Ipertensione : sintomi, segni, cause, diagnosi e cure


L’ipertensione è una condizione comune in cui la forza del sangue che preme contro le pareti delle arterie è talmente elevata che alla fine potrebbe causare problemi di salute, come malattie cardiache.

Link sponsorizzati

La pressione arteriosa è determinata dalla quantità di sangue che il cuore pompa e la quantità di resistenza al flusso di sangue nelle arterie.

Si può avere la pressione alta (ipertensione) per anni senza alcun sintomo. L’ipertensione non controllata aumenta il rischio di gravi problemi di salute, tra cui infarto e ictus.

La pressione alta si sviluppa in genere per molti anni, e colpisce quasi tutti. Fortunatamente, la pressione alta può essere facilmente individuata e controllata.

Sintomi

La maggior parte delle persone con pressione alta non hanno segni o sintomi, anche se valori di pressione sanguigna raggiungono livelli pericolosamente alti.

Tuttavia nella pratica clinica sono stati riscontrati in alcune persone mal di testa che si presenta come un dolore sordo, vertigini o epistassi Tutti questi segni e sintomi in genere non si verificano fino a quando la pressione non  ha raggiunto un livello pericoloso per la vita.

Parlare con il medico e decidere quando iniziare i controlli di routine per prevenire l’ipertensione. I medici spesso consigliano letture più frequenti, se è già stata diagnosticata la pressione alta o si hanno fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. E’ bene precisare che i controlli della pressione arteriosa andrebbero effettuati anche sui bambini.

Cause

Ci sono due tipi di pressione alta, quella essenziale e quella secondaria

Ipertensione essenziale

Per la maggior parte degli adulti, non esiste nessuna causa identificabile per l’alta pressione sanguigna. Questo tipo di pressione alta, chiamata ipertensione essenziale o primaria, tende a svilupparsi molto gradualmente nel corso degli anni.

Ipertensione secondaria

Alcune persone hanno la pressione alta causata da una condizione di base. Questo tipo di pressione alta, chiamata ipertensione secondaria, tende a comparire improvvisamente. Varie condizioni e farmaci possono portare a ipertensione secondaria, tra cui:

  • Problemi renali
  • Tumori delle ghiandole surrenali
  • Alcuni difetti congeniti nei vasi sanguigni
  • Alcuni farmaci, di cui citiamo solo alcuni, come i decongestionanti, la pillola anticoncezionale, antidolorifici, la pseudoefedrina, principlamente  usata per la cura del raffreddore ed altre varietà di farmaci
  • Droghe illegali, come la cocaina e le anfetamine

ipertensione.jpg

Fattori di rischio

L’alta pressione sanguigna ha molti fattori di rischio, tra cui:

  • Età. il rischio di ipertensione aumenta con l’età, è più comune negli uomini e le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare il problema dopo la menopausa.
  • Casi di ipertensione in famiglia. L’alta pressione sanguigna tende a tramandarsi all’interno delle famiglie.
  • Essere in sovrappeso o obesi. Più peso si ha più sangue è necessario per fornire ossigeno e nutrienti ai tessuti. Poiché il volume del sangue aumenta così fa la pressione sulle pareti delle arterie.
  • Non essere fisicamente attivi. Le persone che sono inattive tendono ad avere frequenze cardiache più elevate. Maggiore è la frequenza cardiaca, marrioe è il lavoro che il cuore deve fare con ogni contrazione. La mancanza di attività fisica aumenta anche il rischio di essere sovrappeso.
  • A volte la gravidanza può potare a ipertensione
  • Uso del tabacco. Non solo fumare o masticare tabacco aumenta la pressione sanguigna, ma le sostanze chimiche nel tabacco possono danneggiare il rivestimento delle pareti delle arterie.
  • Troppo sale (sodio) nella dieta. Troppo sodio nella dieta può causare ritenzione di liquidi, che aumenta la pressione sanguigna.
  • Troppo poco potassio nella dieta. Il potassio aiuta a bilanciare la quantità di sodio nelle cellule. Se non si ha abbastanza potassio nella dieta si può accumulare troppo sodio nel sangue.
  • Troppo poca vitamina D nella dieta. La vitamina D può influenzare un enzima prodotto dai reni che influisce sulla pressione sanguigna.
  • Bere troppo alcool. L’alcol può temporaneamente aumentare la pressione sanguigna, in quanto può causare un rilascio di ormoni che aumentano il flusso sanguigno e la frequenza cardiaca.
  • Stress. Alti livelli di stress possono portare ad un aumento temporaneo, ma drammatico, della pressione sanguigna.
  • Alcune patologie croniche. Certe condizioni croniche possono anche aumentare il rischio di pressione alta, ad esempio il colesterolo alto, diabete, malattie renali e apnea del sonno.

Sebbene la pressione alta sia più comune negli adulti, i bambini possono essere comunque a rischio. Per alcuni bambini, la pressione alta è causata da problemi ai reni o al cuore. Ma per un numero crescente di ragazzi, cattive abitudini di vita, come ad esempio una dieta inadeguata e la mancanza di esercizio fisico possono provocare ipertensione.

Complicazioni

La pressione eccessiva sulle pareti delle arterie causata dalla pressione alta può danneggiare i vasi sanguigni, e gli organi nel corpo. Più alta è più a lungo non controllata è la pressione sanguigna e maggiore è il danno.

L’ipertensione non controllata può portare a:

  • Un attacco di cuore o ictus. La pressione alta può causare indurimento e ispessimento delle arterie (aterosclerosi), che può portare a un attacco di cuore, ictus o altre complicazioni.
  • Aneurisma. Un aumento della pressione sanguigna può causare indebolimento e rigonfiamento, dei vasi formando un aneurisma.
  • Insufficienza cardiaca. Per pompare il sangue contro la pressione alta nei vasi, il muscolo cardiaco si ispessisce. Alla fine, il muscolo ispessito può avere difficoltà a pompare sangue a sufficienza per soddisfare le esigenze del  corpo.
  • Vasi sanguigni indeboliti e ristretti dei reni. Questo può impedire ai reni di funzionare normalmente.
  • Vasi sanguigni ispessiti, ristretti o strappati negli occhi. Questo  può provocare la perdita della vista.
  • La sindrome metabolica Questa sindrome è un insieme di disturbi del metabolismo del corpo ,tra una circonferenza del giro vita maggiore, trigliceridi alti, basso lipoproteine ad alta densità (HDL), colesterolo, pressione sanguigna alta e alti livelli di insulina. La sindrome metabolica mette a rischio di sviluppare diabete, malattie cardiache o ictus.
  • Problemi con la memoria o comprensione. L’ipertensione incontrollata può anche influenzare la capacità di pensare, ricordare e imparare.

Diagnosi

La pressione sanguigna è misurata con un bracciale gonfiabile e un manometro. Un valore della pressione sanguigna, è espresso in millimetri di mercurio (mm Hg), ed ha due numeri. Il primo, è, il numero   che corrisponde alla pressione nelle arterie quando il cuore batte (pressione sistolica). Il secondo, è il numero misura la pressione nelle arterie tra i battiti (pressione diastolica).

Misurazioni della pressione arteriosa rientrano in quattro categorie generali:

  • Pressione sanguigna normale. La pressione del sangue è normale se è inferiore a 120/80 mm Hg. Tuttavia, alcuni medici consigliano 115/75 mm Hg come obiettivo migliore. Una volta che la pressione supera 115/75 mm Hg, il rischio di malattie cardiovascolari inizia ad aumentare.
  • Preipertensione. La preipertensione è una pressione sistolica variabile 120-139 mm Hg o una pressione diastolica da 80 a 89 mm Hg. La preipertensione tende a peggiorare nel tempo.
  • Fase 1 della ipertensione. L’ipertensione di stadio 1 è una pressione sistolica variabile tra 140-159 mmHg o una pressione diastolica da 90 a 99 mm Hg.
  • Ipertensione di fase 2. L’ipertensione di stadio 2 è una pressione sistolica di 160 mmHg o superiore o una pressione diastolica di 100 mm Hg o superiore.
  • Entrambi i numeri in una lettura della pressione sanguigna sono importanti. Ma dopo i 50 anni, la lettura sistolica è ancora più significativa. L’ipertensione sistolica isolata (ISH) quando la pressione diastolica è normale, è il tipo più comune di ipertensione tra le persone di età superiore ai 50 anni.

Ipertensione

E’ bene ricordare che la pressione sanguigna varia normalmente durante il giorno e, talvolta, in particolare durante le visite dal medico, per una condizione chiamata ipertensione da camice bianco. Il medico può chiedere di registrare la pressione sanguigna a casa e al lavoro per fornire ulteriori informazioni.

Controllare la pressione sanguigna a casa

Un modo importante per verificare se il trattamento della pressione sanguigna sta funzionando, o per diagnosticare un peggioramento della  pressione, è quello di monitorare la pressione sanguigna a casa. Gli sfigmomanometri sono ampiamente disponibili, ed hanno anche un prezzo contenuto.

Trattamenti e cure

Il trattamento della pressione arteriosa varia a seconda dei casi.

Questi generalmente sono i valori di riferimento a cui spesso tramite terapia e dieta si tenta di arrivare

  • 140/90 mm Hg o inferiore    In un adulto sano
  • 130/80 mm Hg o inferiore    Se si dispone di una malattia renale cronica, diabete o malattia coronarica o si è ad alto rischio di malattia coronarica
  • 120/80 mm Hg o inferiore    Se il cuore non pompa bene o si soffre di grave malattia renale cronica

Se si è in età adulta 80 anni o più e la pressione sanguigna è molto alta, il medico può stabilire un obiettivo differente della pressione del sangue che è leggermente superiore ai 140/90 mmHg.

Cambiamenti allo stile di vita possono essere il primo passo di un lungo cammino verso il controllo della pressione arteriosa. Ma a volte i cambiamenti dello stile di vita non sono sufficienti. In aggiunta alla dieta e all’esercizio fisico, il medico può raccomandare farmaci per abbassare la pressione sanguigna.

I farmaci per trattare la pressione arteriosa alta

  • I diuretici tiazidici. Diuretici, sono farmaci che agiscono sui reni per aiutare il corpo ad eliminare sodio e acqua, riducendo il volume del sangue. I diuretici tiazidici sono spesso i primi -ma non gli unici farmaci per l’alta pressione del sangue.
  • I beta-bloccanti. Questi farmaci riducono il carico di lavoro sul cuore e aprono i vasi sanguigni, causando un battito più lento e con meno forza.
  • Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE). Questi farmaci aiutano a rilassare i vasi sanguigni bloccando la formazione di una sostanza chimica naturale che restringe i vasi sanguigni.
  • Antagonisti dei recettori dell’angiotensina II Questi farmaci aiutano a rilassare i vasi sanguigni bloccando l’azione , ma non la formazione – di una sostanza chimica naturale che restringe i vasi sanguigni.
  • Calcio-antagonisti. Questi farmaci aiutano a rilassare i muscoli dei vasi sanguigni.
  • Inibitori della renina. L’Aliskiren (Tekturna) rallenta la produzione di renina, un enzima prodotto dai reni che avvia una catena di passaggi chimici che aumentano la pressione sanguigna. La tekturna agisce riducendo la capacità della renina di iniziare questo processo. A causa di un rischio di complicanze gravi, tra cui ictus, non si deve prendere aliskiren con ACE-inibitori o ARB.

Se la pressione non vuole comunque regolarizzarsi anche prendendo farmaci il medico può prescrivere:

  • Alfa bloccanti. Questi farmaci riducono gli impulsi nervosi ai vasi sanguigni, riducendo gli effetti delle sostanze chimiche naturali.
  • Alfa-beta bloccanti. Oltre a ridurre gli impulsi nervosi ai vasi sanguigni, gli alfa-beta bloccanti rallentano il battito cardiaco per ridurre la quantità di sangue che deve essere pompato attraverso i vasi.
  • Agenti ad azione centrale. Questi farmaci impediscono al cervello di segnalare al sistema nervoso di aumentare la frequenza cardiaca e restringere i vasi sanguigni.
  • Vasodilatatori. Questi farmaci lavorano direttamente sui muscoli nelle pareti delle arterie, impedendo ai muscoli il serraggio ed il restringimento delle arterie.

Una volta che la pressione sanguigna è sotto controllo, il medico potrebbe prescrivere un’aspirina al giorno per ridurre il rischio di disturbi cardiovascolari.

Per ridurre il numero di dosi giornaliere di farmaci, il medico può prescrivere una combinazione di basse dosi di farmaci piuttosto che dosi maggiori di un singolo farmaco. In effetti, due o più farmaci per la pressione del sangue spesso funzionano meglio di uno. A volte trovare il farmaco più efficace è una questione di tentativi ed errori.

Cambiamenti dello stile di vita per trattare la pressione alta

Per controllare l’ipertensione sarà necessario apportare modifiche allor stile di vita. Questi cambiamenti di solito includono una dieta sana con meno sale, attività fisica, smettere di fumare e perdere peso.

Ipertensione resistente: quando la pressione del sangue è difficile da controllare

Se la pressione sanguigna rimane ostinatamente alta, nonostante si prendano almeno tre diversi tipi si può avere l’ipertensione resistente. L’ipertensione resistente è la pressione del sangue che è resistente al trattamento.

Avere dell’ipertensione resistente può essere stressante e scoraggiante, ma fortunatamente non significa che la pressione del sangue non potrà mai scendere. Infatti, se si identifica la condizione di fondo che  è dietro una pressione del sangue persistentemente alta, si può trovare un trattamento efficace.

Il medico può valutare se i farmaci e le dosi per la pressione alta sono appropriati.

Cambiamenti dello stile di vita possono aiutare a controllare e prevenire la pressione alta. Ecco cosa si può fare:

  • Mangiare cibi sani. Consumare frutta, verdura, cereali integrali a basso contenuto di grassi e latticini. L’abbondanza di potassio, può aiutare a prevenire e controllare la pressione arteriosa alta. Mangiare meno grassi saturi e grassi totali.
  • Diminuire il sale nella dieta. Un livello di sodio inferiore a 1.500 milligrammi (mg) al giorno -è appropriato per le persone di 51 anni di età o più anziani.
  • Mantenere un peso sano.
  • Aumentare l’attività fisica.
  • Non fumare.
  • Monitorare la pressione del sangue a domicilio.
  • Praticare rilassamento o respirazione lenta e profonda.

Anche se la dieta e l’esercizio fisico sono le tattiche migliori per abbassare la pressione sanguigna, esistono alcuni supplementi che possono risultare molto utili nel controllo della pressione arteriosa. Questi includono:

  • Acido alfa-linolenico (ALA)
  • Psyllium Blond
  • Calcio
  • Cacao
  • Olio di fegato di merluzzo
  • Omega-3
  • Aglio
  • Coenzima Q10

Tutte queste sostanze esistono sotto forma di integratori facilmente reperibili, tuttavia il modo migliore per assumere queste sostanze, rimane quello di pianificare una giusta alimentazione che sia bilanciata e al tempo stesso rispetti le esigenze del paziente iperteso.

Referenze »

Chobanian AV, et al. Il settimo rapporto del Joint National Committee per la prevenzione, rilevazione, valutazione e trattamento di alta pressione sanguigna. New England Journal of Medicine. 2003; 289:2560.
Alta pressione sanguigna cause. American Heart Association. http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4603. Consultato il 8 giugno 2010.
Alta pressione sanguigna, fattori che contribuiscono a. American Heart Association. http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4650. Consultato il 8 giugno 2010.
Kaplan NM, et al. Trattamento dell’ipertensione nei neri. http://www.uptodate.com/index. consultato il 8 giugno 2010.
TJ Wang, et al. Carenza di vitamina D e rischio di malattia cardiovascolare. Circulation. 2008; 117:503.
Kaplan NM, et al. Pre-ipertensione e l’ipertensione borderline. http://www.uptodate.com/index. consultato il 8 giugno 2010.
Calhoun DA, et al. Ipertensione resistente: diagnosi, valutazione e trattamento. Una dichiarazione scientifica dell’American Heart Association Comitato di Educazione Professionale del Consiglio per la ricerca di alta pressione sanguigna. Ipertensione. 2008; 117: E510.
Pressione arteriosa farmaci che abbassano. American Heart Association. http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=159. Consultato il 8 giugno 2010.
Lopez L, et al. Lifestyle counseling modifica per i pazienti ipertesi: risultati del National Health and Nutrition Examination Survey 1999-2004. American Journal of Hypertension. 2009; 22:325.
Villegas R, et al. L’effetto cumulativo di comportamenti stile di vita fondamentali sulla prevalenza di ipertensione e dislipidemia. BMC Public Health. 2008; 8:210.
La tua guida per ridurre la pressione sanguigna con il DASH. National Heart, Lung, and Blood Institute. http://www.nhlbi.nih.gov/health/public/heart/hbp/dash/new_dash.pdf. Consultato il 8 giugno 2010.
Appel LJ, et al. Approcci dietetici per prevenire e curare l’ipertensione: una dichiarazione scientifica della American Heart Association. Ipertensione. 2006; 47:296.
Pandic S, et al. Device-guidate esercizi di respirazione nel trattamento dell’ipertensione – percezioni ed effetti. CVD prevenzione e il controllo. 2008; 3:163.
Medicine naturali nella gestione clinica di ipertensione. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. Consultato il 28 aprile 2010.
Casa di monitoraggio della pressione arteriosa. American Heart Association. http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=576. Consultato il 9 Marzo 2010.
Dietary Guidelines for Americans, 2010. US Department of Health and Human Services. http://www.cnpp.usda.gov/DGAs2010-PolicyDocument.htm. Consultato il 18 febbraio 2011.
Servizi US Preventive Task Force. Screening per la pressione alta: US Preventive Services Task Force dichiarazione riaffermazione raccomandazione. Annals of Internal Medicine. 2007; 147:783.
Tekturna in pazienti ad alto rischio con diabete e insufficienza renale. Novartis International AG. Consultato il 9 gennaio 2012.

Link sponsorizzati