminata può causare  diarrea virale. Ma in molti casi, il virus è passato attraverso la via oro-fecale , questo singifica che qualcuno non si è lavato le mani dopo aver usato il bagno

Un certo numero di virus possono essere causa di gastroenterite, tra cui:

  • Rotavirus .Questa è la causa più comune di diarrea infettiva nei neonati e nei bambini in tutto il mondo , è anche una delle principali cause di decesso tra i bambini.
  • Norovirus. Ci sono molti diversi ceppi di norovirus, tra cui virus di Norwalk, che causano sintomi simili . Oltre alla diarrea, nausea e vomito, si possono verificare dolori muscolari, mal di testa, affaticamento e febbre di grado basso.

Bambini e adulti sono colpiti da norovirus. Una infezione da norovirus può spaziare attraverso le famiglie e le comunità.

Fattori di rischio

La gastroenterite si verifica in tutto il mondo, coinvolgendo persone di ogni età, razza e ceto sociale. Nei paesi in via di sviluppo, è una delle principali cause di decesso nei bambini.

I bambini nei centri di assistenza  e gli anziani che vivono in case di riposo sono particolarmente vulnerabili.

Ogni virus gastrointestinale ha una stagione ove è più attivo, e in molti casi spazia da ottobre ad aprile.

Complicazioni

Disidratazione. Questa,è la complicanza più comune della gastroenterite grave.

Nei casi più gravi, la disidratazione può essere fatale. Si consiglia a tal proposito di leggere questo articolo

Diagnosi

Il medico potrebbe diagnosticare la gastroenterite sulla base dei sintomi, e con un esame fisico . Il medico può  anche richiedere un campione di feci per farlo analizzare, ed escludere una possibile infezione batterica o parassitaria.

Trattamenti

Spesso non esiste un trattamento medico specifico per la gastroenterite virale. E’ bene ricordare, che gli antibiotici non hanno alcun effetto contro i virus, e un uso eccessivo di essi può sviluppare  batteri resistenti agli  antibiotici. Il trattamento consiste nelle misure cautelative ed autoconservative.

Per aiutare guarire e prevenire la disidratazione, seguire quanto segue:

  • Lasciare che lo stomaco si ristabilisca. smettere di mangiare e bere per qualche ora. Mediamente 2 o3 ore, ma potrebbe servire più tempo.
  • Prova a succhiare cubetti di ghiaccio o bere piccoli sorsi di acqua.
  • Mangiare poco e gradualmente.
  • Evitare certi cibi e sostanze. Caffeina, alcool, nicotina e grassi o cibi particolarmente stagionati.
  • Riposo. La disidratazione dovuta alla gastroenterite può portare molta stanchezza e debolezza
  • Non abusare dei farmaci. Purtroppo le persone spesso abusano dei farmaci, o si autoprescrivono antibiotici peggiorando la situazione.

Quando il bambino ha un’infezione intestinale, l’obiettivo più importante è quello di sostituire i liquidi persi e i sali. Questi suggerimenti possono aiutare:

  • Dare al  bambino una soluzione di reidratazione orale . Non usare acqua nei bambini con gastroenterite, l’acqua non viene assorbita bene e non  sostituisce i liquidi
  • Tornare ad una dieta normale lentamente.
  • Alcuni alimenti da evitare. Non dare  prodotti caseari e alimenti zuccherati, quali gelati, bibite e caramelle.
  • Assicurarsi che il  bambino  riposi.
  • Non dare l’aspirina a bambini o adolescenti. Questo perchè l’aspirina può causare in alcuni soggetti, una malattia spesso fatale chiamata sindrome di Reye.

Referenze »

Parashar UD, et al. Gastroenterite virale. In: Fauci AS, et al. In linea di Harrison. 17a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2008. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aid=2895854. Consultato il 18 maggio 2011.
Gastroenterite virale. Centri per il Controllo e la Prevenzione. http://www.cdc.gov/ncidod/dvrd/revb/gastro/faq.htm. Consultato il 18 maggio 2011.
Bresee gastroenterite virale J.. In: Long SS, et al. Principles and Practice of Pediatric Infectious Diseases. 3rd ed. New York, NY: Elsevier Churchill Livingstone, 2008. Consultato il 18 maggio 2011.
Gastroenterite virale. Istituto Nazionale del Diabete e Malattie Digestive e Renali. http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/viralgastroenteritis/index.htm. Consultato il 18 maggio 2011.
Rotavirus: informazioni La malattia clinica. Centri per il Controllo e la Prevenzione. http://www.cdc.gov/rotavirus/about_rotavirus.htm. Consultato il 18 maggio 2011.
Norovirus: Q & A. Centri per il Controllo e la Prevenzione. http://www.cdc.gov/ncidod/dvrd/revb/gastro/norovirus-qa.htm. Consultato il 15 Aprile 2009.
Centri per il Controllo delle Malattie e la Prevenzione, et al. Aggiornato focolaio gestione norovirus e le linee guida di prevenzione delle malattie. MMWR. 2011; 60:1. http://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/rr6003a1.htm?s_cid=rr6003a1_e. Consultato il 18 maggio 2011.
Kapikian AZ. Rotavirus, norovirus e altri virus gastrointestinali. In: Goldman L, et al. Cecil Medicina. 23a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2008. Consultato il 18 maggio 2011.
Vomito. Nemours Foundation. http://kidshealth.org/parent/firstaid_safe/emergencies/vomit.html. Consultato il 18 maggio 2011.

 

Link sponsorizzati