Calcoli renali : un problema doloroso - Informazioni Mediche

Calcoli renali : un problema doloroso


La litiasi renale, meglio conosciuta come calcolosi renale comprende piccoli, depositi duri che si formano all'interno reni. I calcoli renali sono spesso formati da sali minerali . I calcoli renali sono causati da molteplici situazioni. In uno scenario comune, i calcoli renali si formano quando le urine si concentrano, permettendo ai minerali di cristallizzare e unirsi.

Il passaggio dei calcoli renali può essere molto doloroso. Il dolore di un calcolo renale inizia in genere su un fianco o sulla schiena, appena sotto le coste, e si sposta al basso addome e inguine. Il dolore può cambiare a seconda di come si muove il calcolo nel rene  e attraverso il tratto urinario.

I calcoli renali di solito non causano danni permanenti.

Sintomi

Un calcolo renale può o non può causare segni e sintomi fino a quando non si è spostato nell'uretere,il tubo che collega il rene alla vescica. I sintomi sono:

  • Forte dolore nella parte posteriore
  • Il dolore che si diffonde al basso addome e inguine
  • Dolore alla minzione
  • Urine di colore rosso o marrone
  • Nausea e vomito
  • Persistente stimolo ad urinare
  • Febbre e brividi in caso di infezione.

calcoli renali.jpg

Ospedalizzare immediatamente  se :

  • Dolore così forte che non si può stare seduti o trovare una posizione comoda
  • Il dolore accompagnato da nausea e vomito
  • Il dolore accompagnato da febbre e brividi


Cause
    
I calcoli renali sono spesso generati da cause non ben definite. Una serie di fattori, spesso in combinazione, possono creare le condizioni in cui le persone suscettibili possono sviluppare calcoli renali.

I calcoli renali si formano quando i componenti dell'urina, fluidi, minerali vari e acidi, sono in squilibrio. Quando questo accade, l'urina contiene sostanze più cristalline , come l'ossalato di calcio e l'acido urico,che non riescono ad essere diluiti. Allo stesso tempo, l'urina può essere a corto di sostanze impediscono l'aggregazione diq uesti minerali. Questo crea un ambiente in cui i calcoli renali sono più propensi a formarsi.

Tipi di calcoli renali

La maggior parte dei calcoli renali contengono cristalli di più di un tipo. Tipi di calcoli renali sono:

Calcoli di calcio. La maggior parte sono calcoli di calcio, di solito sotto forma di ossalato di calcio. livelli di ossalato alti si possono trovare in alcuni frutti e verdure, come pure nella frutta secca e cioccolato. Il fegato produce  ossalato. I fattori alimentari, alte dosi di vitamina D, la chirurgia di bypass intestinali e vari disturbi metabolici  possono aumentare la concentrazione di calcio o di ossalato nelle urine. I calcoli di calcio possono verificarsi anche in forma di fosfato di calcio.

  • Calcoli di struvite. Calcoli di struvite si formano in risposta a un'infezione, ad esempio una infezione del tratto urinario. I calcoli di struvite possono crescere rapidamente e diventare abbastanza grandi.
  • Calcoli di acido urico. I calcoli di acido urico si possono formare nelle persone che sono disidratate, quelli che mangiano una dieta troppo ricca di proteine ​​e quelli con la gotta.
  • Calcoli di cistina. Queste  rappresentano solo una piccola percentuale di calcoli renali. Si formano in persone con una malattia ereditaria che provoca che i reni eliminino una quantità eccessiva di alcuni amminoacidi, questo fenomeno è detto cistinuria.
  • Esistono anche calcolosi renali con cause non ben definite.
  • Conoscere il  tipo di calcoli renali aiuta a capire cosa potrebbe averli causati.


Fattori di rischio

I fattori che aumentano il rischio di sviluppare calcoli renali sono:

Precedenti personali o familiari di calcolosi. Se qualcuno nella  famiglia ha avuto i calcoli renali, è molto più probabile che si possano sviluppare calcoli.

  • Essere  adulti. I calcoli renali sono più comuni negli adulti sui 40 anni, anche se i calcoli renali possono manifestarsi a qualsiasi età.
  • Essere un uomo. Gli uomini hanno più probabilità di sviluppare calcoli renali.
  • Disidratazione. Non bere abbastanza acqua ogni giorno può aumentare il rischio di calcoli renali.
  • Alcune diete. Mangiare una dieta troppo ricca di proteine, di sodio o zucchero può aumentare il rischio di alcuni tipi di calcoli renali.
  • Essere obesi. Un alto indice di massa corporea , aumenta le dimensioni del giro vita , che è stato collegato ad un aumentato del rischio di calcoli renali.
  • Malattie dell'apparato digerente e chirurgia. Il bypass gastrico, malattie infiammatorie intestinali o la diarrea cronica possono causare cambiamenti nel processo digestivo che influenzano l'assorbimento di calcio e aumentano la possiblità dif ormazione di calcoli renali.
  • Altre condizioni mediche. malattie e condizioni che possono aumentare il rischio di calcoli renali comprendono ,acidosi tubulare renale, cistinuria, l'iperparatiroidismo e alcune infezioni del tratto urinario.


Diagnosi

Se il medico sospetta una calcolosi renale, ci si deve sottoporre a procedure di indagine. E queste sono:

  • Gli esami del sangue. Esami del sangue possono rivelare eccesso di calcio o di acido urico nel sangue. Gli esami del sangue permettono al medico di verificare la presenza di altre condizioni mediche e di monitorare la salute dei reni.
  • Gli esami delle urine. I test delle urine, come la raccolta delle urine nelle24 ore , potrebbero mostrare un eccesso di sali minerali o un difetto delle sostanze che prevengono l'aggregazione.
  • Esami radiografici. Esami radiografici possono mostrare i calcoli renali nel tratto urinario.
  • Un vecchio metodo spesso ancor in uso è quello di chedere al paziente di urinare attraverso un filtro, per verificare una eventuale perdita di cristalli o microcalcoli.

Trattamenti e farmaci

Il trattamento per i calcoli renali varia, a seconda del tipo e della causa.

La maggior parte dei calcoli renali non richiede un trattamento invasivo.

  • L'acqua potabile. Bere tanto quanto 2-2,8 litri al giorno può aiutare a pulire il sistema urinario.
  • Antidolorifici. Il passaggio di una piccola pietra può causare qualche disagio. Per alleviare il dolore lieve, il medico può raccomandare antidolorifici, come ibuprofene , acetaminofene  o di sodio naproxene (naproxene sodico).
  • I calcoli renali che non possono essere trattati con misure conservative - o perché sono troppo grandi per passare da soli o perché causano sanguinamento, danno renale o in corso infezioni delle vie urinarie , possono richiedere un trattamento più invasivo.

Queste includono:

  • Utilizzo di onde sonore per rompere i calcoli. Una procedura chiamata litotrissia extracorporea ad onde d'urto utilizza onde sonore per creare forti vibrazioni chiamate onde d'urto che rompere le pietre in piccoli pezzi che vengono poi passati nelle urine. La procedura consente di creare un forte rumore e possono causare dolore moderato, quindi potrebbe essere richiesta sedazione o anestesia leggera .
  • La Litotrissia extracorporea ad onde d'urto può causare sangue nelle urine, lividi sulla schiena o all'addome, emorragie intorne al rene e di altri organi adiacenti.
  • Chirurgia . Una procedura chiamata nefrolitotomia percutanea comporta una rimozione chirurgica di un calcolo renale attraverso una piccola incisione nella schiena.
  • Uretroscopia. Per rimuovere una pietra in uretere o ai reni, il medico può passare un sottile tubo luminoso detto ureteroscopio,dotato di una fotocamera attraverso l'uretra e la vescica.Una volta trovato il calcolo, utensili speciali al'interno dell'apparecchio possono  romperlo in pezzi che passeranno poi nelle urine.
  • Ghiandola paratiroidea . Alcune calcoli di calcio sono causati da eccessiva produzione delle ghiandole paratiroidi, che si trovano ai quattro angoli della tiroide, appena sotto il  pomo d'Adamo. Quando queste ghiandole producono troppo ormone paratiroideo, il  livello di calcio può diventare troppo alto, con conseguente eccessiva escrezione di calcio nelle urine. Questo a volte è causato da un tumore benigno piccolo in una delle vostre quattro ghiandole paratiroidi. Un chirurgo può rimuovere il tumore o le ghiandole paratiroidee.

Referenze

Worcester EM, et al. Nefrolitiasi. Primary Care: Clinics in Practice Office. 2008; 35:369.
Calcoli renali negli adulti. Istituto Nazionale del Diabete e Malattie Digestive and Kidney. http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/stonesadults/index.htm. Consultato il 18 gennaio 2012.
Dieta per la prevenzione dei calcoli renali. Istituto Nazionale del Diabete e Malattie Digestive and Kidney. http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/kidneystonediet/index.htm. Consultato il 18 gennaio 2012.
Rakel D. Medicina Integrativa. 2nd ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/177428112-2/0/1494/0.html. Consultato il 19 gennaio 2012.
Curhan GC, et al. Diagnosi e trattamento acuto di nefrolitiasi sospetto negli adulti. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 26 Gennaio 2012.
Preminger GM, et al. Il calcolo renale prima e nefrolitiasi negli adulti asintomatici. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 27 febbraio 2012.



Link sponsorizzati


comments powered by Disqus