Acne: un problema fastidioso


Questo problema affligge davvero tantissime persone, e molte di loro sono condizionate in modo pesante dall’aspetto non solo fisico ma psicologico di questo problema. L’acne può essere dolorosa, fastidiosa e persistente. Le lesioni dell’acne guariscono lentamente, e non appena iniziano a risolversi alcune zone, altre ne vengono colpite.

Link sponsorizzati

Gli ormoni possono svolgere un ruolo chiave nello sviluppo dell’acne, rendendo la condizione più comune negli adolescenti. Ma la gente di tutte le età può avere l’acne. Alcune  donne sperimentano l’acne a causa di cambiamenti ormonali associati alla gravidanza, i loro cicli mestruali, o le  pillole anticoncezionali.

A seconda della sua gravità, l’acne può provocare disagio emotivo e portare a cicatrici sulla pelle. La buona notizia è che i trattamenti efficaci sono disponibili.
meccanismo acne.jpg

L’acne di solito appare sul viso, collo, torace, schiena e spalle, che sono le zone della pelle più predisposte. L’acne può assumere le seguenti forme:

  • Comedoni (punti bianchi e neri) si creano quando le aperture dei follicoli piliferi si occludono. Quando  sono aperti presso la superficie della pelle, si chiamano punti neri.
  • Le papule sono piccoli punti in rilevo che segnalano che l’infiammazione o infezione nei follicoli . Le papule possono essere rosse.
  • Pustole rosse, escrescenze con pus bianco in punta.
  • Noduli , che sono grandie solidi  noduli dolorosi sotto la superficie della pelle.
  • Le cisti , che sono dolorose, piene di pus e grumi sotto la superficie della pelle. Queste possono causare cicatrici.

L’acne di solito non è una patologia seria. Ma si potrebbe voler cercare il trattamento  di un dermatologo per i brufoli persistenti o cisti infiammate per evitare danni cicatrici o altro .

Cause

Tre fattori contribuiscono alla formazione di acne:

  • Sovrapproduzione di sebo
  • spargimento irregolare di cellule morte della pelle con conseguente irritazione dei follicoli
  • L’accumulo di batteri
  • L’acne si verifica quando i follicoli si intasano di sebo . Ogni follicolo è collegato a ghiandole sebacee. Queste ghiandole secernono una sostanza oleosa detta sebo per lubrificare i capelli e la pelle. Il sebo viaggia normalmente lungo il fusto del capello e poi fuori, attraverso l’apertura del follicolo pilifero sulla superficie della pelle. Quando il  corpo produce una quantità eccessiva di sebo e cellule morte, i due possono accumularsi nel follicolo pilifero e formare insieme come un tappo morbido.
  • Non si sa che cosa provochi l’aumento della produzione di sebo che porta all’acne. Ma una serie di fattori , tra cui gli ormoni, batteri, alcuni farmaci ed ereditarietà , giocano un ruolo importante.

Contrariamente a quanto alcuni pensano, alimenti grassi e cioccolato hanno poco effetto sull’acne. Sono in corso studi per determinare se altri fattori dietetici , tra cui alimenti ad alto contenuto di amido, come pane, panini e patatine, che aumentano lo zucchero nel sangue – possano giocare un ruolo nella formazione dell’acne.

L’acne non è causata da sporcizia. Infatti, lavare troppo le zone interessate può addirittura peggiorarla. La semplice pulizia della pelle è tutto ciò che è richiesto.

Fattori di rischio

I cambiamenti ormonali nel corpo possono provocare o aggravare l’acne. Tali cambiamenti sono comuni in:

  • Adolescenti, sia in ragazzi e ragazze
  • Donne e ragazze, da due a sette giorni prima del loro ciclo
  • Donne in gravidanza
  • Le persone che utilizzano alcuni farmaci, tra cui il cortisone

Altri fattori di rischio includono:

  • Diretta esposizione della pelle a sostanze grasse o oleose, o di taluni cosmetici applicati direttamente sulla pelle
  • Una storia familiare di acne
  • Attrito o  pressione sulla pelle causata da vari elementi, quali telefoni cellulari, caschi, colletti stretti e zaini

Trattamenti e cure

I trattamenti per l’acne agiscono riducendo la produzione sebo,  accelerando il ricambio delle cellule della pelle, combattendo le infezioni batteriche o riducendo l’infiammazione .

Il medico o il dermatologo possono consigliare un farmaco che si applica sulla pelle (farmaco topico) o per via orale. La prescrizione di farmaci orali per l’acne non deve essere usata durante la gravidanza, soprattutto durante il primo trimestre.

I tipi di  trattamenti includono:

Trattamenti topici. lozioni per l’acne possono asciugare, uccidere i batteri e promuovere l’esfoliazione delle cellule ormai inutili. Le lozioni sono generalmente lievi e contengono perossido di benzoile, zolfo, resorcina, acido salicilico o acido lattico come principio attivo. Questi prodotti possono essere utili per l’acne molto mite.

  • Trattamenti topici a disposizione dalla prescrizione medica. Se l’acne non risponde ai trattamenti, si consiglia di consultare un medico o un dermatologo per avere una lozione  più forte. Tretinoina , adapalene  e Tazarotene  sono esempi di prodotti da prescrizione  derivati dalla vitamina A. Essi lavorano, promuovendo il turnover cellulare . Un certo numero di antibiotici topici sono inoltre disponibili. Essi lavorano uccidendo i batteri della pelle in eccesso. Spesso, una combinazione di tali prodotti è necessaria per ottenere risultati ottimali.
  • Gli antibiotici. Per l’acne moderata o grave, potrebbe essere necessario un breve ciclo di antibiotici per via orale  per ridurre i batteri e l’infiammazione . Da quando gli antibiotici per via orale sono stati usati per trattare l’acne, la resistenza agli antibiotici è aumentata significativamente nelle persone con l’acne.
  • Isotretinoina. Per le cisti profonde, gli antibiotici potrebbero non essere sufficienti. Isotretinoina  è un farmaco potente a disposizione per cicatrici da acne cistica o acne che non risponde ad altri trattamenti. Questo farmaco è riservato alla forme più gravi di acne. E’ molto efficace, ma con tanti effetti collaterali
  • Contraccettivi orali. I contraccettivi orali, con una combinazione di etinilestradiolo e norgestimato , possono migliorare l’acne nelle donne. Tuttavia, i contraccettivi orali possono causare altri effetti collaterali – come mal di testa, tensione mammaria, nausea e depressione.
  • Laser e la terapia della luce. laser e terapie a base di luce raggiungono gli strati più profondi della pelle senza danneggiare la superficie della pelle. Il trattamento laser è pensato per danneggiare le ghiandole sebacee, inducendole a produrre meno sebo. La terapia della luce ha come obiettivi i batteri che causano l’acne infiammatoria.
  • Procedure cosmetiche. Queste procedure cosmetiche, che sono state tradizionalmente usate per ridurre la comparsa di rughe sottili e lievi cicatrici del viso , sono più efficaci se usate in combinazione con altri trattamenti .

Referenze »

Domande e risposte circa l’acne. Istituto Nazionale di artrite e malattie del sistema muscoloscheletrico e della pelle. http://www.niams.nih.gov/Health_Info/Acne/default.asp. Consultato il 9 ago 2011.
Acne, rosacea, e disturbi correlati. In: Habif TP. Clinica Dermatologia: una guida di colore di Diagnosi e Terapia. 5th ed. Edimburgo, Regno Unito, New York, NY: Mosby Elsevier, 2010. Consultato il 9 ago 2011.
Ofori AO. Patogenesi, manifestazioni cliniche, e la diagnosi di acne vulgaris. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 10 Agosto 2011.
Bowe WP, et al. Dieta e acne. Journal of American Academy of Dermatology. 2010; 63:124.
Ofori AO. Trattamento di acne vulgaris. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 10 Agosto 2011.
Ofori AO. Terapie a base di luce, aggiuntive e di altro tipo per l’acne vulgaris. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 10 Agosto 2011.
Soltes B. terapia luce pulsata. Ostetricia e Ginecologia Cliniche del Nord America. 2010; 37:489.
Acne cicatrici. American Academy of Dermatology di AcneNet. http://www.skincarephysicians.com/acnenet/scarring.html. Consultato il 11 agosto 2011.
Tea tree oil. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. Consultato il 9 ago 2011.
Alfa idrossiacidi. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. Consultato il 9 ago 2011.
Zinco. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. Consultato il 9 ago 2011.
Saccharomyces boulardii. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. Consultato il 9 ago 2011.

Link sponsorizzati