Neuropatia autonomica : sintomi e terapie


La neuropatia autonomica è un disturbo nervoso che colpisce le funzioni involontarie del corpo, compresa la frequenza cardiaca, pressione arteriosa, sudorazione e la digestione.

Link sponsorizzati

Non è una malattia specifica. Con il termine neuropatia autonomica ci si riferisce ai danni dei nervi autonomi. Questo tipo di danno interrompe i segnali tra il cervello e le parti del sistema nervoso autonomo, come il cuore, vasi sanguigni e le ghiandole sudoripare, con conseguente riduzione delle prestazioni o con anomalie delle stesse.

La neuropatia autonomica può essere una complicanza di una serie di malattie e condizioni. Alcuni farmaci possono causare la neuropatia autonomica come  effetto collaterale. Segni, sintomi e trattamento della neuropatia autonomica variano a seconda della causa, e sui quali nervi sono interessati.

neuropatia autonomica.gif

 

Sintomi

I segni e i sintomi di neuropatia autonomica variano, a seconda di quali  parti del sistema nervoso autonomo sono interessate. Essi possono prevedere:

  • Capogiri e svenimenti in posizione eretta , causata da un calo della pressione sanguigna
  • Problemi urinari, tra cui difficoltà di partenza della minzione, incontinenza  e incapacità di svuotare completamente la vescica, che può portare a infezioni delle vie urinarie
  • Problemi alla sfera riproduttiva
  • Difficoltà alimentari , a causa di alterazioni della funzione digestiva e dello svuotamento dello stomaco lento detto gastroparesi, che può causare una sensazione di pienezza dopo aver mangiato poco,con perdita di appetito, diarrea, stitichezza, gonfiore addominale, nausea, vomito e bruciore di stomaco
  • Anomalie della sudorazione,con conseguenza quindi sulla capacità di regolare la temperatura corporea
  • Anomalie della frequenza cardiaca

Cercare cure mediche è fondamentale  se si inizia ad avere uno dei segni e dei sintomi della neuropatia autonomica. Se si soffre di diabete, o si ha un sistema immunitario compromesso , è opportuno consultare regolarmente il medico per controllare che non vi siano danni ai nervi.

Cause

La neuropatia autonomica può essere causata da un gran numero di malattie e condizioni o come  effetto collaterale del trattamento per  malattie non correlate al sistema nervoso. Alcune cause  comuni  di neuropatia autonomica includono:

  • L’alcolismo
  • Amiloidosi, che colpisce gli organi e il sistema nervoso.
  • Le malattie autoimmuni, in cui il  sistema immunitario attacca e danneggia le parti del corpo, compresi i  nervi. Alcuni esempi sono la sindrome di Sjogren, lupus eritematoso sistemico e artrite reumatoide. La neuropatia autonomica può essere causata anche da un attacco anomalo da parte del sistema immunitario che si verifica a causa di alcuni tumori nella sindrome paraneoplastica.
  • Il diabete, che è la causa più comune di neuropatia autonomica, può causare danni ai nervi a poco a poco in tutto il corpo.
  • Atrofia del sistema multiplo, una malattia degenerativa che porta alla perdita e al malfunzionamento di alcune parti del sistema nervoso centrale.
  • Lesioni a nervi causate da interventi chirurgici o traumi.
  • Il trattamento con alcuni farmaci, compresi alcuni farmaci usati nella chemioterapia e farmaci anticolinergici, talvolta utilizzati per trattare la sindrome dell’intestino irritabile e la vescica iperattiva.
  • Altre malattie croniche, come il morbo di Parkinson e l’AIDS.

Fattori di rischio

I fattori di rischio  includono:

  • Diabete. Soprattutto se scarsamente controllato, aumenta il rischio di sviluppare danni al sistema nervoso. Il rischio è maggiore per le persone che hanno avuto la malattia da più di 25 anni e hanno difficoltà a controllare la loro glicemia. Inoltre, le persone con diabete che sono in sovrappeso o hanno la pressione arteriosa alta e/o colesterolo elevato hanno un rischio maggiore di neuropatia autonomica.
  • L’alcolismo. Le persone che abusano di alcol hanno un più alto rischio di danni ai nervi.
  • Altre malattie. Un certo numero di altre malattie può contribuire ad aumentare il rischio di neuropatia autonomica, tra cui l’amiloidosi, il cancro, il lupus eritematoso sistemico ed altre malattie autoimmuni, l’HIV / AIDS, morbo di Parkinson, e il botulismo.

Diagnosi

La neuropatia autonomica è una complicazione possibile di una serie di malattie, e le prove per identificarla spesso dipendono dal fatto che  non si dispone di noti fattori di rischio per la neuropatia autonomica.

Se si dispone di condizioni che aumentano il rischio di neuropatia autonomica, come nei casi di diabete, il medico può spesso formulare una  diagnosi, sulla base di segni e sintomi. Allo stesso modo, se è presente un tumore o si è in trattamento con un farmaco noto per causare danni ai nervi, il medico sarà alla ricerca dei segni della neuropatia.

Esistono situazioni senza fattori di rischio che rendono più complessa la diagnosi di questa malattia. In questi casi il medico può disporre i seguenti esami:

Test di respirazione. test, che misura come la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa rispondono a esercizi di respirazione come la manovra di Valsalva, in cui si espira con forza.

-Tilt test. Questo test verifica come la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca di rispondono ai cambiamenti della postura e della posizione, simulando ciò che avviene quando ci si alza dopo esser stati sdraiati.  Normalmente l’organismo compensa la caduta della pressione sanguigna che si verifica quando ci si alza di colpo, con un restringimento dei vasi sanguigni e aumentando la frequenza cardiaca. Questa risposta può essere rallentata o anomala se si soffre di neuropatia autonomica.

Test gastrointestinali. Il test può assumere varie forme. Una prova può misurare la velocità con cui il cibo lascia lo stomaco, mentre un’altra controlla quanto i muscoli dello stomaco si rilassano dopo aver mangiato. Questi test sono in genere fatti da un gastroenterologo.

QSART. Questo test valuta come i nervi che regolano le ghiandole sudoripare rispondono alla stimolazione. Una piccola corrente elettrica passa attraverso quattro capsule inserite nell’ avambraccio, piede e  gamba, mentre un computer analizza come i  nervi e le ghiandole sudoripare reagiscono.

Test del sudore e della termoregolazione. Durante questa prova, si è ricoperti da una polvere che cambia colore quando si suda. È quindi il paziente è messo dentro una camera ove viene applicato un lento aumento della temperatura .

Analisi delle urine e della funzione della vescica . Una serie di test delle urine è in grado di valutare la funzione vescicale.

Ecografia. Se si hanno problemi alla vescica, il medico può fare una ecografia per verificare che l’apparato urinario sia normale.

Trattamenti e farmaci

Il trattamento della neuropatia autonomica comprende:

Trattamento della malattia di base. Il primo obiettivo del trattamento della neuropatia autonomica è quello di gestire la malattia o la condizione che danneggiano i  nervi. Ad esempio, se la causa di fondo è il diabete, è necessario  controllare lo zucchero nel sangue . In alcuni casi, il trattamento della patologia di base fa smette alla neuropatia autonomica di progredire, ed i nervi danneggiati possono anche ripararsi o rigenerare se stessi.

Per la gestione dei sintomi specifici oltre a gestire la malattia di base, altri trattamenti possono alleviare i sintomi della neuropatia autonomica. Il trattamento varia a seconda dell’organo colpito.

I sintomi gastrointestinali

Il medico può raccomandare:

  • Modificare la dieta. Questo potrebbe includere aumentare la quantità di fibre e bere più liquidi.
  • Metoclopramide . Questo  farmaco aiuta lo stomaco  a svuotarsi più rapidamente aumentando le contrazioni del tubo digerente.
  • Farmaci per alleviare costipazione. Lassativi da banco possono contribuire ad alleviare la stitichezza.
  • Antidepressivi. antidepressivi triciclici, come l’imipramina  o nortriptilina  possono contribuire a trattare la diarrea e il dolore addominale.

Sintomi urinari

Il medico può suggerire:

  • Riqualificazione della vescica. Seguendo uno schema basato sul quando bere liquidi e quando urinare, può aiutare ad aumentare la capacità della vescica e a riqualificare la vescica .
  • Bethanechol . Questo farmaco aiuta a facilitare lo svuotamento completo della vescica.
  • I farmaci per la vescica iperattiva . Questi comprendono tolterodina  o l’ossibutinina .

Ritmo cardiaco e  della pressione arteriosa

La neuropatia autonomica può causare un certo numero di problemi di frequenza cardiaca e pressione sanguigna. Il medico può prescrivere:

  • Fludrocortisone acetato. Utili in presenza di vertigini o di debolezza .
  • Midodrine  o piridostigmina . Questo farmaco può aumentare la pressione sanguigna . L’alta pressione sanguigna quando si sta sdraiati è un possibile effetto collaterale di midodrine.
  • I beta-bloccanti. Questa classe di farmaci aiuta a regolare la frequenza cardiaca se la frequenza cardiaca non risponde normalmente ai cambiamenti del livello di attività.

Se si verifica sudorazione eccessiva, il medico può prescrivere:

Un farmaco che riduce la traspirazione. Il glicopirrolato  può ridurre la sudorazione. Non ci sono farmaci per aumentare la sudorazione se si ha perso la capacità di sudare.

Link sponsorizzati