Il TIA: attacco ischemico transitorio


Il ruolo primario del cervello è quello di inviare segnali al corpo per la funzione motoria e per i cinque sensi (vista, udito, tatto, olfatto e gusto), in modo da poter effettuare poi una risposta adeguata agli stimoli. Il cervello elabora le informazioni attraverso il pensiero conscio e inconscio attraverso sistemi nervosi che controllano le funzioni corporee di base, come la frequenza cardiaca, il controllo della temperatura e l’equilibrio.

Link sponsorizzati

Per la maggior parte, il cervello è organizzato in modo che il lato destro del cervello controlli la parte sinistra del corpo e il lato sinistro del cervello controlli la destra del corpo. la vista è situata nella parte posteriore del cervello (occipite) e l’equilibrio e il coordinamento sono situati nella parte inferiore del cervello (cervelletto). L’afflusso di sangue al cervello arriva dalle arterie carotidi che si trovano nella parte anteriore del collo e delle arterie vertebrali che risalgono nella parte posteriore del collo, attraverso piccoli canali della spina dorsale.

rp_tia.jpg

Quando una parte del cervello perde il suo apporto di sangue, avviene una grave  carenza di ossigeno che può danneggiare il tessuto cerebrale. La parte del corpo colpita da questo problema smette di funzionare. Questo è chiamato un ictus o  incidente cerebro-vascolare (CVA). Se il cervello è in grado di riacquistare il suo apporto di sangue velocemente, i sintomi di CVA possono risolversi, questo è noto come un attacco ischemico transitorio (TIA).

Quali sono le cause di attacco ischemico transitorio?

Perdita di sangue a parti del cervello si possono verificare per una serie di motivi. Un vaso  può essere bloccato, o può verificarsi una perdita di sangue dei vasi sanguigni nel cervello (emorragia cerebrale). Più comunemente, il vaso sanguigno viene bloccato. Il blocco può essere causato da un coagulo di sangue che si forma nei vasi sanguigni ( trombosi ) o può essere causato da un coagulo che arriva da altre parti(embolo).

L’Aterosclerosi che è l’indurimento delle arterie può causare formazioni di placche di grasso nelle pareti dei vasi sanguigni. La placche possono rompersi e causare un piccolo coagulo di sangue che può occludere il vaso sanguigno. Il blocco può verificarsi anche quando il lume di una arteria carotidea si restringe, facilitando così che si verifichi una ostruzione della stessa. A volte, nelle persone con un battito cardiaco irregolare chiamata fibrillazione atriale , piccoli coaguli di sangue possono essere formati e viaggiare al cervello e causare l’ostruzione.

L’emorragia cerebrale o sanguinamento nel cervello può essere dovuto ad un aneurisma , un punto debole in un vaso sanguigno che si rompe e versa sangue nel tessuto cerebrale, o può essere dovuto a una emorragia spontanea causata dall’ipertensione scarsamente controllata ( pressione alta ). Va detto però che tali problemi causano più spesso veri e proprio ictus che non dei TIA.


Quali sono i fattori di rischio per L’attacco ischemico transitorio?

I fattori di rischio per il TIA o ictus sono gli stessi di quelli per le altre malattie vascolari. Oltre alla matrice di incidenza famgliare, altri fattori di rischio che il paziente può avere includono:

  • Fumo
  • L’ipertensione
  • Colesterolo alto
  • Diabete

Quali sono i sintomi di un attacco ischemico transitorio?

L’intensità e la posizione della limitazione di sangue al cervello è quella che  determina quali sintomi si presentano come conseguenza di un ictus o di un TIA. Molte persone presentano  confusione , debolezza e letargia. Se la perdita di sangue è in una zona fornita dalle arterie carotidee, una presentazione classica può includere la paralisi, la debolezza e L’intorpidimento di un lato del corpo. Se avvien nel lato sinistro del corpo in cui sono situati i centri del discorso, ci possono essere afasia e afonia. La perdita della vista può fare parte dei sintomi.

E’ importantissimo fare una  distinzione tra ictus e TIA. Per definizione, i sintomi di un TIA si risolvono sempre. Questo si verifica quasi sempre entro i primi minuti dopo l’insorgenza dei sintomi, potrebbero però essere necessarie fino a 24 ore per avere completo ritorno alla normalità.

Un particolare tipo di TIA è il fugax amaurosi. Ovvero la cecità transitoria in un occhio che si verifica perchè un pezzo di placca si rompe e va ad otturare l’arteria retinita dell’occhio.

Come si diagnostica un TIA?

Il TIA viene diagnosticato dalla storia o dall’esame obiettivo. Poiché la maggior parte dei TIA arrivano in ospedale a sintomi risolti, il medico dovrà chiedere parecchi particolari a chi ha assistito all’evento. L’esame fisico comprende una accurata visita neurologica. Questa può includere:

  • Valutare lo stato mentale per accertarsi che il paziente sia vigile e orientato.
  • Valutare i nervi cranici.
  • Ascoltare il collo con uno stetoscopio per rilevare i suoni anomali che potrebbero segnalare il restringimento di un vaso sanguigno (soffi carotidei).
  • Verificare la presenza di un ritmo cardiaco regolare per escludere la presenza di fibrillazione atriale.
  • Esaminare le braccia e le gambe per il tono, potenza e sensazione.
  • Controllare il coordinamento e l’equilibrio.

Se la diagnosi di TIA è sicura, ulteriori test sono di solito raccomandati, tra cui:

  • Elettrocardiogramma (ECG) per confermare una frequenza cardiaca normale
  • La tomografia computerizzata (TAC)
  • Esame Carotideo ad ultrasuoni per cercare restringimento dei grandi vasi sanguigni del collo
  • Se vi è il sospetto che il cuore sia la fonte del problema da dove  è partito il coagulo,  un ecocardiogramma  può essere considerato indispensabile.

Qual è il trattamento per un attacco ischemico transitorio?

Il trattamento per un attacco ischemico transitorio è volto a prevenirne la recidiva o l’ictus . Poiché non c’è modo di determinare la gravità degli episodi futuri e nessuna garanzia sul fatto che i sintomi si risolvano, la prevenzione di un futuro TIA o CVA è fondamentale.

linee guida sul trattamento.

  • La terapia anti-piastrine
  • Se il paziente non stava prendendo aspirina quando il TIA si è verificato, sicuramente verrà intrapresa questa terapia.
  • Se il paziente stava assumendo aspirina, verrà quasi sicuramente aggiunto un altro medicinale chiamato dipiridamolo.
  • Se il paziente non tollera l’aspirina, gli verrà data una terapia alternativa.
  • Anche se il paziente non ha L’ipertensione, ci possono comunque essere vantaggi nel prendere i farmaci anti-ipertensivi.
  •  L’obiettivo per la pressione sanguigna è avere sempre valori normali 120/80
  • Linee guida raccomandano che un farmaco a base di statina debba essere inserito nella terapia, anche se il colesterolo ha livelli  normali.

Fattori di rischio da modificare

  • Fumo, alcool eccessivo, obesità e mancanza di attività fisica sono considerati i rischi per l’ictus.
  • Le seguenti raccomandazioni sono indispensabili:
  • Smettere di fumare ed evitar eil fumo passivbo
  • Smettere di bere ogni tipo di alcolici.
  • Dimagrire se in sovrappeso
  • Praticare esercizio fisico quotidianamente (anche solo 30 min)

Qual è la prognosi per attacco ischemico transitorio?

Un attacco ischemico transitorio deve essere considerato un segnale di avvertimento importante. Fino al 10% delle persone hanno ictus entro tre mesi dal TIA. Poiché non vi è alcun modo di prevedere se il prossimo episodio sarà grave o meno, il paziente ha bisogno di attenersi a tutti i consigli del medico in modo scrupoloso.

Il TIA dovrebbe essere considerato l’equivalente dell’angina del cervello. Nella malattia cardiaca, L’angina è il dolore del cuore che avverte di un potenziale futuro attacco cardiaco. Quando muscolo il cardiaco è danneggiato, non può essere sostituito o riparato. Allo stesso modo, il tessuto cerebrale è a rischio quando  vi è un diminuito apporto di sangue e purtroppo anch’esso non può essere sostituito. Quindi la parola chiave come sempre è prevenzione.

Referenze »

NINDS attacco ischemico transitorio pagina di informazioni. Istituto nazionale dei disordini neurologici e ictus. http://www.ninds.nih.gov/disorders/tia/tia.htm. Consultato il 28 dicembre 2010.
Attacco ischemico transitorio (TIA). Americana Stroke Association. Consultato il 28 dicembre 2010.
Kistler JP, et al. Definizione di attacco ischemico transitorio. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 27 dicembre 2010.
Aminoff MJ, et al. Patologie del sistema nervoso. In: McPhee SJ, et al. Current Medical Diagnosi e trattamento. 50 ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=12696&searchStr=transient+ischemic+attack~~V. Consultato il 28 dicembre 2010.
Kistler JP, et al. Eziologia e manifestazioni cliniche di attacco ischemico transitorio. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 27 dicembre 2010.
Furie KL, et al. Prevenzione secondaria dell’ictus: fattore di riduzione del rischio. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 27 dicembre 2010.
Fattori di rischio di ictus. American Heart Association. http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4716. Consultato il 5 Gennaio 2011.
Goldstein LB, et al. Linee guida per la prevenzione primaria dell’ictus. Stroke. 2011; 42:517.
Kistler JP, et al. La valutazione iniziale e la gestione dell’attacco ischemico transitorio e ictus minore. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 27 dicembre 2010.
Cucchiara B, et al. Attacco ischemico transitorio. Annals of Internal Medicine. 2011; 154 (1): ITC1.
Kistler JP, et al. La prevenzione secondaria per cause specifiche di ictus ischemico e ictus ischemico transitorio. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 27 dicembre 2010.
Trattamento dell’ictus. American Heart Association. http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4724. Consultato il 7 gennaio 2011.
Colesterolo e ictus. National Stroke Association. http://www.stroke.org/site/DocServer/Cholesterol_and_Stroke_2_6-09.pdf?docID=3024. Consultato il 18 gennaio 2011.

Link sponsorizzati