Ictus: impariamo a conoscerlo per prevenirlo


Che cos’è un ictus?

Link sponsorizzati

la funzione delle cellule del cervello richiede una fornitura costante di ossigeno e di glucosio dal sangue. Un ictus, o  accidente cerebrovascolare (CVA), si verifica quando l’afflusso di sangue di una parte del cervello è interrotto, provocando la morte delle cellule cerebrali.
 
Il flusso sanguigno può essere compromesso da una varietà di meccanismi.

Blocco di un’arteria

Il restringimento delle piccole arterie all’interno del cervello possono provocare un ictus lacunare, (lacune significa “spazio vuoto”). Il blocco di una sola arteriola può interessare una piccola zona del cervello e causare necrosi tissutale.

ictus e zone cervello.gif

 

Indurimento delle arterie (aterosclerosi).

Ci sono quattro principali vasi sanguigni che alimentano il cervello. La circolazione anteriore del cervello che controlla L’attività motoria, le sensazione, il pensiero, la parola e le  emozioni viene fornita dalle arterie carotidee. La circolazione posteriore , che irrora il tronco cerebrale ed il cervelletto,  viene fornita dall’arteria vertebro-basilare.
Se queste arterie si restringono a causa di aterosclerosi, o per una placca di colesterolo; alcune placche possono staccarsi, andando quindi ad intasare l’afflusso di sangue di una parte del cervello.

Embolia al cervello.

 In alcuni casi la formazione di coaguli di sangue può avvenire all’interno del cuore, il potenziale che questi coaguli si rompano è elevato, la consegueza di questo è che possono quindi embolizzare, e raggiungere le arterie del cervello causando un ictus.

La rottura di un’arteria (emorragia)

L’emorragia cerebrale (emorragia all’interno della sostanza cerebrale) e’ la causa più comune di sanguinamento cerebrale ed avviene principalmente per l’ipertensione . Altre situazioni simili sono date dagli aneurismi.

Che cosa causa un ictus?

Blocco di un’arteria

Il blocco di un’arteria nel cervello da un coagulo (trombosi) è la più comune causa di un ictus. La parte del cervello che viene rifornita di sangue dal vaso  è quindi priva  di ossigeno. Come risultato di sangue e privo di ossigeno, e le cellule di quella parte del cervello muoiono, così di conseguenza quella parte del corpo regolata da quell’area del cervello smette di funzionare.

I fattori di rischio per questo problema delle arterie del cervello sono gli stessi di quelli che causano restringimento dei vasi sanguigni nel cuore e infarto (infarto miocardico). Questi fattori di rischio includono:

  • pressione arteriosa alta (ipertensione)
  • colesterolo alto
  • diabete
  • fumo e tabacco in generale

Ictus embolico

Un altro tipo di ictus si può verificare quando un coagulo di sangue o un pezzo di placca ateroscleroticha (depositi di colesterolo e di calcio sulla parete  interna del cuore o delle arterie) si stacca, viaggiando attraverso il flusso sanguigno ed entra in un’arteria nel cervello. Quando questo avviene,si ferma il flusso di sangue ele cellule del cervello non ricevono l’ossigeno e il glucosio di cui hanno bisogno per funzionare e si verifica un ictus. Questo tipo di ictus è indicato come un ictus embolico. Ad esempio, un coagulo di sangue potrebbe originariamente formarsi nel cuore come conseguenza di un ritmo cardiaco irregolare e creare una embolia (come avviene nella fibrillazione atriale). Solitamente, questi coaguli rimangono attaccati al rivestimento interno del cuore, ma a volte si possono rompere, e viaggiare attraverso il sangue, formando un tappo (embolia) di un’arteria del cervello, e causare un ictus. Una embolia può anche derivare da una grande arteria (per esempio, l’arteria carotide, una importante arteria del collo).

Emorragia cerebrale

Una emorragia cerebrale si verifica quando un vaso sanguigno nel cervello si rompe e sanguina nel tessuto cerebrale circostante. Una emorragia cerebrale (emorragia nel cervello) provoca i sintomi dell’ictus, privando di sangue e di ossigeno  le parti del cervello in vari modi.

Emorragia subaracnoidea

In una emorragia subaracnoidea, il sangue si accumula nello spazio al di sotto della membrana aracnoide  del cervello. Il sangue proviene da un vaso sanguigno anomalo per perdite o rotture. Spesso si tratta di un aneurisma. L’ emorragia Subaracnoidea  solitamente causa una improvvisa e grave cefalea , nausea, vomito , intolleranza luce, e senzazione di collo rigido. Se non riconosciuta e trattata, può portare a gravi conseguenze neurologiche, come il coma e la morte cerebrale.

Vasculite

Un’altra causa  di ictus è la vasculite , una condizione in cui i vasi sanguigni si infiammano causando riduzione di flusso ematico ai tessuti cerebrali.

Emicrania: mal di testa

Sembra esserci una  corrispondenza tra emicrania e i casi  di ictus. Il meccanismo dell’ emicrania comprende il restringimento dei vasi sanguigni del cervello. Alcuni episodi di emicrania possono anche simulare i sintomi dell’ictus con perdita funzionale di un lato del corpo o della visione. Di solito però i sintomi si risolvono quando il mal di testa si risolve.

Fattori di rischio

Nel complesso, i fattori di rischio più comuni per l’ictus sono:

  • Colesterolo alto
  • Fumo
  • Età.

Disturbi del ritmo cardiaco, come la fibrillazione atriale , forame ovale pervio, e valvulopatia cardiaca possono essere cause scatenanti.

Quando L’ictus si verifica in individui più o meno giovani (meno di 50 anni), i fattori di rischio meno comuni da prendere in considerazione comprendono il consumo di stostanze stupefacenti, aneurismi, e l’ereditarietà di tale patologia.

Un esempio di  predisposizione genetica a ictus si verifica in una rara condizione chiamata omocistinuria, in cui sono presenti livelli eccessivi di omocistina nel corpo. Gli scienziati stanno cercando di determinare se questa predisposizione possa causare ictus ad ogni età.

Che cos’è un attacco ischemico transitorio (TIA)?

Un attacco ischemico transitorio (TIA) è una ischemia che si risolve da sola. Si tratta di un episodio di breve durata (meno di 24 ore) di compromissione temporanea. Un TIA comporta una perdita funzionale nella zona del corpo cirrispondente alla parte del cervello colpita. La perdita di afflusso di sangue al cervello è molto spesso causata da un coagulo che si forma spontaneamente in un vaso sanguigno all’interno del cervello (trombosi). Tuttavia, può anche derivare da un coagulo che si forma in altre parti del corpo.

Alcuni TIA si sviluppano lentamente, mentre altri più rapidamente. Per definizione, tutti i TIA si risolvono entro 24 ore. L’ictus non si risolve in così poco tempo e purtroppo la funzionalità  della zona colpita è spesso gravemente compromessa. Sebbene la maggior parte dei TIA durino solo pochi minuti, tutti i TIA devono essere valutati con la stessa urgenza,  nel tentativo di prevenire le recidive e / o ictus. Il TIA si può verificare una sola volta, o più volte. Un attacco ischemico transitorio dovrebbe essere considerato una situazione di emergenza perché non vi è alcuna garanzia che la situazione si risolva e non degeneri.

Un TIA dato da un coagulo nei vasi sanguigni che irrorano la retina può causare una temporanea perdita visiva (amaurosi fugace), che viene spesso descritta come la sensazione di un sipario che scende. Un TIA che coinvolge l’arteria carotide  può produrre problemi di movimento  su un lato del corpo, che si riscontra nel lato opposto ove avviene il blocco (se il blocco prende l’area destra del cervello, ne risentirà la parte del  sinistra del corpo).

Sintomi

Quando le cellule cerebrali sono private di ossigeno, cessano di svolgere i loro compiti abituali. I sintomi che seguono ad un episodio di ictus dipendono dalla zona del cervello che è stata colpita e dall’importo del danno del tessuto cerebrale.

Piccoli ictus possono anche non  causare alcun sintomo, ma possono comunque danneggiare il tessuto cerebrale. Questi episodi che non causano sintomi sono indicati come ictus silenziosi.

 Questi sono i cinque principali segnali dell’ictus:

  • Improvviso intorpidimento o debolezza degli arti, braccio o gamba  e del viso, specialmente su un lato del corpo. La perdita del movimento volontario  che può  essere completa o parziale. Può presentarsi anche una sensazione di formicolio  nella zona interessata.
  • Improvvisa confusione o difficoltà a parlare e a capire. A volte la debolezza dei muscoli del viso può causare perdita di saliva .
  • Improvvisa difficoltà a vedere in uno o entrambi gli occhi
  • Improvvisa difficoltà a camminare , vertigini , perdita di equilibrio o di coordinazione
  • Improvviso,  mal di testa (attenzione il mal di testa ha varie cause non pensate che ogni mal di testa sia un ictus)

Cosa si deve fare se si sospetta  un ictus?

Se uno qualsiasi di questi  sintomi sopra citati   appare all’improvviso, cercare immediatamente assistenza medica. La prima azione dovrebbe essere quella chiamare immediatamente il 118. L’obiettivo è quello di portare la persona in ospedale il più velocemente possibile per confermare la diagnosi. Una visita immediata al pronto soccorso è indispensabile per determinare se i farmaci trombolitici  possono potenzialmente invertire il decorso dell’ictus. C’è una finestra di opportunità molto limitata dalla comparsa dei primi sintomi al momento in cui questa terapia può essere utilizzata. Se si verificano ritardi, la possibilità di intervenire è pressochè nulla.

La prima priorità è garantire che l’ambulanza arrivi al più presto possibile, in quanto i soccorritori a seconda della valutazione effettuata dovrebbero avvertire la centrale operativa del 118, e se  è il caso richidere l’uscita dell’automedica.

In attesa che l’ambulanza arrivi, i seguenti suggerimenti di primo soccorso  possono essere utili:

La persona interessata deve essere sdraiata per promuovere un flusso ottimale di sangue al cervello.

Se ha sonnolenza, assenza di reazione, o nausea, la persona dovrebbe essere messa nella posizione laterale di sicurezza

Cosa si può fare per prevenire un ictus?

Per prevenire un ictus si deve agire sui fattori che possono provocarlo.

L’alta pressione sanguigna

Le  probabilità di  ictus possono essere notevolmente ridotte controllando i fattori di rischio. Il fattore di rischio più importante per l’ictus è la pressione alta . Quando la pressione sanguigna  è costantemente  alta, grosso modo superiore a 130/85, il rischio di ictus aumenta in proporzione al grado con cui la pressione arteriosa è elevata. Una gestione ottimale dei valori pressori, garantisce un’ottima prevenzione.

Fumo

Un  importante fattore di rischio è il fumo di sigaretta. I prodotti chimici nelle sigarette sono associati con L’aterosclerosi e il restringimento delle arterie nel corpo. Questo restringimento, nella carotide può coinvolgere grandi arterie e  piccole arterie all’interno del cervello. Il fumo è un fattore di rischio importante sia nell’ictus che nell’infarto.

Diabete

 Il diabete provoca una alterazione dei piccoli vasi. Quando questo avviene all’interno del cervello, possono verificarsi episodi di ictus. Un buon controllo dello zucchero nel sangue è importante nel ridurre il rischio di ictus nelle persone con diabete.

Colesterolo alto

Il colesterolo e i trigliceridi nel sangue sono fattori di rischio importanti per la formazione di placche all’interno dei vasi. Una dieta sana e i giusti farmaci possono contribuire a normalizzare un elevato livello di colesterolo nel sangue.

Anticoagulanti

Un battito cardiaco irregolare e nello specifico la fibrillazione atriale,  può causare la formazione di coaguli sanguigni all’interno del cuore. Questi possono staccarsi e viaggiare o embolizzare ai vasi sanguigni nel cervello bloccando il flusso sanguigno e causando un colpo apoplettico.

Terapia antiaggregante piastrinica

 Molti pazienti con ictus e TIA possono trarre beneficio da “antiaggreganti piastrinici” farmaci che possono ridurre il rischio di coagulazione e, potenzialmente, ridurre il loro rischio di subire un altro evento cerebrovascolare. Questi farmaci agiscono sulle piastrine per diminuire la loro viscosità e ridurre la tendenza alla coagulazione del sangue.

Endoarteriectomia carotidea

 In molti casi, una persona può subire un TIA o un ictus a  causa del restringimento  delle arterie carotidi. Se non trattato, i pazienti con queste condizioni hanno un rischio maggiore di ischemie cerebrali. Un’operazione chirurgica  che ripulisce l’arteria carotide e ripristina il flusso sanguigno a livelli normali, è conosciuta come un endoarterectomia carotidea . Questa procedura ha dimostrato di ridurre notevolmente l’incidenza di recidive di ictus. Nei pazienti che hanno questo problema, ma senza sintomi, questa operazione può essere indicata, al fine di prevenire il verificarsi di un primo ictus.

Referenze Sources

Link sponsorizzati