Osteoporosi: prevenzione e terapie


Osteoporosi,  significa letteralmente ossa porose. Questo termine rende abbastanza l’idea di come le ossa diventino deboli e fragili , tante che una caduta  anche lieve, possa provocare una frattura. In molti casi, le ossa si indeboliscono quando hanno bassi livelli di calcio e altri minerali.

Link sponsorizzati

Un risultato comune dell’osteoporosi sono le fratture , la maggior parte di esse si verificano nella colonna vertebrale, o al polso. Anche se è spesso considerata come la malattia delle donne, l’osteoporosi colpisce anche gli uomini.

Non è mai troppo tardi o troppo presto per fare qualcosa nella prevenzione dell’osteoporosi. È possibile prendere provvedimenti per mantenere le ossa forti e sane per tutta la vita.

Nelle prime fasi di perdita di tessuto osseo, di solito non si avverte alcun dolore o altri sintomi. Ma una volta che le ossa sono indebolite dall’osteoporosi, si possono avere segni e sintomi che includono:

  • Il mal di schiena, che può essere grave, come conseguenza di una vertebra fratturata o compressa
  • Perdita di statura
  • Incurvamento della schiena
  • Frattura  del polso, dell’anca o di altre ossa

osteoporosi immagine esplicativa.jpg

Poiché l’osteoporosi raramente causa  segni o sintomi finché non è in stato molto avanzato, si raccomanda un esame della densità ossea in questi casi:

  • Donne di età superiore ai 65 anni o un uomini più anziani dei 70 anni, a prescindere dai fattori di rischio
  • Donne in post-menopausa con almeno un fattore di rischio per l’osteoporosi
  • Uominidi età tra i 50 ei 70 anni che abbiano almeno un fattore di rischio
  • Età superiore ai 50 anni con una storia di preresse fratture
  • Assumere farmaci, come il prednisone, gli inibitori dell’aromatasi , che sono associati con osteoporosi
  • Donne in postmenopausa, che hanno recentemente interrotto la terapia ormonale
  • Donne in menopausa precoce

Cause

Gli scienziati non sanno ancora esattamente perché l’osteoporosi si verifichi, ma si sa con certezza assoluta che il normale processo di rimodellamento osseo è interrotto.

Altri fattori predisponenti, come i livelli ormonali  incidono sulla densità ossea. Nelle donne, quando gli estrogeni si riducono alla menopausa, aumenta drammaticamente la perdita ossea. Negli uomini, gli estrogeni e bassi livelli di testosterone possono causare una perdita di massa ossea.

Fattori di rischio

Un certo numero di fattori possono aumentare la probabilità di sviluppare l’osteoporosi, alcuni possono essere cambiati, altri no.

I fattori di rischio sul quale è possibile agire.

  • Assunzione di calcio. Una mancanza permanente di calcio gioca un ruolo importante nello sviluppo di osteoporosi.
  • L’uso di tabacco. Il tabacco  gioca un ruolo nella osteoporosi che non è chiaro, ma i ricercatori affermano che l’uso di tabacco contribuisca ad indebolire le ossa.
  • Disturbi alimentari. Donne e uomini con anoressia nervosa o  bulimia sono a più alto rischio di sviluppare una densità ossea inferiore.
  • Stile di vita sedentario. Lo stile di vita sedentario è un fattore di rischio molto importante, non solo per l’osteoporosi.
  • Eccessivo consumo di alcolici. Il consumo regolare di  alcolici al giorno aumenta il rischio di osteoporosi.
  • Farmaci corticosteroidi. L’uso a lungo termine di farmaci corticosteroidi, come il prednisone, cortisone, prednisolone e desametasone, è dannoso alle ossa.
  • Altri farmaci. L’uso a lungo termine degli inibitori dell’aromatasi nel trattamento del cancro al seno, i farmaci antidepressivi chiamati inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina , gli inibitori della pompa protonica e alluminio antiacidi  sono tutti associati ad un aumentato rischio di osteoporosi.

I fattori di rischio che non si possono cambiare

  • Essere  donna. Le fratture da osteoporosi sono quasi due volte più comune nelle donne così come sono negli uomini.
  • Invecchiare. Più si invecchia, maggiore è il rischio di osteoporosi.
  • Genetica. Avere un genitore o un fratello con osteoporosi  mette a maggior rischio.
  • Dimensione delle ossa. uomini e donne che hanno ossa eccezionalmente sottili , tendono ad avere un rischio più elevato perché possono avere meno massa ossea rispetto alla loro età.
  • Problemi tiroidei. troppo ormone tiroideo  può causare e perdita di massa ossea. Ciò può verificarsi sia perché la tiroide è iperattiva (ipertiroidismo), o perché si prende una quantità eccessiva di ormone tiroideo  per trattare una tiroide con problemi.

Complicazioni

Le fratture sono la complicanza più frequente e grave di osteoporosi. Spesso si verificano nella colonna vertebrale o dell’anca , quindi nelle ossa che supportano direttamente il proprio peso. Le fratture spesso sono il risultato di una caduta. Sebbene la maggior parte delle persone recuperi relativamente bene con i moderni trattamenti chirurgici, le fratture dell’anca possono essere fatali o rendere invalidi, anche per le complicazioni post-operatorie, soprattutto negli anziani.

In alcuni casi, le fratture vertebrali può verificarsi anche in modo spontaneo.

Diagnosi

I medici comunemente diagnosticano l’osteoporosi attraverso la misurazione della densità ossea.

Assorbimetria

Il miglior test di screening è l’assorbimetria  (DXA). Questa procedura è veloce, semplice e dà risultati precisi. Essa misura la densità delle ossa nella colonna vertebrale, dell’anca e del polso , che sono le aree con più probabilità di essere colpiti da osteoporosi ; ed è utilizzata per seguire con precisione i cambiamenti in queste ossa nel tempo.

Altri test che possono misurare con precisione la densità ossea includono:

  • Ultrasuoni
  • TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA QUANTITATIVA

Farmaci

Un certo numero di farmaci sono disponibili per aiutare la lenta perdita ossea e mantenere la massa entro limiti accettabili, tra cui:

I bifosfonati. Proprio come gli estrogeni, questo gruppo di farmaci è in grado di inibire la distruzione dell’osso. I bisfosfonati possono essere particolarmente utili per gli uomini,  e in persone con osteoporosi indotta da steroidi. Sono utilizzati anche per prevenire l’osteoporosi nelle persone che richiedono  trattamenti a lungo termine  per  patologie come l’asma o artrite.

Gli effetti collaterali,  possono essere gravi, nausea, dolori addominali, difficoltà a deglutire e il rischio di  esofago infiammato o ulcere esofagee. Ci sono state anche segnalazioni di gravi effetti collaterali con i bifosfonati, come l’osteonecrosi della mandibola, un raro tipo di frattura della coscia, battito cardiaco irregolare e disturbi visivi.

Raloxifene . Questo farmaco appartiene ad una classe di farmaci chiamati modulatori dei recettori degli estrogeni selettivi (SERM). Raloxifene imita gli effetti benefici degli estrogeni sulla densità ossea nelle donne in postmenopausa, senza alcuni dei rischi associati con gli estrogeni. Vampate di calore sono un effetto collaterale comune del raloxifene . Questo farmaco non è attualmente raccomandato per l’uso negli uomini.

Calcitonina. Un ormone prodotto dalla tiroide, la calcitonina diminuisce il riassorbimento osseo e può rallentare la perdita ossea. Può anche prevenire le fratture della colonna vertebrale, e può anche dare qualche sollievo del dolore delle fratture da compressione.

Teriparatide . Questo farmaco potente, è un analogo dell’ormone paratiroideo, cura l’osteoporosi nelle donne dopo la menopausa e negli uomini che sono ad alto rischio di fratture. Funziona  stimolando una nuova crescita delle ossa, mentre altri farmaci prevengono semplicemente una  ulteriore perdita di tessuto osseo.

Gli estrogeni, in particolare quando sono iniziati subito dopo la menopausa, possono aiutare a mantenere la densità ossea. Tuttavia, l’uso della terapia ormonale può aumentare il rischio di coaguli di sangue, cancro endometriale,  cancro al seno e, eventualmente,  malattie cardiache. A causa di preoccupazioni sulla sua sicurezza e perché altri trattamenti sono disponibili, la terapia ormonale non è generalmente un trattamento di prima scelta .

Fisioterapia

Oltre a farmaci o  ormoni, i programmi di terapia fisica possono aiutare a costruire la resistenza ossea e  amigliorare la postura.

Referenze »

steoporosi: Dispensa sulla salute. NIH Osteoporosi e malattie ossee correlate. Centro Risorse Nazionale. http://www.niams.nih.gov/Health_Info/Bone/Osteoporosis/osteoporosis_hoh.asp. Consultato il 10 novembre 2014.
Goldman L, et al. Medicina Cecil. ed il 24. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2012. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 10 novembre 2014.
Kellerman RD. La terapia attuale di Conn 2015. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2015. https://www.clinicalkey.com. Consultato il 10 novembre 2014.
Ferri FF. Advisor clinica di Ferri 2015: 5 libri a 1. Philadelphia, Pa .: Mosby Elsevier; 2015. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 10 novembre 2014.
Kennel KA (opinione di esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minnesota. 20 Novembre 2014.
Rosen HN. L’uso dei bifosfonati nelle donne in postmenopausa con osteoporosi. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 10 novembre 2014.
Finkelstein JS. Trattamento dell’osteoporosi negli uomini. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 10 novembre 2014.
Rosen CJ. La terapia con ormone paratiroideo per l’osteoporosi. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 10 novembre 2014.
Rosen HN. Denosumab per l’osteoporosi. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 10 novembre 2014.
Calcio. Ufficio di integratori alimentari. Istituto Nazionale della Salute. http://ods.od.nih.gov/factsheets/Calcium-HealthProfessional. Consultato il 10 novembre 2014.
Chiedi Mayo Expert. D carenza di vitamina. Rochester, Minnesota .: Mayo Fondazione per l’educazione medica e la ricerca; Il 2014.
La vitamina D. Ufficio di integratori alimentari. Istituto Nazionale della Salute. http://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminD-HealthProfessional. Consultato il 10 novembre 2014.
Rohren CH (opinione di esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minnesota. 20 Novembre 2014.
guida del clinico per la prevenzione e il trattamento dell’osteoporosi. National Osteoporosis Foundation. http://nof.org/hcp/resources/913. Accessed 20 novembre 2014.
US Preventive Services Task Force. Lo screening per l’osteoporosi: US Preventive dichiarazione raccomandazione Services Task Force. Annals of Internal Medicine. 2011; 154: 356.

Link sponsorizzati