Ipoglicemia : cause e rimedi


L’ipoglicemia è la sindrome clinica che deriva da un calo dello zucchero nel sangue. I sintomi di ipoglicemia possono variare da persona a persona, così come la gravità. Classicamente, l’ipoglicemia è caratterizzata da  sintomi che si risolvono quando il livello di zucchero ritorna a valori normali.

Link sponsorizzati

Chi è a rischio di ipoglicemia?

Mentre i pazienti che non hanno problemi metabolici possono comunque soffrire  di ipoglicemia, l’ipoglicemia vera di solito si verifica in pazienti in trattamento per il diabete (tipo 1 e tipo 2). I pazienti con pre-diabete che sono insulino-resistenti possono avere episodi di questo tipo anche se i loro livelli circolanti di insulina sono elevati , questo si verifica in periodi prolungati di digiuno o mal nutrizione(diete mal fatte).

Ci sono altre cause rare di ipoglicemia, come i tumori che producono insulina (insulinoma) e  alcuni farmaci. Queste cause non comuni di ipoglicemia non saranno discusse in questo articolo, che si incentrerà principalmente sull’ipoglicemia che si verifica con diabete mellito e il suo trattamento.

ipoglicemia.jpg

Nonostante i  progressi nel trattamento del diabete, episodi di ipoglicemia sono spesso il fattore limitante per raggiungere un controllo ottimale della glicemia. Negli studi su larga scala, cercando in uno stretto controllo sia di tipo 1 e diabete di tipo 2, il cado degli zuccheri nel sangue si è verificato più spesso nei pazienti che sono stati gestiti più intensamente. Questo è importante per i pazienti e medici da riconoscere, tanto più che l’obiettivo per il trattamento dei pazienti con diabete è di mantenere quanto più stretto controllo degli zuccheri nel sangue.

Perchè lo zucchero nel sangue è così fondamentale?

Il corpo ha bisogno di carburante per funzionare. Una delle sue fonti di combustibile principale è lo zucchero,  sia come zucchero semplice o carboidrati complessi. Per le situazioni di emergenza (come il digiuno prolungato), il corpo immagazzina una scorta di zucchero nel fegato sotto forma di glicogeno.

Se questo stick di gliconeno è necessario, il corpo passa attraverso un processo biochimico chiamato gluco-neo-genesi (che significa creare zucchero) e converte questi depositi di glicogeno in zucchero. Questo processo di backup sottolinea che la fonte del combustibile di zucchero è importante.

Di tutti gli organi del corpo, il cervello dipende dallo zucchero in maniera importante. Raramente, se assolutamente necessario, il cervello utilizza chetoni come fonte di energia, ma questo non è preferibile.  Se per qualche ragione, il livello di glucosio nel sangue diminuisce , vi possono essere effetti sulla funzione del cervello

Può il corpo proteggersi dall’ipoglicemia?

Quando il livello di glucosio nel sangue circolante diminuisce, il cervello in realtà può arrivare alla perdita dei sensi. Il cervello invia dei messaggi che innescano una serie di eventi, inclusi i cambiamenti nel sistema nervoso e ormonale risposte che hanno lo scopo di aumentare i livelli di glucosio nel sangue.

Diminuisce la secrezione di insulina e di ormoni che promuovono livelli più alti di glucosio nel sangue, come il glucagone , il cortisolo,l’ormone della crescita e aumenta l’adrenalina . Come accennato sopra, c’è una riserva nel fegato di glicogeno, che può essere convertita in glucosio rapidamente.

Oltre ai processi biochimici che si verificano, l’organismo inizia ad avvisare consapevolmente la persona interessata che si ha bisogno di cibo, provocando i segni ei sintomi di ipoglicemia discussi di seguito.

Quali sono i sintomi di ipoglicemia, e quando è troppo bassa?

La risposta biochimica del corpo all’ipoglicemia inizia di solito quando gli zuccheri sono in discesa sotto i 70. A questo punto, il fegato rilascia i suoi depositi e gli ormoni citati precedentemente iniziano da attivarsi. In molte persone, questo processo avviene senza alcun sintomo clinico. La quantità di insulina prodotta  declina nel tentativo di impedire un ulteriore calo in glucosio.

Mentre vi è un certo grado di variabilità tra le persone, la maggior parte dei sintomi suggestivi di ipoglicemia avviene quando i livelli di glucosio nel sangue si abbassano tra i 50 e i 60. La prima serie di sintomi sono chiamati adrenergici (o simpatici) . I pazienti possono sperimentare una delle seguenti condizioni;

  • nervosismo
  • sudorazione
  • intensa fame
  • tremori
  • debolezza
  • palpitazioni
  • spesso hanno difficoltà a parlare

Nella maggior parte dei pazienti, questi sintomi sono facilmente riconoscibili. La grande maggioranza dei pazienti con diabete sperimenta questo grado di ipoglicemia solo se sono in cura con insulina o farmaci ipoglicemizzanti. I pazienti  con elevati livelli circolanti di insulina che digiunano o abbassano drasticamente l’assunzione di carboidrati devono essere sempre avvertiti di questo pericolo. Questi individui possono anche sperimentare ipoglicemia modesta.

Chiunque abbia sperimentato un episodio di ipoglicemia descrive un senso di urgenza di mangiare e di risolvere i sintomi. E, questo è esattamente il punto di questi sintomi. Essi agiscono come segnali di allarme. A questo livello, il cervello ancora in grado si usare lo zucchero circolante nel sangue lancia un allarme. I sintomi forniscono una chiarissima richiesta alla persona  di aumentare i livelli di glucosio nel sangue prima che il cervello ne sia influenzato.

Se una persona non ha o non può  mangiare qualcosa per aumentare il glucosio nel sangue, i livelli di glucosio continuano a calare.  A questo punto, i sintomi progrediscono fino a dare confusione , sonnolenza, cambiamenti nel comportamento, coma e convulsioni .

Come viene trattata l’ipoglicemia?

La gestione della fase acuta di ipoglicemia comporta la rapida somministrazione di una fonte di  zuccheri a rapido assorbimento. Un bevanda gassata, succhi di frutta, zucchero da tavola, e simili sono buone opzioni. In generale, 15 grammi di glucosio è la dose suggerita (regola del 15 che i diabetici conoscono molto bene), seguita da una valutazione dei sintomi e un controllo della glicemia, se possibile. Se dopo 10 minuti non vi è alcun miglioramento, un altro 10-15 grammi di zucchero dovrebbe essere somministrato. Questo può essere ripetuto fino a tre volte. A quel punto, il paziente deve essere considerato come un caso che non risponde alla terapia e deve immediatamente essere ospedalizzato.

L’equivalenza di 10-15 grammi di glucosio (porzioni approssimative) sono:

  • 4 cucchiaini di zucchero
  • 1 / 2 lattina di cola o succo di frutta

A molta gente piace l’idea di trattare l’ipoglicemia con dolci e biscotti . Tuttavia, lo zucchero sotto forma di carboidrati complessi o zuccheri combinati con grassi e proteine sono  assorbiti troppo lentamente per essere utili nel trattamento acuto di ipoglicemia.

Una volta che l’episodio acuto è stato trattato, un sano pasto con  carboidrati ad azione prolungatadeve essere cnsumato , per mantenere la glicemia stabile. Mezzo panino è una scelta ragionevole.

Se l’episodio di ipoglicemia è progredito al punto in cui il paziente non può ingerire nulla(perdita di coscienza), misure più drastiche saranno necessarie. In molti casi, un familiare o un compagno di stanza possono essere addestrati nell’uso del glucagone. Il glucagone provoca un rapido rilascio di depositi di glucosio dal fegato.

Si tratta di una iniezione per via intramuscolare . Una risposta di solito è vista in pochi minuti e dura per circa 90 minuti. Ancora una volta, una fonte di carboidrati a rilascio graduale dovrebbe poi essere somministrato per aiutare a mantenere i livelli di zucchero nel sangue nel range di sicurezza.

Se il glucagone non è disponibile e il paziente non è in grado di prendere nulla per via orale, i servizi di emergenza (118) dovrebbero essere chiamati immediatamente. Una via di somministrazione endovenosa di glucosio dovrebbe essere data al più presto.

Con una storia di ricorrenti episodi di ipoglicemia, il primo passo nel trattamento è quello di valutare se l’ipoglicemia è legata ai farmaci o al trattamento insulinico. I pazienti con ricorrente ipoglicemia possono beneficiare di un aggiustamento della dose dei farmaci. E ‘importante che i pazienti  controllino il valore  del glucosio nel sangue  più volte al giorno per aiutare definir ebene la terapia farmacologica.

C’è qualcos’altro che si deve fare per gestire l’ipoglicemia?

Pazienti a rischio di ipoglicemia dovrebbero essere avvertiti e consigliati sui rischi nel guidare le automobili, utilizzare macchinari pesanti, o fare qualsiasi cosa fisicamente stressante. Inoltre, i pazienti devono portare con loro una  fonte di glucosio-rapido (come quelli menzionati sopra) in ogni momento, della giornata e ovunque siano. Occorre compiere piccoli sforzi per ridurre al minimo gli effetti ipoglicemici dati dai farmaci o da altre attività. Una buona dieta che sia basata sulla ripartizione dei macronutrienti con carboidrati complessi può sicuramente essere d’aiuto, per ogni dubbio o consiglio dovete sempre consultare il medico.

Referenze »

Guida per il paziente sulla diagnosi e la gestione dei disturbi ipoglicemici (zucchero nel sangue) negli adulti. L’ormone della Fondazione. Consultato il 12 nov 2011.
Aminoff MJ, et al. Disturbi della funzione cognitiva. Clinica Neurologica. 7a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=5143601.
Consultato il 16 NOVEMBRE 2011.
Ipoglicemia. Istituto Nazionale del Diabete e Malattie Digestive e Renali. http://diabetes.niddk.nih.gov/dm/pubs/hypoglycemia/index.htm. Consultato il 13 Novembre 2011.
L’ipoglicemia (glucosio nel sangue). American Diabetes Association. Consultato il 13 Novembre 2011.
Cryer PE, et al. Ipoglicemia. In: Longo DL, et al. In linea di Harrison. 18 ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2012. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=9141631. Consultato il 16 novembre 2011.
Josefson J, et al. L’ipoglicemia nel reparto di emergenza. Clinica Medicina d’Emergenza Pediatrica. 2009; 10:285.
Cryer PE. L’ipoglicemia nel diabete di tipo 1. Endocrinologia e Metabolismo Clinics of North America. 2010; 39:641.
Masharani U, et al. Ormoni pancreatici e diabete mellito. In: Gardner DG, et al. Greenspan Basic & Clinical Endocrinology. 9a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=8407307. Consultato il 16 novembre 2011.
Goyal N, et al. Diabete mellito tipo 1. In: Tintinalli JE, et al. Emergenza Tintinalli di Medicina: Una guida di studio completa. 7a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=6379758. Consultato il 16 novembre 2011.
Vella A, et al. L’ipoglicemia e disturbi delle cellule insulari del pancreas. In: Goldman L, et al. Goldman Cecil Medicina. 24a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2011. Consultato il 21 novembre 2011.

Link sponsorizzati