La cataratta : vediamo insieme di cosa si tratta


La cataratta è una opacità del cristallino che normalmente è trasparente . Le persone che hanno la cataratta, vedono nuvoloso un po ‘come guardare attraverso una finestra appannata. La vista annebbiata causata dalla cataratta può rendere più difficile  leggere, e guidare una macchina specialmente di notte .

Link sponsorizzati

La maggior parte delle cataratte si sviluppano lentamente e non disturbano la vista all’inizio. Ma con il tempo, la cataratta  interferisce con la  visione.

In un primo momento, gli occhiali sono in grado di contribuire a risolvere le cataratte nelle fasi iniziali.  Fortunatamente, la chirurgia della cataratta è generalmente una procedura di sicura efficacia.

cataratta.jpg

Sintomi

Segni e sintomi di cataratta includono:

  • Visione Offuscata
  • Difficoltà crescente con la visione notturna
  • Sensibilità alla luce e ai riflessi
  • Aloni intorno alle luci
  • Frequenti cambi di prescrizione degli occhiali o lenti di contatto
  • Ingiallimento dei colori
  • Visione doppia in un solo occhio

Come la cataratta si sviluppa , mano a mano la visione peggiora.

Cause

La maggior parte delle cataratte si sviluppano durante l’invecchiamento o per  lesioni del tessuto che compone la lente dell’occhio(cristallino). Alcune cataratte sono ereditarie causate da difetti genetici che causano altri problemi di salute e aumentano il rischio di cataratta.

Come si forma una cataratta

La lente, dove si forma la cataratta, è posizionata dietro la parte colorata dell’occhio detto iride. La lente focalizza la luce che passa nell’occhio, producendo immagini chiare e nitide sulla retina , la membrana sensibile alla luce sulla parete posteriore interna del bulbo oculare che funziona come la pellicola di una macchina fotografica. La cataratta disperde la luce che passa attraverso l’obiettivo, evitando che una immagine ben definita possa raggiungere la retina. Come risultato, la  visione si offusca.

La cataratta può svilupparsi in uno o entrambi gli occhi.

Tipi di cataratta

I tipi di cataratta includono:

  • La cataratta che interessa il centro del cristallino (cataratta nucleare). La cataratta nucleare può inizialmente causare miopia o addirittura un temporaneo miglioramento nella  visione . Ma con il tempo, l’obiettivo diventa via via più giallo e in seguito si presentano offuscamenti simil nebbia nella visione. La cataratta nucleare a volte causa  immagini doppie o multiple. Come la cataratta progredisce, l’obiettivo può anche diventare marrone.
  • La cataratta che interessa i bordi del cristallino (cataratta corticale). La cataratta corticale inizia come biancastra, a forma di cuneo  o con strisce sul bordo esterno della corteccia della lente. Come progredisce , le striature si estendono verso il centro e interferiscono con la luce che passa attraverso il centro della lente. Problemi con i riflessi della luce sono comuni per le persone con questo tipo di cataratta.
  • La cataratta che interessa la parte posteriore del cristallino (cataratta subcapsulare posteriore). Una cataratta subcapsulare posteriore inizia come una piccola area opaca che si forma di solito nella parte posteriore della lente, proprio nel percorso della luce nel suo cammino verso la retina. La cataratta subcapsulare interferisce spesso con la  visione lettura, riduce la visione in piena luce e provoca abbagliamento o aloni intorno alle luci di notte.
  • La cataratta congenita. Alcune persone nascono con cataratta o la sviluppano durante l’infanzia. Tale cataratta può essere il risultato della madre che abbia contratto una infezione durante la gravidanza. Esse possono anche essere causa di alcune sindromi ereditarie, come la sindrome di Alport, malattia di Fabry e galattosemia. La cataratta congenita,  non sempre disturba il campo visivo.

Fattori di rischio

I fattori che aumentano il rischio di cataratta includono:

  • L’aumento dell’età
  • Diabete
  • Bere quantità eccessive di alcol
  • L’esposizione eccessiva ai raggi solari
  • L’esposizione a radiazioni ionizzanti, come quello utilizzate nei raggi X e  terapia del cancro
  • Storia familiare di cataratta
  • Alta pressione sanguigna
  • Obesità
  • Lesione oculare precedente o infiammazione
  • Precedente chirurgia dell’occhio
  • L’uso prolungato di farmaci corticosteroidi
  • Fumatori

Diagnosi

Per determinare la cataratta, il medico effettuerà un esame della vista che comprende:

Test di acuità visiva. Un test di acutezza visiva è il classico test dove si fanno leggere lettere e numeri .
Lampada a fessura . Una lampada a fessura permette all’ oculista di vedere le strutture nella parte anteriore dell’ occhio sotto ingrandimento. Lo strumento è chiamato lampada a fessura perché usa una linea di luce intensa , per illuminare la  cornea, l’iride, il cristallino, e lo spazio tra l’iride e la cornea. La fessura permette al medico di visualizzare queste strutture in piccole sezioni, che rendono più semplice  rilevare eventuali anomalie molto piccole.
Esame della retina. Per preparare per un esame della retina, l’oculista dilata gli occhi con delle gocce speciali. Questo rende più facile  esaminare la parte posteriore degli  occhi quindi vedere bene la retina.

Trattamenti

L’unico trattamento efficace per la cataratta è l’intervento chirurgico.

Quando  prendere in considerazione la chirurgia della cataratta

La maggior parte dei medici  suggerisce di considerare la chirurgia della cataratta quando  comincia a influenzare la qualità della vita o a interferire con la capacità di svolgere le normali attività quotidiane, come la lettura o la guida notturna.

Dipende da voi  decidere quando un intervento di cataratta è giusto . Per molte persone, non c’è fretta di rimuovere la cataratta, perché di solito non danneggia l’occhio.

Che cosa accade durante la chirurgia della cataratta

La chirurgia della cataratta comporta la rimozione del cristallino opacizzato e la sua sostituzione con un impianto trasparente di plastica. La lente di ricambio si trova nello stesso luogo dove è il cristallino naturale e diviene parte dell’occhio.

La chirurgia è solito fare, un occhio alla volta, con un paio di settimane tra gli interventi. Di solito è fatto su  base ambulatoriale, il che significa che non ci sarà bisogno di stare in  ospedale dopo l’intervento chirurgico.

Link sponsorizzati