Pitiriasi versicolor : informazioni utili


Cosa è la pitiriasi (o tinea) versicolor? Quali sono i sintomi ?

Link sponsorizzati

La pitiriasi versicolor è una comune infezione fungina che colpisce spesso gli adolescenti e i giovani adulti. Il termine versicolor si riferisce al fatto che essa provoca un cambiamento di colore nella pelle colpita  e può diventare più chiara o più scura rispetto alla pelle circostante. Le zone più comuni  sono le spalle, schiena e torace. A volte, può influenzare anche le pieghe della pelle, come la piega del braccio, la pelle sotto il seno, o l’inguine. La faccia è di solito risparmiata, anche se a volte i bambini possono averne in volto.

lievito.jpg

Quali sono le cause ?

La pitiriasi versicolor è causata da un lievito denominato Malassezia furfur , che vive nella pelle degli adulti. Questo lievito esiste in due forme, una delle quali provoca macchie visibili. I fattori che possono causare questo fenomeno  includono elevata umidità  o anomalie ormonali e immunitarie. Tuttavia, quasi tutte le persone con questa patologia , sono perfettamente sane.

Poiché il fungo Tinea versicolor è parte della pelle adulta normale, questa condizione non è contagiosa.

Le macchine della Tinea versicolor  sono marrone o bruno rossastre, questo fenomeno rimane visibile anche  dopo il trattamento. Va detto comunque che col passare del tempo le macchie tornano allo stato “normale” e si uniformano alla pelle circostante.La Tinea versicolor non lascia danni permanenti alla pelle.

Quali altre condizioni sono simili alla tinea versicolor?

Le seguenti condizioni possono sembrare pitiriasi versicolor ma non lo sono:

  • Pityriasis Alba : Questa è una lieve forma di eczema (osservata nei giovani)

pitiriasi versicolor.jpg
Come viene trattata la pitiriasi versicolor?

Ci sono molti agenti antifungini disponibili, da applicare sulla pelle per il trattamento della tinea versicolor. I rimedi comprendono clotrimazolo e miconazolo . Questi dovrebbero essere applicati due volte al giorno per 10-14 giorni.Un’altra opzione  è lo shampoo al solfuro di selenio 1% o lo shampoo  1% di ketoconazolo . Alcuni medici consigliano l’applicazione di tali preparati per 15 minuti due volte la settimana per un tempo che varia da due a quattro settimane. Altri suggeriscono la loro applicazione, durante la notte e lavarli via la mattina al risveglio  per una settimana. Questo trattamento può risultare irritante.

Ci sono anche molte creme antimicotiche  che possono trattare la tinea versicolor, alcune tra le più usate sono quella al disolfuro di selenio (2,5%) e ketoconazolo .

Il trattamento orale per la tinea versicolor ha il vantaggio della semplicità. Una singola dose di chetoconazolo (marca Nizoral) o cinque dosi giornaliere di itraconazolo (marca Sporanox) sono  terapie che il medico può prescrivere. Alcuni farmaci comuni, come Lipitor usato per abbassare il colesterolo , può interagire con questi farmaci, Dovete quindi sempre comunicare al medico se state assumento farmaci di qualunque tipo.

Cosa accade dopo che la tinea versicolor è stata trattata?

 L’ eruzione di tinea versicolor tende a fermarsi  con discreto successo . Alcune volte però lo scolorimento di alcune zone causate da questo fungo, spesso porta le persone a pensare che la malattia sia ancora presente. In realtà potrebbero essere necessari mesi affinchè il colore della pelle ritorni normale, ma avviene sempre nel 100% dei casi.

La ricaduta dè abbastanza frequente. L’applicazione di solfuro di selenio o ketoconazolo  sulle zone colpite, una volta a settimana può rallentare l’insorgenza di recidive, ma è ingombrante e spesso non ne vale la pena, poiché la condizione può non tornare per un lungo periodo di tempo .

Referenze

Habif TP. Clinica Dermatologia: diagnosi e terapia. 5 ed. Edimburgo, Regno Unito, New York, NY: Mosby Elsevier, 2010. Consultato il 16 Febbraio 2012.
Goldstein BG, et al. Tinea versicolor. http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 16 Febbraio 2012.
Ferri FF. Advisor Clinical Ferri 2012: 5 Books in 1. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2012. Consultato il 16 Febbraio 2012.

Link sponsorizzati