La febbre : quando deve preoccupare?


La febbre di solito è un segno che qualcosa  sta succedendo nel corpo. Per un adulto, la febbre può essere scomoda e fastidiosa, ma di solito non è pericolosa a meno che non raggiunga i 39,5.40 gradi o più. Per i bambini piccoli e neonati, una temperatura leggermente più elevata può indicare una grave infezione.

Link sponsorizzati

Bisgona ricordare, che  grado di febbre non indica necessariamente la gravità della malattia . Una malattia minore può provocare la febbre alta, e una malattia più grave può causare una febbre bassa.

Di solito la febbre scompare entro pochi giorni. Esitono molti farmaci per abbassare la febbre, ma a volte è meglio non trattarla. La febbre sembra giocare un ruolo chiave per aiutare il  corpo a combattere le infezioni.

Si parla di  febbre quando la temperatura supera il suo range di normalità. Si intende generalmente una temperatura superiore ai 37 gradi.

Sintomi

A seconda di cosa sta causando la febbre,   i sintomi possono includere:

  • Sudorazione
  • Tremori
  • Mal di testa
  • Dolori muscolari
  • Perdita di appetito
  • Debolezza generale

febbre.jpg

La febbre alta tra i  39,4 e i 41.1  può causare:

  • Allucinazioni
  • Confusione
  • Irritabilità
  • Convulsioni

Febbre e convulsioni.

Una piccola percentuale di bambini con età inferiore ai 5 anni , manifesta convulsioni febbrili. I segni delle convulsioni febbrili, si verificano quando la temperatura di un bambino sale o scende rapidamente, e comprendono una breve perdita di coscienza e convulsioni.

Anche se questi attacchi possono ovviamente allarmare, la maggior parte di essi non causano alcun effetto duraturo.

Quando vedere un medico

La Febbre da sola non è motivo di allarme , e spesso non è  motivo per richiedere l’intervento di un medico. Eppure ci sono alcune circostanze in cui si dovrebbe consultare un medico, e queste circostanze verranne elencate di seguito.

Neonati

Una febbre inspiegabile è maggiore motivo di preoccupazione nei neonati e nei bambini che negli adulti. E’ necessario infatti chiamare il medico se un bambino o un neonato, presentano una febbre con temperatura tale o superiore ai 38 gradi.

Altre situazione dove è richiesto l’intervento del medico sono:

  • Se il bambino ha meno di 3 mesi di età.
  • Rifiuta di mangiare o bere.
  • Ha un inspiegabile  febbre, e si lamenta moltissimo.
  • Ha la febbre e si dimostra letargico  non risponde.

Nei neonati e nei bambini di età inferiore ai 2 anni , questi possono essere i segni di meningite , una grave  infezione e infiammazione delle membrane e del liquido che circonda il cervello e il midollo spinale. Se esiste anche un solo sospetto che un bambino possa avere la meningite, è necessario rivolgersi immediatamente al medico.

I bambini molto piccoli non possono regolare la loro temperatura corporea e quando sono malati  possono diventare freddi o molto caldi.

Bambini

I bambini spesso tollerano bene gi episodi febbrili, anche se le alte temperature possono causare preoccupazione per i  genitori. Spesso non c’è motivo di allarme se il  bambino ha la febbre, ed è reattivo .

Quando chiamare il pediatra?

  • Se il bambino è poco reattivo, vomita ripetutamente, ha un forte mal di testa o mal di stomaco, o ha altri sintomi che causano disagio significativo.
  • Ha la febbre dopo essere stato lasciato in una macchina al caldo. cercare cure mediche immediatamente.
  • Ha una febbre che persiste per più di un giorno (in bambini di età inferiore ai 2) o più di tre giorni (in bambini dai 2 anni in su).

A volte, bambini più grandi possono avere una temperatura più bassa del normale. Ciò può accadere ai bambini più grandi con gravi deficit neurologici, i bambini con una infezione batterica pericolosa per la vita la sepsi e bambini con un sistema immunitario soppresso.

Adulti

Chiamare il  medico se:

  • La temperatura è superiore ai 39,4 gradi
  • La febbre persiste per più di tre giorni

Inoltre, consultare immediatamente un medico se uno qualsiasi di questi segni o sintomi accompagna la febbre:

  • Grave mal di testa
  • Grave  gonfiore alla gola
  • Rash cutanei, soprattutto se l’eruzione cutanea peggiora rapidamente
  • Insolita sensibilità alla luce intensa ( fastido verso la luce)
  • Torcicollo e rigidità nucale , tanto da non riuscire a piegare la test ain avanti
  • Confusione mentale
  • Vomito persistente
  • Difficoltà respiratorie o dolore al torace
  • Estrema svogliatezza o irritabilità
  • Dolore addominale o dolore durante la minzione
  • Altri segni o sintomi inspiegabili

La febbre e la temperatura corpoea

La temperatura corporea normale varia nell’arco della giornata secondo il ritmo circadiano , ess è più bassa al mattino e più alta nel tardo pomeriggio e la sera. In effetti, la temperatura normale può variare da circa 36,1  a 37.2 gradi. Sebbene la maggior parte della gente consideri 37 come una temperatura normale, essa può comunque variare di un grado o più. Altri fattori, quali il ciclo mestruale o esercizio fisico pesante, possono influenzare la temperatura.

Ecco come funziona la temperatura del corpo.

  • La temperatura corporea viene impostata dall’ipotalamo, una zona alla base del cervello che agisce come un termostato per l’intero sistema.
  • La temperatura è l’equilibrio del calore prodotto dai tessuti del corpo, in particolare il fegato e muscoli, e il calore che il corpo perde.
  • Quando la febbre inizia e il  corpo cerca di elevare la sua temperatura, si percepisce il freddo ed è facile tremare per generare calore fino a che il sangue intorno all’ipotalamo raggiunga il nuovo set point.
  • Quando la temperatura comincia a tornare alla normalità, si  suda abbondantemente per eliminare il calore in eccesso.
  • In persone molto giovani, o molto anziane la capacità del corpo di regolare la temperatura può essere inferiore.
  • Una febbre di solito significa che il corpo sta rispondendo ad una infezione virale o batterica.

Altre possibili cause della febbre comprendono:

  • Tumori maligni o  alcune forme di cancro del rene (raro)
  • Alcuni farmaci, come antibiotici e farmaci utilizzati per curare la pressione alta
  • Alcune vaccinazioni, come il tetano difterite e pertosse acellulare  o vaccini contro il pneumococco (nei neonati e nei bambini)

A volte non è possibile identificare la causa della febbre. Se la temperatura e sui 38 gradi o superiore per più di tre settimane e il medico non è in grado di trovare la causa, dopo ampia valutazione, la diagnosi può essere febbre di origine sconosciuta.

Trattamenti e farmaci

Il trattamento dipende dalla causa della  febbre. Il medico può prescrivere antibiotici per le infezioni batteriche, come la polmonite o lo streptococco della gola.

Gli antibiotici non trattano assolutamente le infezioni virali, tipo la gastroenterite e la mononucleosi. Ci sono alcuni farmaci antivirali usati per il trattamento di alcune infezioni virali specifiche. Tuttavia, il miglior trattamento per la maggior parte dei virus è spesso riposo e molti liquidi.

L’aspetto negativo di abbassare la febbre

Se la febbre è bassa, non è consigliabile cercare di abbassare la temperatura. Ciò potrebbe prolungare la malattia o mascherarne i sintomi e rendere più difficile  determinarne la causa.

Alcuni esperti ritengono che il trattamento aggressivo contro febbre interferisce con la risposta immunitaria del corpo. I virus che causano raffreddori e altre infezioni respiratorie crescore alla temperatura corporea normale. Producendo una lieve febbre, il  corpo si aiuta a eliminare i virus.

Stile di vita e rimedi domestici

  • Bere molti liquidi. La febbre può causare perdita di liquidi e la disidratazione, quindi bere acqua, succhi di frutta o brodo.
  • Restare calmi. Essere Vestiti in abiti leggeri, mantenere la temperatura dell’ambiente fresca e dormire senza coprirsi in modo eccessivo.
  • Prendere paracetamolo o ibuprofene. Utilizzare secondo le istruzioni riportate sull’etichetta o come raccomandato dal medico, e stare attenti ai dosaggi. Alte dosi o l’uso a lungo termine di paracetamolo possono causare danni al fegato o al rene, e l’overdose acuta può essere fatale.
  • Fare pasti leggeri.

Referenze »

Dinarello CA, et al. Febbre e ipertermia. In: Fauci AS, et al. In linea di Harrison. 17a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2008. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aid=2871330. Consultato il 28 aprile 2011.
Febbre. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merckmanuals.com/professional/sec14/ch167/ch167e.html. Consultato il 28 aprile 2011.
Torpy J. Febbre nei bambini. Journal of American Medical Association. 2004; 291:1284.
Febbre, sudorazione e vampate di calore. National Cancer Institute. http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/supportivecare/fever/healthprofessional. Consultato il 28 aprile 2011.
Febbrile fatto convulsioni foglio. Istituto nazionale dei disordini neurologici e colpo. http://www.ninds.nih.gov/disorders/febrile_seizures/detail_febrile_seizures.htm. Consultato il 28 aprile 2011.
Ward MA. Fisiopatologia e trattamento della febbre nei neonati e nei bambini. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 25 Aprile 2011.
O’Grady N, et al. Linee guida per la valutazione della nuova febbre in pazienti adulti in condizioni critiche: 2008 aggiornamento dalla American College of Critical Care Medicine e della Società Malattie Infettive d’America. Critical Care Medicine, 2008; 36:1330.
Sullivan JE, et al. Relazione clinica – La febbre e l’uso antipiretico nei bambini. Pediatria. 2011; 127:580.
J. Leggett Approccio alla febbre o sospetto di infezione nell’ospite normale. In: Goldman L, et al. Cecil Medicina. 23a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2008. Consultato il 2 mag 2011.
Bor DH. Approccio all’adulto con febbre di origine sconosciuta. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 25 Aprile 2011.

Link sponsorizzati