La sindrome metabolica: sintomi, segni, cause e cure


La sindrome metabolica, è una condizione che si verifica  tra alcuni disturbi metabolici e malattie cardiovascolari ed è nota sin dal 1940. Nel 1980 questa condizione è diventata più chiaramente definita e il termine sindrome metabolica (o sindrome X) è stato coniato per indicare un insieme di fattori di rischio metabolici che si fondono in un singolo individuo. In tempi più attuali, la sindrome metabolica è un termine che si trova in tutta la letteratura medica .

Link sponsorizzati

Le caratteristiche principali della sindrome metabolica sono l’insulino-resistenza , ipertensione (pressione alta), anomalie del colesterolo  e un aumentato rischio di coagulazione. I pazienti sono più spesso in sovrappeso o obesi.

L’insulino-resistenza si riferisce alla diminuita capacità delle cellule di rispondere all’azione dell’insulina nel promuovere il trasporto del glucosio, zucchero, dal sangue nei muscoli e altri tessuti. Per il ruolo centrale che la resistenza all’insulina gioca nella sindrome metabolica, vi invito a leggere questo articolo.

sindromemetabolica2.jpg

Come viene definita la sindrome metabolica?

La definizione di sindrome metabolica dipende da quale gruppo di esperti sta facendo la valutazione. Sulla base delle linee guida nazionali del 2001 Cholesterol Education Program Adult Treatment Panel (ATP III), le tre dei seguenti tratti nello stesso individuo soddisfano i criteri per la sindrome metabolica:

  • Obesità addominale : una circonferenza addominale oltre 102 cm , negli uomini e superiore a 88 cm  nelle donne.
  • Trigliceridi 150 mg / dl o superiore.
  • HDL colesterolo 40mg/dl o inferiore negli uomini e 50mg/dl o inferiore nelle donne.
  • La pressione arteriosa maggiore  o uguale  130/85 .
  • Glicemia a digiuno di 110 mg / dl o superiore. (Alcuni  dicono 100mg/dl)

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha criteri leggermente diversi per la sindrome metabolica:

  • Alti livelli di insulina , una glicemia a digiuno elevata o un aumento di glucosio post pasto da solo o con almeno 2 dei seguenti criteri:
  • l’obesità addominale come definita da un rapporto vita / fianchi superiore a 0,9, un indice di massa corporea di almeno 30 kg/m2 o un giro vita superiore ai 102cm.
  • Colesterolo  che mostra un livello di trigliceridi di almeno 150 mg / dl o un colesterolo HDL inferiore a 35 mg / dl.
  • La pressione arteriosa di 140/90 o maggiore (o in trattamento per l’ipertensione).

Quanto è diffusa la sindrome metabolica?

La sindrome metabolica è abbastanza comune. Circa il 20% -30% della popolazione nei paesi industrializzati soffre di sindrome metabolica. Entro il 2012, la sindrome metabolica si pensa possa influenzare 50-70.000.000 persone in europa.

Quali sono le cause della sindrome metabolica?

Come è vero per molte condizioni mediche, la genetica e l’ambiente giocano un ruolo importante  nello sviluppo della sindrome metabolica.

I fattori genetici influenzano ogni singolo componente della sindrome. La componente famgliare gioca un ruolo importante, infatti ogni fattore  che includa diabete di tipo 2 , ipertensione, o problemi cardiaci aumenta notevolmente la probabilità che un individuo svilupperà la sindrome metabolica.

Le questioni ambientali come lo stile di vita sedentario e il progressivo aumento di peso  possono contribuire in modo significativo al rischio di sviluppare la sindrome metabolica.

La sindrome metabolica è presente in circa il 5% delle persone con peso corporeo normale, nel 22% di coloro che sono in sovrappeso e il 60% di quelli considerati obesi. Gli adulti che continuano a ingrassare di cinque o più chili all’anno aumentano il loro rischio di sviluppare la sindrome metabolica fino al 45%.

Mentre la stessa obesità è probabilmente il più grande fattore di rischio , altri fattori  importanti sono:

  • Donne che sono in post-menopausa
  • Fumo
  • Dieta troppo ricca di carboidrati
  • Mancanza di attività (anche senza variazione di peso)
  • Bere alcol

Perché è importante  sapere bene cosa è la sindrome metabolica?

La sindrome metabolica è è una condizione che può aprire la strada a diabete e malattie cardiache, due delle più comuni e importanti malattie croniche di oggi.

La sindrome metabolica aumenta il rischio di diabete di tipo 2 (il tipo comune di diabete) di quasi il 30% . Questo è un enorme aumento. Per quanto riguarda il rischio di malattie cardiache, studi variano, ma la sindrome metabolica sembra aumentare il rischio di 2-4 volte  rispetto alla popolazione normale.

Ci sono anche altre preoccupazioni  che dovrebbero essere menzionate. La sindrome metabolica è associata ad accumulo di grasso nel fegato , con conseguente infiammazione e la potenziale  cirrosi . I reni possono essere colpiti, in quanto vi è un’associazione con microalbuminuria, la perdita di proteine nelle urine che ci da quindi una sottile ma chiara indicazione di danno renale.

Altri problemi associati alla sindrome metabolica comprendono , la sindrome dell’ovaio policistico, aumentato rischio di demenza con l’invecchiamento, e il declino cognitivo negli anziani.

Come viene trattata la sindrome metabolica?

Gli obiettivi principali sono per il trattamento per la causa della sindrome, e inoltre  trattare i fattori di rischio cardiovascolare se persistono. Come è stato discusso, la maggior parte delle persone con sindrome metabolica sono in sovrappeso e conducono una vita sedentaria.
Modificare lo stile di vita è il trattamento preferito nella sindrome metabolica. La riduzione del peso di solito richiede un programma specificamente concepito e poliedrico che comprenda  dieta e esercizio fisico. A volte i farmaci possono essere utili.

Dieta

Una discussione dettagliata di terapie alimentari , pro e contro dei vari ecc  è oltre la portata di questo articolo. Tuttavia, vi è ormai una tendenza verso l’uso di una dieta mediterranea.

La dieta mediterranea è appetibile e facilmente sostenuta. Inoltre, studi recenti hanno dimostrato che rispetto ad una dieta a basso contenuto di grassi, le persone con la dieta mediterranea hanno una maggiore riduzione del peso corporeo, ed inoltre hanno avuto i maggiori miglioramenti nel controllo della pressione sanguigna, nei livelli di colesterolo e negli altri marcatori di malattie cardiache, tutti elementi  che sono importanti nella valutazione e nel trattamento della sindrome metabolica.

Esercizio

Vi è un effetto benefico dell’esercizio fisico sulla pressione sanguigna,nei livelli di colesterolo e la sensibilità all’insulina, indipendentemente dal fatto che la perdita di peso sia raggiunta o meno. Pertanto, l’esercizio fisico di per sé è uno strumento utile nel trattamento della sindrome metabolica.

Interventi di chirurgia estetica per rimuovere il grasso

La liposuzione purtroppo non ha mostrato nessun beneficio sulla riduzione dei fattori di rischio citati in precedenza. Quindi dieta ed esercizio fisico rimangono ancora l’unica scelta.

Che cosa succede se i cambiamenti dello stile di vita non sono sufficienti per trattare la sindrome metabolica?

Se il paziente ha già avuto un attacco di cuore , il colesterolo LDL (“cattivo”)  deve essere ridotto al di sotto 100mg/dl. (Alcuni esperti dicono che ora dovrebbe essere sotto 70mg/dl.) Una persona che ha il diabete ha un rischio di attacco di cuore equivalente a quello di una persona che  ne ha già avuto uno,  così dovrebbero essere trattati nello stesso modo. Ciò che rimane controversa è se la sindrome metabolica dovrebbe essere considerata un equivalente coronarico o meno. Se si ha la sindrome metabolica, una discussione dettagliata sulla terapia lipidica è necessaria tra voi e il vostro medico, in quanto ogni individuo è unico.

Gli obiettivi sul controllo della pressione arteriosa sono generalmente inferiore a quelli fissati su 130/80. Alcuni farmaci per la pressione sanguigna possono offrire più di un semplice abbassamento della pressione . Ad esempio, una classe di farmaci chiamati  ACE-inibitori è stato riscontrato che possono aiutare a ridurre anche i livelli di resistenza all’insulina e di fatto impedire lo sviluppo del diabete di tipo 2. Questa è una considerazione importante quando si parla della scelta dei farmaci per la pressione arteriosa nella sindrome metabolica.

La scoperta che un farmaco prescritto per una condizione,  ha altri effetti benefici non è nuova. Farmaci usati per trattare lo zucchero nel sangue  e l’insulino-resistenza possono avere effetti benefici sulla pressione sanguigna e sui profili del colesterolo. Una classe di farmaci chiamati tiazolidinedioni ( Pioglitazone (Actos)e Rosiglitazone (Avandia)) possono anche ridurre lo spessore delle pareti delle arterie carotidee, anche se le restrizioni sono state poste dalla FDA statunitense per l’uso di rosiglitazone (Avandia), a causa di un riferito aumento di infarto e altri eventi cardiovascolari nei pazienti che assumono questo farmaco.

La Metformina (Glucophage), di solito usata per il trattamento del diabete di tipo 2, inoltre è utile per aiutare a prevenire l’insorgenza del diabete nelle persone con sindrome metabolica. Tuttavia, non esistono attualmente  linee guida sul trattamento dei pazienti con sindrome metabolica e metformina, se non hanno un diabete conclamato.

Referenze »

Meigs JB. La sindrome metabolica (sindrome da insulino-resistenza o sindrome X). http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 15 agosto, 2011.
La sindrome metabolica. National Heart, Lung,  http://www.nhlbi.nih.gov/health/dci/Diseases/ms/ms_all.html. Consultato il 15 agosto, 2011.
Alberti KG, et al. Armonizzare la sindrome metabolica: una dichiarazione intermedia comune della Task force internazionale Diabetes Federation su Epidemiologia e Prevenzione, National Heart, Lung, and Blood Institute, American Heart Association, World Heart Federation, Atherosclerosis Society internazionale, e dell’Associazione Internazionale per lo Studio dell’Obesità . Circolazione. 2009; 120:1640.
Grundy SM, et al. La diagnosi e la gestione della sindrome metabolica: An American Heart Association / National Heart, Lung, and Blood Institute istruzione scientifica. Circolazione. 2005; 112:2735.
Steinberger J, et al. I progressi e le sfide nella sindrome metabolica nei bambini e negli adolescenti. Circolazione. 2009; 119:628.
Obiettivo per un peso sano. National Heart, Lung, and Istituto di Sangue. http://www.nhlbi.nih.gov/health/public/heart/obesity/lose_wt/risk.htm. Consultato il 15 agosto, 2011.
Lear SA, et al. Adeguatezza della circonferenza della vita e la vita-fianchi rapporto tagli per i diversi gruppi etnici. European Journal of Clinical Nutrition. 2010

Link sponsorizzati