Angina pectoris: sintomi, cause, cure e chirurgia


Introduzione al dolore anginoso

Link sponsorizzati

Il dolore toracico è un sintomo comune che è causato da diverse condizioni. Alcune cause richiedono un pronto intervento  medico, come l’angina,  l’attacco cardiaco , o la lacerazione dell’aorta. Altre cause di dolore toracico potrebbero non  richiedere un intervento medico immediato tipo lo  spasmo dell’esofago,  o infiammazione della parete toracica. Una diagnosi accurata è importante nel fornire il trattamento adeguato ai pazienti con  dolore toracico.

La diagnosi e il trattamento dell’angina verranno discussi di seguito, così come la diagnosi e le  altre cause di dolore toracico.

Che cosa è l’angina ?

L’Angina (angina pectoris – dal Latino  dolore al petto) è un  fastidio al torace che si verifica quando vi è una diminuzione di  ossigeno nel sangue ad una zona del muscolo cardiaco. Nella maggior parte dei casi, la mancanza di sangue è dovuta ad un restringimento delle arterie  coronarie a causa di arteriosclerosi.

angina pectoris.jpg

Sintomi

  • Pressione al petto
  • Pesantezza al torace
  • Costrizione toracica
  • Dolore al petto, in particolare dietro lo sterno.
  • Questo dolore spesso si irradia al collo, alla mandibola, braccia, schiena, o anche ai denti.

I pazienti possono anche presentare:

  • indigestione
  • bruciore di stomaco
  • debolezza
  • sudorazione
  • nausea
  • crampi
  • mancanza di respiro

L’angina di solito si verifica durante uno sforzo fisico, grave stress emotivo  o dopo un pasto pesante. Durante questi periodi, il muscolo cardiaco aumenta le  richieste di ossigeno nel sangue in quantitativo superiore a quello che le arterie coronarie ridotte di calibro sono in grado di fornire. L’angina dura  in genere da 1 a 15 minuti ed è alleviata dal riposo o mettendo una compressa di nitroglicerina  sotto la lingua. La nitroglicerina rilassa i vasi  sanguigni e abbassa la pressione sanguigna. quindi diminuisce   la richiesta di ossigeno, in modo da alleviare il dolore.

L’angina è classificata in  due tipi: 1 angina stabile o 2 angina instabile.

Angina stabile

L’angina stabile è il tipo più comune di angina, e ciò che  la gente intende quando si riferisce all’angina. Le persone con angina stabile hanno sintomi  di angina in maniera regolare ed i sintomi sono un po’ prevedibili (ad esempio, camminare su una rampa di scale provoca dolore al petto). Per la maggior  parte dei pazienti, i sintomi si verificano durante lo sforzo e di solito durano meno di cinque minuti. Sono alleviati dal riposo o dai farmaci, come la  nitroglicerina .

Angina instabile

L’angina instabile è meno frequente e più grave. I sintomi sono più gravi e meno prevedibili rispetto all’angina stabile. Inoltre, i dolori sono più  frequenti, durano più a lungo, si verificano a riposo, e non vengono alleviati dalla nitroglicerina sotto la lingua (o si necessita di dosaggi  maggiori). L’angina instabile non è  un attacco di cuore , ma esisge una visita immediata in ospedale. L’angina instabile è spesso un precursore di un  attacco di cuore.

Cause

La più comune causa di angina è la malattia coronarica. Una causa meno comune di angina è lo spasmo delle arterie coronarie.

Malattia coronarica

Le arterie coronarie forniscono  sangue ossigenato al muscolo cardiaco. La malattia coronarica si sviluppa quando il colesterolo si deposita nella  pareti dell’arterie, causando la formazione di una dura, spessa placca di colesterolo . L’accumulo di placche di colesterolo nel tempo, provoca il  restringimento delle arterie coronarie, un processo chiamato arteriosclerosi. L’Arteriosclerosi può essere accelerata dal fumo , pressione alta ,  colesterolo e diabete . Quando le arterie coronarie si restringono di oltre il 50% o 70%, non possono più soddisfare la maggiore richieste di ossigeno   da parte del muscolo cardiaco durante l’ esercizio o lo stress . La mancanza di ossigeno al muscolo cardiaco provoca dolore al petto (angina).

Spasmo coronarico

Le pareti delle arterie sono circondati da fibre muscolari. La rapida contrazione di queste fibre muscolari provoca un restringimento improvviso (spasmo) delle arterie. Uno spasmo delle arterie coronarie riduce l’afflusso di sangue al muscolo cardiaco e  causa dolore anginoso. L’angina come risultato di uno spasmo coronarico è chiamata angina “variante” o angina di Prinzmetal.L’angina di  Prinzmetal in genere si verifica a riposo, di solito nelle prime ore del mattino. Gli spasmi possono verificarsi in arterie coronarie normali e in quelle ridotto calibro.

Lo spasmo coronarico può essere causato anche da un uso / abuso di cocaina . Lo spasmo della parete arteriosa causato dalla cocaina può essere così  significativo che esso può effettivamente causare un attacco cardiaco.

Quali sono le altre cause di dolore toracico?

Nella cura dei pazienti con dolore toracico , il medico distingue se il dolore è legato alla mancanza di ossigeno al muscolo cardiaco (come in un attacco di cuore o di angina), o  a carico di un altro processo. Molte condizioni  possono causare dolore al petto che è simile a quello di un  attacco di cuore o angina. Alcuni esempi sono i seguenti:

  • Pleuriti: L’Infiammazione del rivestimento dei polmoni ( pleurite ) causa dolore toracico acuto, che è aggravato dalla respirazione profonda e  tosse . I pazienti spesso presentano  mancanza di respiro , in parte a causa della loro respirazione superficiale per minimizzare il dolore toracico.  Le infezioni virali sono le cause più comuni di pleurite. Altre malattie infiammatorie sistemiche, come il lupus sistemico , possono  causare la  pleurite.
  • Pericardite: pericardite è l’infiammazione del rivestimento intorno al cuore. I sintomi di pericardite sono simili a quelle di pleurite.
  • Polmonite : La polmonite (infezione batterica del polmone) provoca febbre e dolore toracico. Il dolore toracico nella polmonite batterica è dovuto a una  irritazione o infezione del rivestimento del polmone (pleura).
  • Embolia polmonare: coaguli di sangue dalle vene viaggiano degli arti inferiori fino al polmone, la condizione è detta embolia polmonare .  L’embolia polmonare può causare la morte del tessuto polmonare (infarto polmonare). l’infarto polmonare può causare irritazione della pleura, provocando  dolore al petto simile alla pleurite. Alcune cause comuni di grumi di sangue in queste vene sono la trombosi venosa profonda (immobilità prolungata, recente intervento chirurgico, trauma alle gambe, o infezione pelvica).
  • Pneumotorace: La parte dove avvengono gli scambi gassosi polmonari (alveoli) può spontaneamente esplodere, causando un pneumotorace . I Sintomi di pneumotorace sono improvvisi, grave dolore toracico acuto e mancanza di respiro. Una causa comune di pneumotorace è l’enfisema .
  • Prolasso della valvola mitrale: Il prolasso della valvola mitrale è una comune anomalia delle valvole cardiache, che colpisce il 5% al 10% della  popolazione. è particolarmente diffusa tra le donne in età compresa tra  i 20 ei 40 anni . Il dolore toracico  è in genere acuto, ma non grave. A  differenza dell’angina, il dolore al torace  raramente si verifica durante o dopo l’esercizio , e di solito non risponde a trattamento con nitroglicerina.
  • Dissezione aortica: L’aorta è il principale vaso sanguigno che va dal ventricolo sinistro al resto del corpo. La dissezione aortica (lacerazione  della parete aortica) è una minaccia per la vita . La dissezione aortica causa dolore al torace e inesorabile dolore alla schiena. Giovani e adulti con dissezione aortica di solito hanno la sindrome di Marfan , una malattia ereditaria in cui una forma anomala della proteina chiamata collagene  causa  debolezza strutturale della parete aortica. I pazienti più anziani sviluppano dissezione aortica in genere a causa della ipertensione cronica,  oltre a L’indurimento generalizzato delle arterie (arteriosclerosi).
  • Costocondrite: Fratture costali, deformazione o spasmi muscolari: il dolore proveniente dalla parete toracica può essere dovuta a tensione o spasmi  muscolari, costocondrite , o fratture costali . Il dolore della parete toracica è solitamente  netto e costante. Di solito è aggravato da movimenti,  tosse, respirazione profonda, e la pressione diretta sula zona interessata. Lo spasmo muscolare e la tensione possono derivare da una vigorosa, torsione o da flessione insolita( in sostanza movimenti errati). I giunti tra le coste e la cartilagine vicino alla sterno possono infiammarsi, dando quindi luogo ad una condizione chiamata costocondrite. Coste fratturate derivanti da traumi o tumori possono causare dolore toracico anche molto importante.
  • Herpes zoster: L’herpes zoster  può causare dolore toracico giorni prima della tipica eruzione cutanea .
  • Spasmo esofageo relfusso: La causa di spasmi muscolari dell’esofago non è nota. Il dolore dello spasmo esofageo può rispondere a nitroglicerina in modo simile come l’angina e causa un dolore simile.Stesso dolore può essere causato dal reflusso gastro esofageo già trattato in precedenza.
  • Colecisti  (calcoli biliari): I calcoli biliari possono bloccare la colecisti o le vie biliari e causare grave dolore all’addome,  schiena e torace. La colica biliare può simulare il dolore dell’angina e infarto.
  • Ansia e attacchi di panico: ansia , depressione e attacchi di panico sono spesso associati a dolore al petto che dura da minuti a giorni. Il dolore può  essere acuto o ottuso. Di solito è accompagnato da mancanza di respiro, o l’impossibilità di fare un respiro profondo. Lo stress emotivo può aggravare il  dolore toracico, ma il dolore non è generalmente collegato a fatica, e non è alleviato da nitroglicerina. Questi pazienti spesso respirano in modo troppo veloce  (iperventilazione), causando così vertigini, intorpidimento e formicolio alle labbra e alle dita. La malattia coronarica è di solito  assente in questi pazienti. Poiché non esiste un test per gli attacchi di panico, i pazienti con dolore toracico sono comunque sempre sottoposti a test medici.

Perché è importante  stabilire cosa causa l’angina?

L’angina di solito è un segnale di avvertimento della presenza di significativa malattia coronarica. I pazienti con angina sono a rischio di sviluppare un  attacco cardiaco (infarto miocardico). Un attacco cardiaco è la morte del muscolo cardiaco accelerato dal blocco completo di una delle arterie coronarie  ostruite da un coagulo di sangue.

Durante l’angina, la mancanza di ossigeno (ischemia) al muscolo cardiaco è temporanea e reversibile. La mancanza di ossigeno al muscolo cardiaco si  risolve  e il dolore al torace scompare quando il paziente si riposa. Al contrario, il danno muscolare in un attacco di cuore è permanente. Il muscolo  morto si trasforma in tessuto cicatriziale . Un cuore ferito non può pompare sangue in modo efficace come un cuore normale, e può portare  ad insufficienza cardiaca .

Fino al 25% dei pazienti con  malattia coronarica non hanno sintomi , anche se chiaramente hanno mancanza un ‘adeguato rifornimento di ossigeno al muscolo cardiaco. Questi pazienti hanno l’angina “silenziosa”. Essi hanno lo stesso rischio di attacco cardiaco, come quelli  con sintomi di angina.

eco stress.gif
Diagnosi

Esistono diversi esami diagnostici che possono aiutare il cardiologo e verificare la presenza di angina, di seguito elenchiamo i più comuni:

Elettrocardiogramma

  • L’ elettrocardiogramma (ECG, ECG) è una registrazione dell’attività elettrica del muscolo cardiaco, e in grado di rilevare se il muscolo cardiaco  ha  bisogno di ossigeno. L’ECG è utile per mostrare i cambiamenti causati dalla insufficiente ossigenazione del muscolo cardiaco o da un infarto.

Stress test

  • In alcuni casi è necessario effettuare ECG sotto stress, quindi si utilizzano tapis roulant o altre attrezzature per ricreare una situazione di affaticamento.

Ecocardiografia da stress

  • L’ecocardiografia da Stress combina ecocardiografia e test da sforzo.   L’eco-stress è più precisa  nella rilevazione di una malattia coronarica.  Anomalie nella contrazione muscolare possono essere rilevata da una ecocardiografia.

Quando un paziente non può subire lo stress test di resistenza fisica a causa di difficoltà neurologica o ortopedica, i farmaci possono essere iniettati  per via endovenosa per simulare lo stress sul cuore normalmente causato da esercizio fisico.

Cateterismo cardiaco

  • Il cateterismo cardiaco  (coronarografia ) è una tecnica che permette di vedere immagini a raggi x per vedere le condizioni delle arterie coronarie. E ‘il test più accurato per rilevare restringimento delle arterie coronarie.

CT angiogramma coronarico

TC coronarica è una procedura che utilizza un colorante per via endovenosa che contiene iodio, e TC per l’immagine delle arterie coronarie. Mentre l’uso  di cateteri non è necessario , vi sono ancora alcuni rischi da prendere in considerazione, tra cui:

  • Pazienti allergici allo iodio
  • I pazienti con funzione renale anormale
  • Esposizione alle radiazioni .

Tuttavia, questo è generalmente un test molto sicuro per molte persone. Si tratta di uno strumento importante nella diagnosi di malattie coronariche in  pazienti ad alto rischio di sviluppare malattia coronarica ( fumatori di sigarette , quelli con rischio genetico, livelli elevati di colesterolo, ipertensione o  diabete ), oppure molto utile in quei pazienti dove  sono risultati poco chiari  i test da sforzo o in altri o che hanno sintomi sospetti di malattia coronarica.

Trattamenti e cure

Le opzioni di trattamento generalmente comprendono:

  • Riposo
  • Farmaci (nitroglicerina, beta-bloccanti , calcio-antagonisti ),
  • Angioplastica transluminale (PTCA)
  • Innesto di bypass coronarico chirurgico .

Esistono tuttavia molte opzioni per il trattamento dell’angina, inclusi i cambiamenti dello stile di vita, farmaci, angioplastica e stenting, o la chirurgia di bypass coronarico. Gli obiettivi del trattamento sono mirati a ridurre la frequenza e la gravità dei sintomi, cercando di impedire che si verifichi un attacco cardiaco o decesso.

Tuttavia, se si dispone di angina instabile o dolore anginoso che è a differenza del solito si verifica a risposo, si devono cercare immediate cure mediche.

Cambiare il proprio stile di vita

Se l’angina è mite, i cambiamenti allo stile di vita possono bastare come unica cura. Tuttavia, anche in casi di angina grave, è fondamentale apportare modifiche alle proprie abitudini. Le modifiche comprendono:

  • Evitare l’esposizione al fumo passivo o smettere di fumare
  • Dimagrire se si è in sovrappeso
  • Controllare il diabete mantenendo un buon livello degli zuccheri nel sangue ( in pazienti diabetici)
  • Poiché angina è spesso causata da sforzo, è utile fermarsi ogni tanto quando si cammina
  • Evitare pasti abbondanti.
  • Evitare lo stress. Anche se non è facile come impresa, il medico può suggerire dei metodi per gestirlo
  • Mangiare una dieta sana con limitate quantità di grassi saturi, ricca di cereali integrali, frutta e verdure.
  • Discutere con il cardiologo un programma di allenamento

Farmaci

In alcuni casi,  i cambiamenti dello stile di vita non aiutano a migliorare l’angina, in questi casi potrebbe essere necessario assumere farmaci. Questi possono includere:

  • Aspirina. L’aspirina riduce la capacità del sangue di coagulare, rendendo più facile per il sangue di fluire attraverso le arterie del cuore. Prevenire la formazione di coaguli del sangue può ridurre il rischio di un attacco di cuore.
  • Nitrati. I nitrati sono spesso usati per trattare l’angina. I nitrati rilassano e allargano i vasi sanguigni, per consentire al sangue di fluire al muscolo cardiaco. Spesso i nitrati si assumono quando si ha dolore al petto o come misura preventiva nelle angine da sforzo. La forma più comune di nitrato utilizzata per trattare l’angina è con compresse di nitroglicerina da mettere sotto la lingua.
  • I beta-bloccanti. Beta bloccanti agiscono bloccando gli effetti della epinefrina, nota anche come adrenalina. Come risultato, il cuore batte più lentamente e con meno forza, riducendo così la pressione sanguigna.
  • Statine. Le statine sono farmaci utilizzati per abbassare il livello di colesterolo nel sangue. Le statine hanno anche molti altri effetti benefici sulle arterie del cuore.
  • Calcio-antagonisti. I bloccanti dei canali del calcio, detti calcio antagonisti, rilassano e allargano i vasi sanguigni influenzando le cellule muscolari nelle pareti arteriose. Questo aumenta il flusso di sangue nel tuo cuore, riducendo o prevenendo un attacco anginoso.
  • Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE). Questi farmaci aiutano a rilassare i vasi sanguigni. Gli CE-inibitori impediscono che un enzima nel corpo prooduca angiotensina II, una sostanza che colpisce il sistema cardiovascolare in numerosi modi, tra cui restringendo i vasi sanguigni. Questo restringimento può causare ipertensione e costringere il cuore a lavorare di più.
  • Ranolazina (Ranexa). Il Ranexa può essere utilizzato da solo o con altri farmaci quali calcio-antagonisti, beta-bloccanti o nitroglicerina. A differenza di alcuni altri farmaci per il trattamento dell’angina,il  Ranexa può essere utilizzato in concomitanza ai farmaci per la disfunzione erettile.

Procedure mediche e chirurgiche

Procedure mediche, come l’angioplastica, stenting e bypass coronarico sono spesso utilizzati per trattare l’angina.

  • Angioplastica e stenting. Durante una angioplastica  un palloncino viene inserito nella arteria che si è ristretta. Il palloncino viene gonfiato per allargare l’arteria, e quindi una piccola bobina di rete metallica (stent) viene generalmente inserita per mantenere aperta l’arteria. Questo procedimento migliora il flusso sanguigno nel cuore, riducendo o eliminando l’angina. L’angioplastica è una buona opzione di trattamento se si dispone di angina instabile o in caso che le modifiche dello stile di vita ed i farmaci nnon diano ebenficio ad una angina cronica o stabile.
  • By-pass coronarico. Durante l’intervento chirurgico di bypass coronarico, una vena o un’arteria da qualche altra parte nel corpo è usata per bypassare un’arteria cardiaca ostruita o ristretta. L’intervento di bypass aumenta il flusso sanguigno al cuore e riduce o elimina l’angina. Si tratta di una opzione di trattamento per l’angina che non ha risposto ad altri trattamenti.

Medicina alternativa

Supplementi che possono contribuire a migliorare il trattamento dell’angina includono:

  • L-arginina
  • L-carnitina

Entrambi questi integratori possono contribuire a ridurre il gonfiore nelle arterie. Prima di aggiungere uno di questi integratori per il trattamento, chiedere consiglio al cardiologo. Gli integratori possono interagire con altri farmaci, provocando pericolosi effetti collaterali.

Referenze »

Angina. National Heart, Lung, and Blood Institute. http://www.nhlbi.nih.gov/health/dci/Diseases/Angina/Angina_All.html. Consultato il 14 marzo 2011.
Angina pectoris. American Heart Association. http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4472. Consultato il 14 marzo 2011.
ACC / AHA gestione dei pazienti con angina instabile / non-ST-infarto miocardico con sopraslivellamento – guida Pocket. American College of Cardiology e l’American Heart Association. http://www.americanheart.org/downloadable/heart/1194979355638UA-NSTEMI.Text.Final.pdf. Consultato il 14 marzo 2011.
Scheda informativa per il paziente: la ranolazina. US Food and Drug Administration. http://www.fda.gov/Cder/drug/InfoSheets/patient/ranolazine.pdf. Consultato il 14 marzo 2011.
L-arginina. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. Consultato il 11 mar 2011.
Ruel M, et al. Il trattamento concomitante con L-arginina per via orale migliora l’efficacia della angiogenesi chirurgico in pazienti con grave malattia coronarica diffusa: la modulazione endoteliale in studio randomizzato e controllato la terapia angiogenica. Journal of Thoracic and Cardiovascular Surgery. 2008; 135:762.
L-carnitina. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. Consultato il 11 mar 2011.
Ferrari R, et al. Effetti terapeutici di L-carnitina e propionil-L-carnitina sulle malattie cardiovascolari: una revisione. Annali della New York Academy of Sciences. 2004; 1033:79.

Link sponsorizzati